NBA - Raptors, dichiarazione di Masai Ujiri contro il razzismo

01.06.2020 00:00 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Raptors, dichiarazione di Masai Ujiri contro il razzismo

Il presidente dei Toronto Raptors e co-fondatore di Giants of Africa. Masai Ujiri ha pubblicato una dichiarazione contro il razzismo sul caso George Floyd attraverso

Il video mi è stato inviato senza spiegazione. Guardandolo, ero confuso: che cos'è questo ? All'inizio, ho pensato che fosse di anni fa e qualcuno lo condivideva per fare un punto. Dopotutto, recentemente ci sono state molte conversazioni incentrate sulle interazioni che si sono concluse con la morte violenta di uomini di colore.

L'ho guardato ancora e ancora, prima di capire. Questo era nuovo. Fu un ufficiale di polizia che scelse di mettere il ginocchio sul collo di un uomo di colore fino a quando non sanguinava dal naso, e perse il controllo della vescica, e poi morì. È iniziato proprio lì per la strada a Minneapolis, mentre la gente chiedeva per la sua vita e chiedeva per sua madre. Quell'uomo si chiamava George Floyd ed aveva 46 anni. Ora so tutto questo.

Ma quella mattina, fissando il mio telefono, non riuscivo a capire come potesse essere. Non è stato solo poche settimane fa che stavamo piangendo la morte di Ahmaud Arbery, un uomo di colore che è stato colpito mentre faceva jogging in Georgia? Che siamo rimasti scioccati Breonna Taylor potrebbe essere uccisa nella sua stessa casa a Louisville, Ky.? L'elenco cresce e le cose non cambiano.

Da quando ho visto il video per la prima volta, ho pensato al ciclo. Succede una morte come questa, e ci arrabbiamo, e i titoli si ritirano, e il mondo va avanti, e poi qualche settimana dopo succede qualcos'altro e siamo di nuovo indignati e poi andiamo di nuovo avanti. Dobbiamo fermare quel ciclo.

Nessuno può negare alla polizia di avere un lavoro duro. Ma sono ufficiali di pace. Dovrebbero proteggere tutti noi. Questa è la professione che hanno scelto. Non ho visto pace o protezione quando quell'agente aveva il ginocchio sul collo del signor Floyd. Ho visto l'indifferenza. L '"ordine" in "legge e ordine" non dovrebbe significare la soppressione mortale delle persone di colore; dovrebbe significare preservare una società in modo che tutti possiamo sentirci liberi e sicuri, per vivere in pace gli uni con gli altri.

Siamo venuti tutti in questo mondo allo stesso modo - come esseri umani. Nessuno è nato per essere razzista e nessuno di noi vede il colore all'inizio. Credo che ci siano molte più persone buone che cattive, ma a volte i buoni devono fare di più che semplicemente essere buoni. Devono sopraffare il male.

Non posso scrivere su questo problema senza riconoscere ciò che mi è successo lo scorso giugno. È stato ampiamente riportato, ma lo riassumerò di nuovo. La nostra squadra aveva appena vinto il campionato NBA e mi affrettavo a salire in campo per festeggiare. Sono stato fermato, fisicamente fermato, da un ufficiale di polizia e lo scontro è diventato brutto. C'è ancora una causa davanti al tribunale - mi sta facendo causa - quindi non posso dire troppo.

Ma dirò questo: se fosse stato un altro presidente della squadra a dirigersi in tribunale - un presidente bianco della squadra - sarebbe stato fermato da quell'ufficiale? Me lo sono chiesto.

Riconosco che quello che è successo a Oakland lo scorso giugno è molto diverso da quello che è successo a Minneapolis lo scorso lunedì. La mia esperienza mi è costata solo un momento; L'esperienza del signor Floyd gli è costata la vita.

Il Canada è la mia casa e so che qui non siamo immuni dalla malattia del razzismo. Ma so di dover molto anche agli Stati Uniti, un paese che mi ha dato enormi opportunità. Tuttavia, la mia enorme gratitudine è, in questo momento, accompagnata da un enorme dolore per ciò che l'America deve ancora riconciliare per tutti i suoi cittadini.

È toccato ai neri e ai leader parlare delle ingiustizie - grandi e piccole - che affrontiamo. Siamo disposti e continuiamo a farlo nella grande tradizione di eroi come Nelson Mandela e Martin Luther King Jr. e Muhammad Ali: leader neri che hanno combattuto per persone di tutte le razze, uomini che hanno creduto nella giustizia universale.

Le conversazioni che stiamo avendo ora sul razzismo e sulla disuguaglianza riguardano argomenti che ritengo spesso evitati. Sì, ammetto che può essere difficile, ma è una conversazione che dobbiamo avere con i nostri figli, i nostri vicini, i nostri collaboratori, i nostri compagni di classe, la nostra comunità e i nostri leader.

Molti di voi si chiedono: cosa posso fare? C'è un senso di impotenza, ma ciò non deve paralizzarci. La tua voce conta, specialmente quando sei un leader o una figura influente, e specialmente se sei bianco. I leader devono essere abbastanza audaci da dichiarare l'ovvio e chiamare il razzismo.

La conversazione non può più essere evitata perché è difficile. Dobbiamo averlo. Adesso.