LBA - 365 giorni dopo siamo alle solite in serie A. Con diverse novità

03.11.2021 09:29 di Umberto De Santis Twitter:    vedi letture
LBA - 365 giorni dopo siamo alle solite in serie A. Con diverse novità

La storia si ripete. Dopo la sesta giornata del campionato 2020-21 l'Olimpia Milano era solitaria in testa alla classifica di serie A con 6 vittorie. Seconda era la Happy Casa Brindisi, 5 vittorie e la sconfitta alla prima giornata rimediata a Venezia. Terza la Virtus Bologna, con quattro vittorie e due sconfitte arrivate nella terza e quarta giornata con Cremona e Reggio Emilia. 

Cambiano le comprimarie, ma a distanza di un anno esatto (la 6a si era giocata il 1° novembre 2020) le posizioni rimangono invariate e con lo stesso rapporto vinte/perse. Eppure tutte e tre hanno cambiato molto in estate. Due lo hanno fatto per volontà del manico (Messina e Baraldi), la terza per limitazioni nel budget che non hanno consentito di mantenere lo stesso gruppo che senza Covid-19 avrebbe vinto la stagione regolare.

En passant, ricordiamo di aver espresso più volte l'intenzione di premiare e non gettare alle ortiche la capacità di una squadra di essere prima in classifica dopo le fatidiche 30 giornate con un titolo da annali. La NBA ci riesce benissimo attribuendo i titoli divisionali, e i tanti banner appesi sui soffitti delle arene americane ricordano quante belle formazioni ci siano state nella storia della Lega anche senza aver vinto l'anello.

Vero che da noi conta solo chi arriva primo, ma per una volta sarebbe meglio scimmiottare una delle iniziative che caratterizzano il sentiment del pubblico e degli addetti ai lavori oltreoceano invece che lambiccate riforme che chissà quali risultati raggiungeranno (sempre che si facciano). Può essere che certi finali di stagione regolare, finora interessanti solo per la lotta-salvezza, acquistino anche un pò di pepe...

Ma "revenons à nos moutons": la lotta per il titolo, viste queste premesse, sarà di nuovo un affare tra Milano e Bologna, con Brindisi a fare il terzo incomodo se tutto filerà liscio. Oggi Treviso più che Venezia e Sassari sembra indiziata al ruolo di quarto incomodo ma attenzione al budget della Bertram Derthona che, pagato il noviziato della neopromossa, sta acquistando lo status della serie A. E Brescia sembra avere sostanza.

In coda, se non arriveranno correttivi efficaci per adesso non immaginabili, la lotta per non retrocedere ha già dato i primi verdetti. Fortitudo Bologna, Pesaro e Varese sono le più indiziate e non c'è in vista una Virtus Roma che possa prenotare uno dei due posti per la serie B. Anche qui il budget non mente...