Serie C - Cus Jonico TA, intervista coach Olive

04.03.2020 01:06 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Serie C - Cus Jonico TA, intervista coach Olive

Il Cus Jonico Basket Taranto si riappropria della terza piazza solitaria dopo la vittoria sulla Libertas Altamura. L’analisi di coach Davide Olive è come sempre lucida: “Importante risultato a questo punto della stagione. Non era scontato vincere. Altamura veniva da tre vittorie consecutive di cui due fuori casa. Inoltre venivamo da una settimana particolare sul fronte degli infortuni. Abbiamo recuperato De Paoli ma in un sol colpo avevamo Salerno, che ringrazio per aver stretto i denti nel dare un cambio a Grosso, ma anche Cito era acciaccato, e con Vitanov indisponibile, di fatto eravamo sguarniti nelle rotazioni sugli under. Nonostante fossimo “corti” abbiamo allungato nel terzo quarto dimostrando una buona condizione. Gli abbiamo limitato nei loro punti forti, soprattutto Vigor, il loro miglior giocatore, a mio avviso, e difendendo forte sui pick and roll”.

Proprio sui singoli il tecnico rossoblu si sofferma: “Longobardi, Dusels e Bricis spiccano sugli altri nelle giocate e nei tabellini ma questa squadra è un gruppo coeso che si sacrifica l’uno per gli altri”. Sulla menzione doverosa per Longobardi, coach Olive sottolinea: “Classico giocatore che dimostra che non basta la tecnica, ha voglia, atteggiamento, sa stare sulle gambe, è uno dei migliori del suo ruolo in questo campionato. Ha una costanza di rendimento impressionante”.

Mentre su De Paoli, ultimo arrivato, dice: “Ludovico ha bisogno di recuperare il ritmo partita. A Lecce non ha giocato per una vescica ai piedi e questo ci ha rallentato il programma di recupero ma è già a un buon punto”.

Mancano due giornate alla fine della regular season, vietato distrarsi però ammonisce Olive: “Non possiamo dormire sonni tranquilli. A cominciare da Ostuni dove andremo a giocare la prossima settimana, una squadra forte in piena zona playoff che avrà recuperato Kadzevicius. Sarà un’altra battaglia, siamo pronti per lottare e provare a conquistare altri due punti”.