LBA - Carlos Delfino: "Continuo perché mi sento ancora un giocatore di basket"

12.07.2020 00:18 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
LBA - Carlos Delfino: "Continuo perché mi sento ancora un giocatore di basket"

Carlos Delfino alla VL Pesaro in Italia per giocare in Serie A, è stata una sorpresa autentica. Verso la guardia argentina c'è stato un fremito di interesse nella sua patria - per lui teoricamente si aprono le porte per l'Olimpiade di Tokyo accanto al totem Luis Scola - e il sito basquetsplus.com lo ha intervistato.

- Immagino che non ti sia mai passato per la testa che non avresti giocato ...

Ne stavo parlando ieri con la mia signora. La mia ultima partita è stata una finale con la Fortitudo Bologna per niente, perché le due squadre che l'hanno giocata sono state promosse. La prima gara ho giocato molto bene. La seconda stava giocando bene, ma nel complemento non sono più entrato e ho finito con tre punti. Ho iniziato a pensare che questa fosse l'ultima partita dell'anno. Più tardi, a causa di problemi non sportivi, all'inizio dell'anno nuovo non volevo chiudere un contratto e, quando ho deciso di trovare una squadra, è emersa la questione del Coronavirus. Lì ho pensato che forse avrei potuto rimanere impiccato. Ma non giocare no, perché continuo sempre a giocare e ad allenarmi. Non ci sono stati infortuni o altro che mi hanno fermato, quindi è successo qualcosa di strano. Alla fine è stato più lungo di quanto mi aspettassi, ma il desiderio di giocare è intatto.

- Tornare alla serie A.

 L'anno scorso sono andato in seconda categoria perché era la Fortitudo Bologna, ma avevo offerte in Serie A e avrei potuto concludere la stagione in quella divisione. Fare di nuovo una preseason, giocare di nuovo dopo la pandemia è raro. Mi sto allenando molto da solo e abbastanza con mio cognato. Ho a disposizione un campo nella città in cui mi trovo (Trento) perché è a 300 metri da casa mia e ho trascorso l'intero periodo di quarantena, correndo sul campo. Ho trascorso l'ultima settimana ad allenarmi con mio cognato in un modo strano, perché all'inizio potresti essere solo e ora puoi passare la palla senza avere alcun contatto. Siamo a metà luglio e stiamo parlando della preseason a partire fra due o tre settimane e il 29 agosto inizia la Supercoppa italiana. Non so se sarà una bolla o se avrà un pubblico. Personalmente, mi sono sempre mosso e sono sempre pronto a entrare in campo. Quello che mi mancherà è quello che mancherà a tutti: contatto fisico e competizione.

- Se ti chiedo perché continui a giocare, quale sarebbe la tua risposta iniziale?

Perché io sono e mi sento ancora un giocatore di basket. Mi diverto più a giocare a basket che a pescare, cosa che dice molto. Giocare mi rende attivo e adoro la competizione. Fisicamente mi sento in forma per farlo. Quando invecchi, pensi sempre che il tuo tempo migliore sia già passato. Ma, prima di iniziare a competere con le persone anziane, mi sento ancora abbastanza allenato per misurarmi con i più giovani.

- I grandi vecchi vogliono ancora stupire.

Stavo leggendo un'atricolo di Zlatan Ibrahimovich e ho pensato che il tema dell'età sia cambiato molto. Prima, un atleta si ritirava a 30 anni. Oggi il limite si è allungato così tanto, molte cose sono cambiate: i metodi di allenamento, il modo di prendersi cura di sé con i pasti, principalmente la medicina. Hai rotto un crociato e la corsa era finita? Non succede più. L'età è un numero. Ciò che conta è come si prende la carriera, il momento. Non sto pensando che sarò lo stesso. Quello che penso è che voglio che sia un anno molto bello. Non vedo l'ora che sia il mio ultimo anno o giù di lì. Lo stesso con Luis. Se vuoi, puoi continuare a giocare. Tutto questo cambiamento che è stato fatto avviene non solo nel basket, ma anche nello sport in generale. L'altro giorno stavo ridendo quando ho sentito gente dire che Messi è vecchio. Siamo legati a un argomento tabù che è l'età.

- Quali sono le tue aspettative per la stagione in Serie A?

La Serie A in Italia non è la stessa degli anni 2000. Non ha lo stesso livello di competitività della Spagna, ma è un campionato in cui chiunque può battere chiunque. Hai scoperto che ogni campo è difficile. È un mondo, un posto speciale. Di recente ho parlato anche con Luis. È un torneo molto divertente che sta cercando di ritrovarsi in quello che è questo momento dell'economia mondiale. Quello che dovranno decidere è qualcosa di simile a quello della Lega Nazionale Argentina: vedere quanti stranieri permettano di sviluppare gli italiani.

- Il derby speciale con Varese (e Luis Scola).

Fino ad oggi non esiste alcuna misura che consenta di praticare sport di contatto diversi dal calcio. Le leghe sportive vogliono riprogrammare, ma il Ministero non ha ancora dato loro il permesso. Si vorrebbe cominciare il campionato il 1° ottobre. Per quanto riguarda Varese, stavo parlando con El Capi recentemente. Saranno partite speciali. Luis è molto felice per me. Sta prendendo delle decisioni molto carine, perché non aveva giocato in Italia ma si è innamorato del paese. L'Italia è la mia seconda casa e adoro che il mio compagno da così tante battaglie la pensi così. Per non parlare di ciò che può essere per competere. E' una leggenda vivente della pallacanestro.