Italia - Belinelli: "Ci occorrono cuore e condizioni fisiche eccellenti"

17.08.2019 08:32 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Italia - Belinelli: "Ci occorrono cuore e condizioni fisiche eccellenti"

Dal Torneo dell’Acropolis, dove ha esordito un' Italia in tono minore, Marco Belinelli è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Ranking: Italia undicesima. L’ho visto sul loro profilo Instagram, ho fatto immediatamente lo screenshot. Non siamo nelle prime 10, voglio tenermelo nel telefono come motivazione…

Preparazione. Dobbiamo cercare di crescere come squadra, giocare meglio in attacco, aiutarci di più in difesa, conoscerci meglio in alcune chiamate. Ma la cosa che dobbiamo assolutamente fare, per come siamo costruiti, è aiutare tutti a rimbalzo: sarà fondamentale, tanto quanto correre.

Torneo Acropolis. Dobbiamo capire a che livello siamo. Stiamo crescendo, migliorando giorno dopo giorno, ma finora abbiamo fatto amichevoli contro avversarie normali, mentre con Grecia e Serbia alziamo di sicuro il livello. E anche contro la Turchia, che gioca un’ottima pallacanestro e ha tanti veri talenti. Usciremo da questo torneo sapendone molto di più su di noi, soprattutto a che punto siamo fisicamente. Ma penso che dobbiamo ancora migliorare.

Serbia. La considero da sempre tra le squadre migliori perché è completa in tutti i ruoli, ha tantissimo talento e gioca una bella pallacanestro sia in attacco che in difesa. Hanno Nikola Jokic che secondo me è un altro giocatore fenomenale: sono curioso di vedere cosa riusciremo a fare contro di loro.

Come affrontare. Dobbiamo correre, preoccuparci di fare canestri facili in transizione e da tre punti. Soprattutto, dobbiamo aiutare tutti a rimbalzo. In squadra non abbiamo gente come Jokic o Boban Marjanovic, cioè giocatori di altezza e stazza sotto canestro. Noi dobbiamo dare tutti una mano, e non sarà facile.

Cuore Italia. In tutti gli anni che sono stato in Nazionale ci ha sempre legato il fatto di avere un grande cuore, nonostante non siano arrivati i risultati. E’ una caratteristica in più che potremo avere anche stavolta. E poi cercheremo di preparaci al meglio per arrivare al Mondiale in condizioni fisiche eccellenti.