CONI e Governo - Con il nuovo DPCM non cambia nulla per l'attività sportiva

04.12.2020 09:05 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
CONI e Governo - Con il nuovo DPCM non cambia nulla per l'attività sportiva

In scadenza il DPCM di novembre, è arrivato nella serata di ieri, dopo il confronto Governo-Regioni, quello che ci indicherà le regole da seguire per le feste di fine anno fino al prossimo 15 gennaio 2021.

Andando ad esaminare quei commi della legge riservati allo sport, sia professionistico che dilettantistico che amatoriale, si deve rilevare che non c'è, purtroppo, alcuna novità positiva. Rimarrà tutto all'attuale stato delle cose.

Palestre, piscine, impianti sportivi e sciistici restano chiusi. L'attività agonistica rimane possibile solo a chi ne ha avuto le autorizzazioni fino ad oggi e nelle stesse forme con cui si è applicato.

Gli eventi sportivi saranno disputati solamente a porte chiuse; per quanto riguarda l’attività di base saranno possibili solo allenamenti individuali all’aperto. Di seguito l'estrapolazione dei paragrafi relativi.

e) sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni ‒ di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP) ‒ riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera e muniti di tessera agonistica, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate e Enti di promozione sportiva. Il Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e il Comitato italiano paralimpico (CIP) vigilano sul rispetto delle disposizioni di cui alla presente lettera;

f) sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli; sono consentite le attività dei centri di riabilitazione, nonché quelle dei centri di addestramento e delle strutture dedicate esclusivamente al mantenimento dell’efficienza operativa in uso al Comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso pubblico, che si svolgono nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti;

g) fatto salvo quanto previsto alla lettera e), in ordine agli eventi e alle competizioni sportive di interesse nazionale, lo svolgimento degli sport di contatto, come individuati con provvedimento del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, è sospeso; sono altresì sospese l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto, anche se aventi carattere ludico-amatoriale.