Lega A: Happy Casa Brindisi sfida di maturità contro Pesaro

17.10.2019 23:15 di Dario Recchia   Vedi letture
Lega A: Happy Casa Brindisi sfida di maturità contro Pesaro

Archiviato l’esordio in Champions League contro il Neptunia Klapeida in terra di Lituania, l’Happy Casa Brindisi si rituffa nel campionato per preparare al meglio la sfida di domenica prossima al Palapentassuglia (palla a due alle 20.45) contro la Carpegna Prosicutto Pesaro.  Frank Vitucci, come ampiamente detto nelle settimane precedenti, ha approfittato dell’impegno europeo per dare minuti a chi ha trovato poco spazio in campionato provando, contestualmente, ad allenare nuove situazioni tattiche che potranno tornare utili nei prossimi impegni di campionato e coppa. La sconfitta in Champions League è maturata solo nei minuti finali (81-71) dopo una gara lottata punto a punto contro avversari che da diversi anni giocano questo tipo di competizioni. Ottimi riscontri si sono avuti da tutto il pacchetto di italiani che ha fornito buone indicazioni allo staff tecnico brindisino. Tutto questo bagaglio di esperienza potrà tornare utile alla squadra per fare ancora meglio in campionato a patto di riuscire a dosare al meglio le energie psico/fisiche che il doppio impegno di campionato e coppa può prosciugare.

Il prossimo match contro Pesaro si presenta sulla carta non particolarmente ostico dal momento che i marchigiani sono ancora a zero punti in classifica dopo 4 partite anche se hanno già affrontato formazioni del calibro della capolista Virtus Bologna e della big Dinamo Sassari. La squadra di coach Perego è partita con l’obiettivo della salvezza e proverà, comunque, a gettare il cuore oltre l’ostacolo per portare a casa lo scalpo di una delle formazioni più in forma del campionato. Un problema per capitan Banks e compagni potrebbe essere rappresentato dal pensiero di incontrare una squadra arrendevole e cullarsi della strepitosa vittoria  della settimana scorsa in casa dell’Olympia Milano. Paradossalmente queste sono le partite più difficili da preparare perché, inconsciamente, si potrebbe arrivare al match non concentrati al massimo.  Una vera prova di maturità per la squadra salentina che dovrà dimostrare autorevolezza e capacità di meritare il posto in classifica. Anche perché, 48 ore dopo, ci sarà l’esordio casalingo in Champions League contro la squadra tedesca del Telekom Baskets Bonn. Un altro appuntamento da non perdere e nel quale i padroni di casa vorranno regalare ai propri  tifosi la prima vittoria europea della stagione.

Dario Recchia

Foto ufficio stampa New Basket Brindisi