BCL - Vitucci: "Giocare duro e divertirsi è la formula della Happy Casa Brindisi"

20.02.2021 18:54 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
BCL - Vitucci: "Giocare duro e divertirsi è la formula della Happy Casa Brindisi"

Basketball Champions League ha intervistato il coach della Happy Casa Brindisi Frank Vitucci. Ecco le sue parole.

Per la maggior parte delle persone, l'estate nella regione italiana della Puglia evoca immagini di relax per godersi il sole, il mare e alcuni dei migliori piatti dell'universo conosciuto, ma per la gestione della Happy Casa Brindisi quella parte dell'anno parla di qualcosa di completamente diverso: adattarsi ed evolversi.

Prendiamo ad esempio l'estate scorsa: Brindisi, reduce dalla sua prima stagione in assoluto nella Champions League di basket, ha reclutato sette nuovi giocatori ma a fine luglio avevano quasi completato il roster 2020-21.

"Siamo abbastanza abituati al fatto che quasi ogni estate i nostri migliori giocatori si spostano in una situazione diversa, forse migliore finanziariamente, quindi sappiamo che dobbiamo cambiare cercando di mantenere gli stessi principi di base in termini di stile di basket", spiega l'allenatore Frank Vitucci.

"Cerchiamo di selezionare ragazzi che vogliono venire a Brindisi per lavorare sodo in un buon ambiente. Potranno avere la soddisfazione individuale di lavorare bene e fare un passo importante nella loro carriera.

Io e il mio staff lavoriamo cercando continuamente di fare del nostro meglio per selezionare i giocatori giusti e far capire loro fin dal primo giorno che questa squadra è come la loro seconda famiglia.

Penso che ogni allenatore di basket abbia in mente un'idea del sistema o dello stile che preferisce, ma allo stesso tempo se non sei abbastanza intelligente da adattarti ai giocatori che hai in questo momento e svilupparlo di conseguenza, allora stai andando nella direzione sbagliata."

Brindisi è andata decisamente nella giusta direzione in questa stagione. Attualmente sono al secondo posto nella classifica della Serie A italiana con un record di 12-5, e l'anno scorso erano sul 13-8 quando il campionato è stato sospeso a marzo a causa della pandemia Covid-19. Nella BCL, per la prima volta nella storia del club, gli italiani sono passati ai play-off.

"L'anno scorso siamo stati un pò sfortunati a non partecipare ai play-off BCL, ma il nostro gruppo della Regular Season era molto competitivo, avevamo Casademont Zaragoza e JDA Dijon, che alla fine sono arrivati ​​alla Final 8", ha detto Vitucci.

"È stato un po 'difficile per noi fare l'adeguamento del gioco sia in Serie A che in una competizione europea competitiva come la BCL, non avevamo un roster così profondo.

Ma il nostro primo anno nella BCL è stata un'ottima esperienza che abbiamo usato per questa stagione: abbiamo messo insieme un roster più profondo, abbiamo organizzato meglio tutto ciò che è necessario per competere, anche se il viaggio è molto più complicato in questa stagione a causa della pandemia di Covid-19.

Penso che stiamo meglio in questa stagione grazie a quell'esperienza e devo dire che la BCL è molto ben organizzata, e l'organizzazione ha preso la decisione giusta per modificare il formato della Regular Season.

È stato saggio ridurre i gironi a quattro squadre e ci ha aiutato molto il fatto che dovevamo giocare solo ogni due settimane. Ci siamo divertiti molto nella Regular Season e siamo molto entusiasti di giocare nei Play-Off.

Spero sia un'esperienza che aiuterà la mia squadra a migliorare. Per noi giocare solo nei play-off è un piccolo sogno, proveremo a godercela e poi magari avanzeremo al prossimo piccolo sogno ... Il mio mantra, la frase che dico ai miei giocatori prima di scendere in campo è 'gioca duro e divertiti'".

Così prosegue il tecnico veneziano: "I ragazzi giocano a basket, quindi ovviamente devono godersi quello che stanno facendo e divertirsi, non ci sono molte cose nella vita da fare come giocare a basket.

Ma allo stesso tempo, devono sapere che devono lavorare duro ogni giorno. Come giocatore arrivi a un punto in cui capisci che il duro lavoro è ciò che ti consente di esibirti bene e divertirti di più, e che ogni pezzo della squadra deve tirare nella stessa direzione. Ovviamente ci sono delle regole da rispettare, perché non siamo cinque ragazzi a caso che giocano ognuno da solo in campo".

È un buon equilibrio tra la scelta dei giocatori che si adatteranno al sistema di Vitucci e l'adattamento dell'allenatore ai giocatori a sua disposizione.

"Non direi che è 50-50, forse è il 60 per cento del sistema e il 40 per cento si adatta ai giocatori. È chiaro che ci sono alcuni giocatori che mi piace guardare più di altri, ma la prima domanda che mi pongo è se quel buon giocatore è qualcuno che si adatta al sistema che abbiamo e al resto della squadra.

[Costruire] una squadra di basket non significa mettere insieme 10-12 buoni giocatori, ma significa che ognuno ha il proprio ruolo, il suo posto giusto e essere in grado di trarne soddisfazione.

Inoltre, non abbiamo molto margine per commettere errori, non abbiamo un budget così grande, quindi se sbagliamo con uno o due giocatori siamo in difficoltà per l'intera stagione, quindi selezionare i giocatori giusti nell'estate è molto importante per noi".

D'Angelo Harrison e l'infortunio. "Nel breve periodo, una buona squadra può trovare soluzioni per compensare l'assenza di uno o due giocatori e giocare bene senza soffrire troppo.

Ma è un aggiustamento difficile quando ti manca una grande star come D'Angelo, quindi quello che i miei giocatori hanno fatto senza di lui mi rende molto orgoglioso.

Abbiamo giocato cinque partite dall'infortunio, ne abbiamo vinte tre e ne abbiamo perse due con l'ultimo possesso in mano, come nella Semifinale della Final 8 di Coppa Italia (contro Pesaro).

Se il resto dei giocatori può coglierla come un'opportunità per giocare insieme, per avere più responsabilità, è la cosa migliore che puoi fare quando ti manca un giocatore che di solito fa la voce grossa.

E' possibile che D'Angelo salti le prime due partite dei playoff del BCL, quindi stiamo monitorando la situazione con la società e magari ingaggeremo un giocatore che possa aiutarci durante la sua assenza o anche fino alla fine della stagione".