EuroLeague - Bertomeu:"Alla fine della stagione avremo comunque un campione"

29.09.2020 15:44 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague - Bertomeu:"Alla fine della stagione avremo comunque un campione"

Contrariamente a quanto è accaduto la scorsa stagione, i club di EuroLeague hanno già deciso che un campione sarà incoronato indipendentemente da ciò che può accadere a causa della pandemia di coronavirus. Lo ha dichiarato stamani Jordi Bertomeu nel corso dell'incontro con i media partners.

 "Abbiamo un piano B ma ci piacciono i piani A e il nostro è molto flessibile. Possiamo cambiare le date e le sedi dei giochi. Le squadre sono state molto coinvolte in questa questione e ci hanno reso le cose facili. Sappiamo che ci saranno difficoltà durante la stagione e vedremo cambiamenti dell'ultimo minuto. Vedremo partite che si giocheranno in un altro paese, riassegnazioni di arbitri ... Se le cose peggiorano e dobbiamo fermarci, come è successo a marzo, torneremo al nostro piano di maggio, al nostro piano B. Tutto era pronto, l'unico problema era che tre o quattro squadre non potevano lasciare i loro paesi. Ecco perché non c'era nessuna "bolla". Ma avevamo tutta la logistica preparata, proprio come ora. Il piano B non è qualcosa a cui dobbiamo pensare, tuttavia, se è necessario, tutto è pronto".

Una delle principali sfide che i club di EuroLeague dovranno affrontare è viaggiare in Europa, soprattutto se non hanno prenotato voli charter. Come ha spiegato Bertomeu: "I voli sono di competenza dei club, ma comprendiamo che, data la situazione, ci saranno momenti in cui sarà difficile viaggiare in un altro paese. Questa settimana una squadra che deve viaggiare in Russia farà una sosta nel Regno Unito perché non c'era altra scelta. O per esempio, c'è Israele, dove il governo è molto restrittivo per quanto riguarda l'ingresso e l'uscita del paese. Ecco perché da giugno lassiamo con diverse compagnie aeree commerciali e abbiamo accordi con due di loro per facilitare le squadre che hanno difficoltà a viaggiare".

Certo, l'Euroleague deve anche pensare fiscalmente e in senso stretto, Bertomeu ha parlato dei ricavi del club della stagione precedente e anche della prossima: "La scorsa stagione abbiamo ridotto i ricavi tra il 20% e il 30%. L'accordo con l'ELPA con il quale lo stipendio è stato ridotto era importante. Per questa stagione dobbiamo concentrarci maggiormente sul reddito che va oltre il reddito puro legato allo sport. Normalmente la distribuzione dei profitti ai club da sponsor, merchandising, televisori diritto è 50% e l'altra metà dipende dalle prestazioni sportive, vendita dei biglietti, ecc. Quest'anno cambieremo quel saldo all'80% -20% a favore del denaro garantito. Sappiamo che i club fanno un sacco di soldi dalla vendita dei biglietti, quindi l'assenza di tifosi è ancora una sfida. In alcuni paesi, ci saranno persone in tribuna, in piccole quantità ovviamente, ma questo non dipende da noi, ma dai governi".