A2 Femminile - Il Sanga sceglie la 15enne Elena Di Domenico per chiudere il roster

16.09.2020 21:21 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
A2 Femminile - Il Sanga sceglie la 15enne Elena Di Domenico per chiudere il roster

Opta per la green line il Sanga per puntellare il roster di Serie A,
dando un chiaro segnale e tendenza della società milanese alla
valorizzazione della propria “cantera” anche per il prossimo futuro.
Sarà infatti Elena Di Domenico, classe 2005, a completare il gruppo a
disposizione di coach Franz Pinotti.

Ovvie emozioni ed entusiasmo della ragazza Orange che racconta la sua
iniziale sorpresa: “La chiamata di coach Pinotti è stata davvero per me
una grande sorpresa. Immaginavo e speravo di poter fare qualche
allenamento con la prima squadra durante la stagione, ma non mi
aspettavo, vista la mia giovane età e la mia poca esperienza, di certo
di poter entrare a far parte stabilmente del gruppo della prima
squadra”.
Ansia da prestazione subito fugata già dal primo allenamento, come
conferma Elena: “Ero agitata ma anche molto carica, tutti però mi hanno
messo immediatamente a mio agio, dallo staff alle compagne, una vera
grande accoglienza. Prossimo futuro?. Lavorare sodo, dare una mano in
ogni modo alla squadra, raccogliere consigli e suggerimenti per
migliorare continuamente, con l’obbiettivo di arrivare magari un giorno
ad indossare in A1 la maglia del Sanga, il mio vero sogno da quando ho
iniziato a giocare dall’età di 6 anni”.

Crescita che verrà monitorata dallo staff tecnico Orange, come spiega
Niccolò Zappetti, vice di Franz Pinotti in A2 e coach di Di Domenico
nella U16: “Elena è una giocatrice versatile, in U16 giochiamo ancora
senza una vera divisione dei ruoli. Per cui le è capitato di fare un po’
di tutto: portare la palla, attaccare 1c1, tirare da fuori, andare
spalle a canestro su un mismatch, difendere avversarie esterne rapide
oppure interne più alte. Alcune di queste cose, soprattutto a livello
offensivo, le fa già molto bene. Quindi abbiamo pensato di metterle di
fronte un ostacolo più grande. In questi primi allenamenti con le senior
ha risposto bene per impegno e comprensione degli argomenti, tutti nuovi
per lei. Ha tutte le carte in regola per ritagliarsi uno spazio in prima
squadra nel futuro. Quanto in là nel futuro dipenderà solo da lei”.