LBF A1: il resto della III^ giornata che si chiude con Schio-Geas

Dopo gli anticipi del sabato con le vittorie di Campobasso e Faenza oggi altre gare molto importanti con finale di lusso a Schio
17.10.2021 10:00 di Eduardo Lubrano Twitter:    vedi letture
LBF A1: il resto della III^ giornata che si chiude con Schio-Geas

Nel secondo anticipo della II^ giornata della serie A1 LBF giocato sabato sera, la E-Work Faenza ha superato la Costruzioni Italia Broni per 78 a 70 anche grazie ai 30 punti di Lori Davis: 9 su 10 da 2, 0/1 da 3, 12 su 14 ai liberi con 12 falli subiti e 6 rimbalzi. E’ lei nella foto di copertina (@Marco Brioschi) che aiutata da Cupido, Policari e da Manzotti ha permesse alla formazione romagnola di essere sempre avanti anche se non è mai riuscita a fare un break importante. Broni è stata lì fino alla fine grazie a Galbiati e Krivacevic.

Oggi si giocano le altre cinque gare del III° turno. Il Banco di Sardegna Dinamo Sassari riceve l’USE Scotti Rosa Empoli con la quale divide la parte bassa della classifica. Entrambe le squadre sono infatti ancora ferme a zero in classifica dopo due gare e questo rende ancor più attesa la partita. "Sassari è una squadra molto rinnovata - spiega coach Alessio Cioni di Empoli - ma che, rispetto al passato, ha alzato di molto l'asticella e non a caso partecipa all'Eurocup dove ha già passato il primo turno. La società ha allestito una squadra di tutto rispetto cambiando le italiane che aveva in quintetto ed aumentando la qualità. Oltre a questo ha aggiunto anche due americane fortissime e quindi si è decisamente rafforzata. Questo per dire che dovremo stare attente a limitare queste due giocatrici, riuscendo poi ad alzare le nostre percentuali e le medie che finora non sono state altissime. Sappiamo che sarà una gara molto difficile e piena di insidie ma siamo determinate a giocarcela per smuoverci finalmente in classifica e prendere così il morale che le vittorie danno".

A Ragusa la Passalacqua attende, forte del primato in classifica, sia pure con Schio, Venezia, la Limonta Costa Masnaga per raggiungere la Magnolia Campobasso vittoriosa ieri in casa della Virtus Bologna. Dopo tanto tempo sarà la prima in casa al PalaMinardi per le ragazze di coach Recupido dunque entusiasmo che si aggiunge alla ricerca delle forma giusta per le siciliane, un mix che potrebbe essere un elemento in più. Le lombarde arrivano alla sfida un po' incerottate, ma pronte a sopperire ad eventuali mancanze (sicura quella dell'ex Spreafico) con coraggio ed energia. Coach Paolo Seletti inquadra così la sfida: “Se guardo a 2 anni fa, con loro e qualche altra squadra, non toccavamo nemmeno terra come si dice in gergo. Ora abbiamo tutte le carte in regola per giocarcela con chiunque. Dobbiamo affrontarle con faccia tosta e a testa alta, non possiamo permetterci i troppi errori commessi nella partita contro le molisane, ci sono costati la vittoria. Ragusa ha un roster profondissimo e completo in tutti i reparti nonostante le assenze di Hebard e Spinelli; una formazione di livello europeo direi, ma senza l'impegno delle coppe, quindi tutte le loro energie sono rivolte al campionato. Attenzione e determinazione saranno al primo posto nel piano gara”.

Derby veneto, uno dei tanti di ogni stagione, al Taliercio tra Umana Reyer Venezia e Fila San Martino. Le campionesse di Italia hanno perso l’occasione di battere Ekaterinburg che mancava ancora di alcune straniere ma hanno giocato una grande partita, faticosa cui si è aggiunta la fatica del doppio viaggio fino ai confini orientali dell’Europa. Quindi la prima cosa sarà capire quanta benzina è rimasta della riserva settimanale in casa Reyer. Il Fila San Martino aggiunge al suo roster Karline Pilabere, lunga lettone che si è unita da pochi giorni agli allenamenti. Il suo innesto sarà importante anche per tornare ad allungare le rotazioni, orfane dalla scorsa settimana dell'infortunata Ianezic.

Il Basket Le Mura Lucca si appresta a scendere nuovamente sul parquet casalingo per l’inedita sfida con l’Akronos Moncalieri, compagine reduce da due promozioni negli ultimi quattro anni che hanno permesso alle piemontesi di approdare nel gotha della pallacanestro femminile italiana. Capitan Maria Miccoli e compagne andranno alla ricerca della prima vittoria stagionale con una Sydney Wiese in più nel motore. Assieme alla cestista di Phoenix, arrivata in Italia nella giornata di giovedì, coach Andreoli dovrebbe nuovamente contare su Carlotta Gianolla, ristabilitasi dal piccolo problema alla caviglia che le aveva impedito di essere a disposizione domenica scorsa. Roster finalmente al gran completo per le biancorosse, chiamate a vedersela contro il team allenato dal giovane Paolo Terzolo in un match che nasconde diverse insidie.

Con la partita di domenica iniziamo un ciclo molto importante per il nostro campionato.”- ha dichiarato il tecnico biancorosso Luca Andreoli- “Moncalieri ha già vinto un match e da neopromossa si porta dietro un grande entusiasmo. Dovremo essere brave a difendere contro la loro fisicità, ben rappresentata da una cestista duttile come Miletic. Dobbiamo eliminare quegli errori commessi nel precedente turno contro Venezia. Wiese già da domenica potrà darci una mano, ma francamente non so quanti minuti di autonomia abbia. Per ottenere la vittoria dovremmo essere più in quei piccoli particolari che ci sono costati i due punti contro le campionesse d’Italia.”

Il finale di giornata è affidato ad una classica della pallacanestro femminile tornata in auge da quando Sesto San Giovanni è rientrata in serie A1: Famila Schio-Geas. Oltre all’importanza tecnica della partita con il Geas che vuole una vittoria di prestigio e che le valga la seconda vittoria in campionato e le scledensi invece che devono srollarsi la brutta gara di Euroleague con Girona di giovedì sera, la sfida vive anche su elementi di emozioni e cuore. L’eterno confronto fra le gemelle Dotto: Caterina a Sesto San Giovanni, Francesca capitano a Schio; Costanza Verona cresciuta negli ultimi tre anni al Geas e da quest’anno passata alla formazione veneta; Martina Crippa cresciuta nel vivaio Geas prima di spiccare il volo verso altri lidi.

Caterina Dotto: “Affronteremo una delle squadre più forti del campionato, se non la più forte. Hanno recuperato dall’infortunio Gruda e da poco al gruppo si è aggiunta anche Collier. Sappiamo di essere in una situazione di difficoltà, che non ci permette di allenarci con alta qualità. Tuttavia, cercheremo di fare del nostro meglio, con concentrazione. Dobbiamo riuscire ad affrontare questo periodo a testa alta, cercando di imparare dalle difficoltà. Non possiamo nasconderci dietro i MA o i SE del caso. Dobbiamo riuscire a crescere attraverso i NONOSTANTE”.

Cinzia Zanotti è l’allenatrice del Geas: “Sulla carta è una partita proibitiva, vista anche la nostra situazione riguardante gli infortuni, ma non ci diamo per vinte e andremo lì per fare la migliore gara possibile, nonostante la disparità di roster. Schio è una squadra in grande forma, che in più ha iniziato ad allenarsi un mese prima. È appena arrivata Collier, ma il gruppo è in buona parte consolidato dall’anno scorso, con degli innesti importanti già ben inseriti nella squadra. Cercheremo di mischiare un po’ le carte, facendo del nostro meglio: rimaniamo in ‘emergenza’ ma per carattere non ci diamo mai per vinti e anche domenica sarà così”.