NBA - Sergio Scariolo e l'America... anzi il Canada

17.06.2019 09:43 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Sergio Scariolo e l'America... anzi il Canada

L'uomo del momento, in Italia è certamente Sergio Scariolo, freschissimo di titolo NBA come assistente-allenatore dei Toronto Raptors, che nella giornata odierna parteciperà alla parata d'onore organizzata nella città canadese. Scariolo si racconta a Walter Fuochi de La Repubblica:

Inizio difficile. Mi capitava di veder chiara una situazione, di fare una proposta e vederla cadere nel vuoto. Anche quando piaceva. All’inizio subivo, poi ho capito che il buon vice deve scegliere bene il momento e la forma, oltre il cosa proporre. Quando parlare, quando tacere. Perché gli staff sono numerosi, le voci tante, insomma parlare di più non è che aiuti.

Ruoli interconnessi. Sono uno dei tre assistenti principali, quelli seduti in panchina, davanti agli altri che stanno dietro. A rotazione, per una decina di partite, in stagione regolare i tre si scambiano aree di competenza: attacco, difesa, situazioni speciali. Ai play-off siamo arrivati stabilizzati. Per me, l’attacco. Ma la circolazione di idee nello staff è in realtà senza steccati. Per dire, quando Nurse ha deciso che in finale in qualche azione avremmo usato difese miste per sorprendere i Warriors, una scelta che ha pagato, ero coinvolto: in Europa box and one e triangle and two sono pane quotidiano.

Nick Nurse. Le due G League vinte da Nick, i suoi cinque anni da primo assistente valgono là quanto i miei titoli in Europa. Dunque, discorso chiuso. Poi è stato bravo lui a rapportarsi coi vice, a dare ascolto, rispetto, considerazione, autonomia. Lo conoscevo da anni, al villaggio olimpico di Londra c’eravamo parlati spesso.

Toronto e l'Italia. Di sicuro questa è una franchigia aperta, dove l’aggettivo più usato è internazionale. Il timbro canadese è non scimmiottare gli altri club, avere uno stile originale. Qui, un anno fa, fu a un passo dall’assunzione Messina. Un italiano, mai visto nella Nba.

Olimpia, adesso Messina. Se credono che tutto si risolverà dando una delega ampia a un professionista eccellente, che poi ci pensa lui, non funziona così. C’è bisogno di una società forte, solida, impermeabile a ciò che passa da dentro a fuori e viceversa. Ci saranno momenti in cui Messina dovrà spendersi anzitutto da allenatore, la solita routine da coach, vittorie e sconfitte. Lì servirà la società. Come l’Olimpia non ha fatto sempre, in questi anni.