LBA - Cantù, Pancotto "Un nuovo campionato porta adrenalina e curiosità"

25.09.2020 14:52 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
LBA - Cantù, Pancotto "Un nuovo campionato porta adrenalina e curiosità"

Antivigilia di Virtus Bologna-Cantù, prima giornata del campionato di Serie A UnipolSai 2020-’21. I canturini, allenati da coach Cesare Pancotto, si preparano al debutto stagionale in LBA, facendo visita a una delle squadre più blasonate dell’intera lega, ossia la Segafredo.

Di seguito le parole del tecnico dell’Acqua S.Bernardo, per il secondo anno consecutivo sulla panchina biancoblù: «Un inizio porta sempre entusiasmo, curiosità, adrenalina e sicuramente anche adattamento. D’altra parte, però, inizia anche un campionato anomalo, con incognite legate al covid e al pubblico, che significa mancanza di emozioni dirette su ciò che accade in mezzo al campo.

Prevedo una competizione dura, competitiva e affascinante: dell’anno scorso sono rimasti campioni del calibro di Rodriguez e Teodosic, cui si sono aggiunti Hines e Datome, solo per citarne alcuni. Questo permetterà al nostro campionato di alzare ulteriormente il livello».

«Nove squadre della LBA parteciperanno alle coppe, questo vuol dire che dispongono di budget importanti e che in estate si sono tutte rafforzate. Questo, a sua volta, alzerà chiaramente il livello di difficoltà del torneo. Come Pallacanestro Cantù partiamo con il senso della sfida: tanti nuovi elementi, giovani, e che si affacciano al palcoscenico della Serie A.

Tante scommesse fatte lo scorso anno sono state vinte, a noi quest’anno il compito di ripeterci. Dobbiamo andare alla ricerca di certezze e fiducia, perché la squadra è composta da tanti debuttanti. Dobbiamo costruirci giocatori per la Serie A, proprio come siamo stati bravi a fare la scorsa stagione. E per fare questo non esistono scorciatoie ma voglia di lavorare duramente e di affrontare ogni ostacolo.

Le difficoltà penso siano un elemento cardine per far crescere un gruppo e la crescita della squadra è un fattore fondamentale per sviluppare il potenziale di un team giovane come il nostro».

OBIETTIVI «Il primo: conquistare la permanenza in Serie A. Il secondo: lavorare sul concetto di “canturinità”, ossia avere la cultura del lavoro, ricercando impegno e qualità del gioco, cosa che, anche in questo caso, lo scorso anno siamo riusciti a fare nel modo migliore. Il terzo obiettivo, invece, sarà far diventare adulti i nostri giovani. Il quarto: essere un ponte con la società. Il quinto e ultimo obiettivo: creare delle emozioni dirette, per chi sarà presente sugli spalti, e indirette, invece, per chi dovrà emozionarsi attraverso canali televisivi o radiofonici. Rappresentiamo un popolo, quello canturino, molto legato alla squadra».

VIRTUS BOLOGNA «Non parto dall’idea che sarà una partita difficile, anche perché non ci è concesso scegliere chi affrontare. Meglio prepararsi a essere pronti per ogni evenienza. Bologna era in testa alla classifica prima dello stop per il covid ed è stata una delle finaliste della recente Supercoppa. Potevano contare su un organico già di per sé molto forte, mi riferisco a quello dello scorso anno, adesso, però, sono cresciuti ulteriormente. L’idea di affrontare un coach come Djordjevic, infine, che è stato un grande campione come giocatore, è sempre motivo di piacere».

CONCLUSIONI FINALI «Dopo ogni partita dobbiamo avere la consapevolezza di conquistare autostima, fiducia e certezza. Una volta stabilita la rotta su cui viaggiare, durante la stagione non si devono verificare turbolenze o sobbalzi. Il nostro percorso deve essere chiaro, portato avanti con durezza mentale, crescendo in difesa e a rimbalzo, limitando il più possibile anche le palle perse» ha concluso Pancotto. Virtus e Acqua S.Bernardo Cantù si affronteranno domenica 27 settembre alla Segafredo Arena di Bologna, palla a due alle ore 19:00.