Bollettino Covid-19, 15 settembre: nessuna regione senza nuovi positivi

15.09.2020 18:07 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Bollettino Covid-19, 15 settembre: nessuna regione senza nuovi positivi

Coronavirus Italia. Nel bilancio del 15 settembre ecco la curva epidemica in Italia. Sono venute a mancare anche oggi 9 persone. L'incremento dei nuovi casi di coronavirus è di 1.221 (1.008 ieri). Nessuna regione senza nuovi casi: i più numerosi nelle ultime 24 ore in Lombardia (176) e in Liguria (141). Seguono Lazio (+139), Campania (+136), Emilia - Romagna (+125) e Veneto (+115).

Ricordiamoci che viviamo in un momento di grande incertezza, anche dal punto di vista scientifico, e che occorre mantenere alta l'attenzione. La mobilità è stata il fattore più importante nella diffusione del contagio.

Ancora però non si va verso un stop delle vittime in Italia, salite a 35.633 con un incremento di 9 (14 ieri). Pazienti in terapia intensiva: 201 (ieri 197). I guariti raggiungono quota 214.645. Gli attualmente positivi sono 39.712 in risalita. La prudenza è sempre d'obbligo.

"Dobbiamo ancora mantenere il distanziamento, portare le mascherine, lavarci le mani, ma non è per sempre: dopo l'autunno e l'inverno vedremo la luce". È quanto ha affermato il ministro della salute, Roberto Speranza, in un'intervista a Repubblica  in cui ha spiegato che "una cura e un vaccino per il Covid sono vicini" e quindi si tratta di "resistere altri sei mesi". In questo senso ha ricordato che l'Ue sta comprando un pacchetto di vaccini "6+1, quello di AstraZeneca è uno dei sei ed è in fase più avanzata".

L’ordinanza emanata dal ministero della Salute prevede l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto, dove non sia possibile rispettare le regole sul distanziamento, solamente tra le 18 e le 6 del mattino. Una decisione che, al di là dell’ironia, si basa su alcune considerazioni riguardanti le abitudini dei più giovani, la stagionalità e in generale ha l’obiettivo di evitare i contagi causati dalla movida. Ed è prevista unna multa salata per chi non è in regola da 400 euro.

Coronavirus Mondo. Invece  il grafico che aggiorna i dati in tempo reale della Johns Hopkins University conferma che alle 16:30 del 15 settembre gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di infetti, oltre 6,5 milioni, l'India supera 4,9 milioni e il Brasile 4,2; e siamo ormai a oltre 28,5 milioni di contagi confermati nel mondo.

6.557.802 USA ; 4.930.236 India ; 4.345.610 Brazil ; 1.069.873 Russia ; 733.860 Peru ; 721.892 Colombia ; 671.716 Mexico ; 650.749 South Africa ; 593.730 Spain ; 565.446 Argentina ; 437.983 Chile ; 425.870 France ; 407.353 Iran ; 373.559 United Kingdom ; 341.056 Bangladesh ; 326.930 Saudi Arabia ; 302.424 Pakistan ; 294.478 Iraq ; 292.878 Turkey ; 288.761 Italia. Totale contagi mondo 29.323.247. Totale morti mondo: 929.444.

Il governo del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, e lo Stato di San Paolo hanno avviato le trattative per finanziare la produzione del vaccino cinese contro il coronavirus. Il governatore di San Paolo, Joao Doria, ha inviato un suo rappresentante a Brasilia per sollecitare lo stanziamento di 600 milioni di reais (circa 108 milioni di dollari) per la produzione del vaccino Coronavac, che ha già iniziato a essere testato su novemila volontari. Nonostante Bolsonaro, un ex militare di estrema destra, e Doria, un imprenditore dell'area moderata, siano avversari politici, non è escluso che raggiungano un accordo sulla produzione del farmaco sviluppato dal laboratorio cinese Sinovac. Il capo dello Stato per ora ha finanziato il vaccino dall'Università di Oxford ma, a causa della sospensione dei test avvenuta la scorsa settimana, sarebbe interessato ad aderire anche al progetto di San Paolo con il vaccino cinese. Il Brasile ha superato ieri 132 mila morti e i 4,3 milioni di casi di Covid-19. San Paolo è la regione più colpita, con 32 mila morti e 892 mila contagiati.

In Austria preoccupa molto la situazione dell'epidemia di coronavirus dove i casi giornalieri sono in continua crescita. Il 'Corona-Ampel', il semaforo Covid istituito dal Ministero della Sanità che segnala con quattro colori il rischio contagio nei singoli distretti del territorio nazionale, in alcune zone e' stato portato dal colore 'giallo' (rischio medio) ad 'arancione' (rischio alto). Il colore successivo, quello che indica un rischio molto alto, e' il 'rosso'. Semaforo 'arancione' a Vienna, Innsbruck, Moedling, Neunkirchen, Kufstein, Dornbirn e Bludenz. Il dato comunicato questa mattina dal Ministero di Vienna e' 764 nuovi contagi (ultime 24 ore), solo 400 di essi registrati nella capitale Vienna. La settimana scorsa l'incremento giornaliero aveva superato anche quota 800 e 900. In Austria i contagi complessivi sono 34.305, 757 i decessi e 293 pazienti covid si trovano ancora ricoverati in ospedale e 49 di essi necessitano delle cure della terapia intensiva.

Hong Kong ha completato ieri sera il suo programma di screening di massa per la COVID-19 lanciato due settimane fa, con la partecipazione di circa 1,78 milioni di residenti totali. In una nota, il governo della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong ha dichiarato che la maggior parte dei campioni raccolti nell'ambito del Programma Universale di Test della Comunità, quasi 1,72 milioni,  erano gia' stati analizzati alle 20:00 di ieri. Il programma aveva lo scopo di identificare i pazienti asintomatici e di tagliare le catene di trasmissione invisibili a Hong Kong, che dall'inizio di luglio sta affrontando il terzo ciclo dell'epidemia. Il governo centrale ha agito rapidamente per aiutare Hong Kong, rimasta indietro nella capacita' di test, offrendo un enorme sostegno in termini di risorse ed esperti medici. Un portavoce del governo della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong ha dichiarato ieri che il successo e il buon funzionamento del programma si e' basato sul pieno sostegno del governo centrale, con la creazione di un team di supporto per i test dell'acido nucleico al fine di migliorare la capacita' di analisi di Hong Kong in un breve periodo di tempo.

Israele sarà in lockdown da venerdì prossimo e per almeno tre settimane, lo ha annunciato stasera il premier Benyamin Netanyahu al termine di una seduta straordinaria del governo. Si tratta del primo Paese a disporre una misura così drastica dopo la nuova ondata di contagi da coronavirus. “Prevediamo che durerà almeno fino alla festa di Simchat Torah, il 10 ottobre" ha spiegato Netanyahu rigettando però l'accusa che che il suo governo abbia fallito nel contenimento della pandemia. La decisione di applicare un nuovo lockdown arriva dopo che i contagi la scorsa settimana hanno superato i 4mila casi giornalieri. Israele a oggi risulta il primo Paese al mondo per numero di nuovi contagi per milione di abitanti, ma anche terzo per tamponi effettuati.

L'India ha registrato un incremento record di nuovi casi di Covid-19 in un giorno. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, i nuovi contagi sono 97.570, che portano il bilancio totale a 4,65 milioni. I decessi nelle ultime 24 ore sono aumentati di 1.201, arrivando a 77.472. Il Maharashtra rimane lo Stato più colpito dalla pandemia, seguito da Andhra Pradesh, Karnataka e Uttar Pradesh. L'India è la seconda nazione più colpita dal contagio dopo gli Stati Uniti, ma il tasso di crescita delle infezioni è il più veloce al mondo.

USA. Un nuovo libro mette in imbarazzo Donald Trump. In 'Rage' (rabbia) il presidente ha confidato all'autore, il leggendario giornalista del Watergate Bob Woodward, che sapeva settimane prima del primo decesso Usa per covid-19 quanto il virus fosse pericoloso, trasmissibile per via aerea, altamente contagioso e "più fatale di una forte influenza". Nelle anticipazioni del libro diffuse dalla Cnn ammette inoltre di aver "sempre voluto minimizzarlo per non creare panico". Dichiarazioni che contrastano con i frequenti commenti del presidente.