Vigevano: per Bougaieff manca solo la firma

28.12.2009 13:41 di Roberto Bernardini  articolo letto 1066 volte

Alex Bougaieff, il gigante del Quebec, ha trovato casa a Vigevano. Manca solo la firma che arriverà tra oggi e domani, ma non dovrebbero esserci problemi, l’accordo c’è! Venezia ha dato il suo placet, ora tutto è in mano alla società vigevanese con il Dott. Commellini, procuratore del giocatore. Bougaieff detiene un piccolo record con Biella, ben 171 presenze. Uscito dalla Rice University, a Houston in Texas, con la quale ha ottenuto buoni risultati sul campo e sui libri con la doppia laurea in matematica ed in economia. E proprio nel campus dell’Università ha conosciuto Karen (“Abitava nell’appartamento sopra il mio”) prima fidanzata e poi moglie, sposata nella cappella del College. Cinque stagioni a Biella, dal trionfo in A2 fino al 2004/5 della salvezza all’ultima giornata, annata nella quale è stato anche capitano durante le giornate senza Di Bella infortunato. Le sue statistiche cumulative parlano di 15,8 minuti, 4,1 punti e 3,4 rimbalzi a partita. E’ancora il leader statistico della formazione biellese di sempre per rimbalzi difensivi catturati. Lasciata Biella ha giocato in Legadue a Casale, Fabriano (dove è stato nominato miglior giocatore comunitario della stagione) e Venezia. A Mestre, nel gennaio di quest’anno, è nato il figlioletto Jacob Alexandre. Mamma francese, papà statunitense, cittadinanza canadese, origini ebraiche: Alex Bougaieff, 208 cm, classe 1977, è un perfetto esempio di cittadino del mondo. In Italia è arrivato con due passaporti in tasca, quello del Canada e quello francese che gli ha garantito il prezioso status sportivo di comunitario, e con un terzo virtuale, per il quale avrebbe solo dovuto presentare richiesta. In Israele, infatti, è pressoché automatico ottenere la cittadinanza se si è ebrei: basta atterrare e presentare domanda. Anche per questo il Maccabi Tel Aviv stradominatore del suo campionato e sempre al top in Europa, aveva messo gli occhi su di lui. Era la metà della stagione 2001/2, la prima in A/1 di Biella. L’offerta arrivò e fu subito girata a Bougy, che disse di no. Preferì l’Italia e Biella. I dirigenti israeliani ci provarono ancora nella stagione successiva con il contratto scaduto della Lauretana (quell’anno persero la semifinale europea con il Panathinaikos vincitore). Ma preferì ancora firmare un biennale offertogli da Marco Atripaldi. Vigevano, storica  rivale di Biella, si porta a casa un'altra bandiera biellese come lo fu Minessi e che in formazione ha già  Ganeto che a Biella c’ha giocato. Bougaieff dovrà sostituire Christopher Pearson finito ko per un'ernia discale, ma il “Guerriero”, come è  soprannominato, è uno di quei giocatori che piacerà sicuramente alla tifoseria vigevanese pronta a scatenarsi con l’arrivo di Bougy il 3 gennaio a Novara contro Reggio Emilia.