NBA - Toni Kukoc, ancora dimenticato dalla Hall of Fame

08.04.2020 22:33 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Toni Kukoc, ancora dimenticato dalla Hall of Fame

Le giornate isolate dal leggendario giocatore di basket croato Toni Kukoc, che ha giocato 13 stagioni nella NBA, sono trascorse nella città di Highland Park, a circa 40 miglia da Chicago. Ha parlato apertamente con il sito tportal.hr della pandemia di Coronavirus e della sua vita in isolamento, argomenti attuali della NBA e ha toccato la Springfield Hall of Fame, dove non è stato eletto per la terza volta perché non ha ottenuto abbastanza voti. Tre titoli NBA accanto a Michael Jordan evidentemente possono non essere sufficienti.

Coronavirus 1. Qui, dove viviamo da anni, posso dire scherzando che siamo in campagna. Ogni giorno faccio una passeggiata nel bosco per un'ora e mezza, due e forse incontro dieci persone. Non siamo in una città in cui ci sono edificiuno sopra l'altro e quando vai fuori trovi immediatamente 500 persone intorno a te.

Coronavirus 2. Questa settimana dicono che sarà la peggiore in America, hanno annunciato che sarebbero stati il ​​nostro Pearl Harbor e l'11 settembre in una volta sola. Dopo tutti gli eventi a New York e il gran numero di persone infette e il numero crescente di persone infette a New Orleans, molti si sono spaventati. È peggiorato dopo le vacanze di primavera quando i giovani sono andati in vacanza in zone più calde e apparentemente molti sono tornati a casa infetti.

Hall of Fame. Onestamente, per me significa molto di più aver giocato a fianco di Michael Jordan e aver vinto titoli NBA. Non ho alcuna influenza sulla mia entrata nella Hall of Fame. Alle persone dovrebbe essere chiesto di decidere, e mi piacerebbe davvero sapere chi sono queste persone. È presumibilmente sconosciuto chi siano perché non sono stati presentati pubblicamente. Se mai entrerò o meno nella Hall of Fame, non lo so davvero. A chi non piacerebbe? 

Finirà la stagione NBA? Non ci sono Olimpiadi questa estate, quindi forse il programma potrebbe essere spinto oltre le solite date, ovviamente, se andrà meglio. Ad esempio, se in poche settimane la diffusione del virus andasse sotto controllo, si potrebbe pensare di organizzare un torneo di playoff nella stessa città, se necessario all'inizio di settembre. Tuttavia, devi dare ai giocatori il tempo di prepararsi dopo non essersi allenati per settimane. È certamente una grande notizia che tutti i giocatori della NBA che hanno avuto il coronavirus siano sani e non più infetti.

Luka Doncic. Il ragazzo ovviamente sa come giocare e ha quattro, cinque stagioni di esperienza di alto livello perché ha giocato l'Eurolega con il Real, il che lo ha aiutato molto. A Dallas, gli hanno dato una palla in mano e gli hanno detto: 'ragazzo, abbiamo fiducia nelle tue capacità di basket'. Fa letteralmente tutto, è il loro miglior giocatore, eppure non è egoista. Luka gioca a basket, lo adora e soprattutto gioca alla grande! '