LBA - La zampata della Virtus Bologna in attesa di ritornar a ruggire

13.01.2020 11:35 di Davide Trebbi Twitter:    Vedi letture
LBA - La zampata della Virtus Bologna in attesa di ritornar a ruggire

È arrivata la reazione invocata da Aleksandar Djordjevic dopo la conferenza stampa pre partita contro Roma da parte della sua Virtus Bologna.

La settima gara vinta fuori casa su nove, ottenuta ri-difendendo forte e costringendo i capitolini a non segnare per sei lunghissimi minuti della partita.

Iniziata male ma dopo l’ingresso del generale offensivo Teodosic e una maggior abnegazione difensiva, la Segafredo ha ripreso fiducia nei propri mezzi.

Non importa le diciotto palle perse più per la sfrenata e ammirata voglia di condivisione, la differenza per epilogo finale in tutte le grandi squadre avviene quando la cooperazione è anche in difesa. 

Zona del campo completamente sporcata calpestata e picchiata e fortunatamente battuta nell’ultima trasferta di coppa a Belgrado, rendendo un leggero appannamento per la fragorosa caduta al primo grande test europeo, creando timori d’idoneità al maggior livello europeo.

Così poi la smania di modifica, aggiungendo e quindi sottraendo equilibri dal mercato, come se questo fosse la panacea di tutti i timori. 

Apprensioni per una squadra alla ventitreesima vittoria su ventotto fin qui giocate, difficile poi da giustificare dagli stessi protagonisti. 

Perché un nuovo innesto dovrebbe inserirsi cambiando gli equilibri offensivi e difensivi della squadra, cambiando poi i minuti di tutti nella sua distribuzione, convincendo poi inevitabilmente tutti. 

Qual è poi il giocatore ideale per ridurre il gap con le altre squadre, quali sono le rivali, quanto tempo ci vuole inserire una nuova carta e renderla subito efficace al gioco della Segafredo?

Domande non scontate, così come una larga vittoria della Virtus mercoledì contro i turchi del Darussafaka più per la pressione della posta in palio, giocando in un clima familiare dimostrando a tutti abilità, cercando di rimediar subito il cammino in Eurocup dopo la scoppola della prima giornata di Top16.

La zampata di prepotenza e convinzione è arrivata contro la piccola Roma in trasferta ma purtroppo non serve, bisogna vincere contro i turchi del Darussafaka per ritornare a ruggire.