LBF: la presentazione della II^ giornata della serie A1

E' già tempo di riscatto per alcune squadre che hanno perso nell'Opening Day ma anche di vedere alcune straniere appena arrivate
10.10.2021 09:09 di Eduardo Lubrano Twitter:    vedi letture
LBF: la presentazione della II^ giornata della serie A1

Anche se è prestissimo visto che domenica 10 ottobre si gioca solo la seconda giornata del campionato di A1, per alcune delle squadre della classifica è tempo di capire se le sconfitte dell’Opeing Day sono state solo uno scivolone o sono state qualcosa di più.

Per esempio è suonato strano il larghissimo divario tra Ragusa e Geas, squadre abituate a combattere fino all’ultimo pallone per una vittoria e se dunque Ragusa ha fatto benissimo dall’altra parte Geas era in difficoltà di giocatrici e di forma evidentemente. Ragusa ha la possibilità di confermarsi e proseguire lungo la strada della sua strutturazione di quest’anno a Broni dove però sarà tutt’altro che facile, come dice Mariella Santucci, il play di Ragusa, una delle giocatrici da tener d’occhio con maggiore attenzione perché la sua seconda stagione in serie A può essere quella che la proietta definitivamente anche alla guida della Nazionale vista l’intelligenza di cui Madre Natura l’ha dotata e la tecnica. “Broni è una squadra forte che lotta su tutti i palloni ed ha straniere molto forti. In più il loro palazzetto – ora che è tornato il pubblico finalmente – è sempre molto attivo. Ma noi saremo pronte” le parole di Santucci.

Il Geas invece riapre il PalaNat al pubblico dopo un anno di spalti vuoti ed ospita la neopromossa Faenza che nella prima giornata nella gara tra neo promosse, con Moncalieri, ha perso di 6. Partita dunque fra sconfitte al primo turno con estrema voglia di cominciare a far punti.

Stessa idea per l’USE Empoli che dopo la sconfitta con Campobasso aspetta al PalaSammontana la Virtus Bologna nella quale farà il suo esordio Cecilia Zandalasini. Coach Alessio Cioni inquadra la gara delle empolesi:” Sarà anzitutto una partita di quelle belle, oltre che nel basket maschile, la Virtus è ormai una potenza anche in quello femminile, specie da quest'anno dopo le ultime ottime annate. Si tratta di una squadra pazzesca, molto profonda con ben dodici giocatrici e, anche se avranno ancora delle assenze, possono tranquillamente sopperire con un roster di primo livello non solo in Italia ma anche in Europa. Premesso questo, noi è ovvio che non ci vogliamo far intimorire dall'avversario. Sappiamo che dobbiamo crescere e soprattutto che possiamo farlo. Mentalmente siamo consapevoli che, nella prima con Campobasso, non siamo andate bene e possiamo quindi fare di più, dall'altra che il pronostico non è dalla nostra parte e quindi non abbiamo niente da perdere". "Non ci resta che giocarcela ben sapendo che, quando affronti queste squadre, è anzitutto un piacere farlo, tanto da non vedere l'ora di scendere in campo senza alcuna pressione sulle spalle. Quindi cercheremo di fare le nostre cose, migliorando e facendo ancora un passo in avanti”.

A Costa Masnaga ci sono molte novità, con l’occasione della prima in casa che sarà con La Magnolia Campobasso. L’orario ed il giorno: sempre la domenica ed alle 18.00 in casa per la Limonta che in occasione dei 50 anni del club ha scelto come maglia “chiara” una maglia color oro. “Giochiamo contro una squadra di alto profilo – dice coach Paolo Seletti -  profonda e di livello sia nel reparto italiane che nel reparto straniere. La partita giocata qui in pre-campionato non deve assolutamente condizionarci; il momento attuale di entrambe le squadre é completamente diverso da allora. Campobasso é partita alla grande e noi dobbiamo interpretare in maniera perfetta il gioco se vogliamo creare loro dei problemi. Dipende solo da noi. Poi alla fine della partita vedremo se sarà stato sufficiente per portare a casa i due punti, che sarebbero segno di grande maturità ed ambizione”. Per Costa Masnaga ancora ferma ai box Laura Spreafico, che sta lavorando duramente per tornare il prima possibile a dare una (gran) mano alle sue compagne. Dall’altra parte La Molisana Magnolia Campobasso inserirà Rashamfa Gary, centro di ottimo livello e vuole dimostrare di aver già dimenticato la prima vittoria per concentrarsi sulla gara in Lombardia come dice l’allenatore Mimmo Sabatelli :” Quel referto rosa è finito subito nel cassetto dei ricordi già da martedì mattina perché era necessario concentrarci su un’altra gara molto delicata, contro un’avversaria capace, in queste stagioni, di dimostrare sempre appieno il proprio valore, soprattutto in casa, dove riescono a dar vita ad una pallacanestro di rilievo e all’insegna della velocità. Si tratta di un’antagonista in grado di creare tanti grattacapi, ma, da parte nostra, proveremo a metterle in difficoltà, puntando a dar vita ad una filosofia cestistica differente”.

Ed ecco la brillantissima Schio che in settimana ha travolto le campionesse di Francia nella prima di ELW sotto 40 punti di vantaggio. Avversaria di turno sarà l’Akronos Moncalieri che vuol dire tornare sul luogo dell’ìOpening Day. "L’Akronos ha vinto contro Faenza all’Opening Day - spiega Alessandro Fontana assistente allenatore del Famila - e per questo avranno tante energie positive e la mente sgombra non avendo nulla da perdere. Credo che almeno nei primi minuti non sarà una partita facile e dovremo affrontarla con grande concentrazione. Anche perché, proprio domenica scorsa, Lucca ha messo in grande difficoltà Schio nel primo tempo grazie ad una difesa arcigna, pressante e molto mobile che ha tolto certezze all’attacco orange. Rispetto a sette giorni fa, però, ci sono delle differenze importanti: ci sarà Gruda (assente contro la Gesam Gas per il problema alla caviglia) e debutterà anche Charli Collier. “Questa prima gara l’aiuterà a guadagnare feeling con le compagne e con il nostro sistema di gioco. Cercheremo di coinvolgerla il più possibile perché ci potrà dare un’importante dimensione interna offensiva e difensiva”.

Per le ragazze di Coach Terzolo, Moncalieri, non dovrebbero esserci assenze di peso in vista della palla a due (eccezion fatta per Samira Berrad, out per tutta la stagione e Ilenia Cordola sempre più vicina al rientro in campo). trio Miletic, Paixao e Williams proverà a farsi nuovamente carico della squadra, con la 21enne Lydie Katshitshi (dieci punti a referto all'esordio) che avrà il duro compito di arginare Jasmine Keyes e Sandrine Gruda nel pitturato.

In casa Gesam Gas e Luce Lucca si preparano a ricevere le campionesse di Italia della Umana Reyer Venezia. Coach Luca Andreoli potrà contare su una Blake Dietrick reduce dalla prima settimana di lavoro completa con le nuove compagne ma dovrà rinunciare a Sydney Wiese, la cui partenza dagli Usa è stata rimandata per problematiche di natura burocratica. “Arriviamo a questa partita dopo una buona settimana di lavoro con nessuna giocatrice cha ha lamentato problemi fisici.” – è la prima considerazione di coach Andreoli- “Sicuramente dovremo affrontare un match difficile sul piano fisico, dinanzi ad una Venezia che ha vinto quasi di 30 punti in Eurolega ed inserito nella rotazioni una giocatrice del calibro di Kayla Thornton. Dovremo cercare di migliorare quegli aspetti che non sono andati bene nell’Opening Day, specialmente in fase offensiva, dove necessariamente bisognerà aumentare il nostro ventaglio di scelte con un ritmo diverso da quello mostrato contro Schio. Al tempo stesso, sarà importante alzare ulteriormente l’asticella della nostra aggressività difensiva.”

E poi c’è Fila San Martino di Lupari – Banco di Sardegna Dinamo Sassari con le venete che nella prima giornata hanno perso d’un solo punto con Bologna e Sassari che ha perso un po' più largamente con Costa Masnaga. Costrette a rinunciare all'infortunata Ianezic (per la quale si attende la visita ortopedica dopo il trauma distorsivo al ginocchio occorso in allenamento) e ancora con due sole straniere, le Lupe sono comunque decise a cercare la prima gioia in campionato. “Sarà dura giocare con Sassari – dice il play di San Martino Ilaria Milazzo – perché è una squadra attrezzata per fare l’Eurocup, ha due straniere forti e tutte sono delle buone tiratrici. Noi dopo quella sconfitta così dolorosa con Bologna siamo tornate in campo per prepararci molto bene all’esordio davanti al nostro pubblico – finalmente – ed abbiamo curato quei dettagli che sappiamo potrebbero farci vincere le partite”.