Lega A - Luis Scola si regala a Milano un'ultima stagione pensando alle Olimpiadi

03.10.2019 08:32 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: olimpiamilano.com
Lega A - Luis Scola si regala a Milano un'ultima stagione pensando alle Olimpiadi

Luis Scola ha incontrato i media prima di imbarcarsi sull’aereo per Monaco dove domani tornerà a giocare in EuroLeague per la prima volta dal 2007. “Teniamo sempre il mercato sotto controllo, così quando si è presentata la possibilità di prendere Luis, visto quanto era motivato e desideroso di venire qui, abbiamo deciso di andare fino in fondo. Ha le caratteristiche soprattutto caratteriali del giocatore che si sposa bene con il progetto che vogliamo costruire e ha carisma”, ha spiegato il general manager Christos Stavropoulos. Ecco in sintesi quello che ha detto Scola.

LA NUOVA EUROLEAGUE – “Manco da tanti anni – dice Scola – e in questo arco di tempo è cresciuta tantissimo, non solo sul campo, ma anche in quello che c’è attorno, come ci si allena, le palestre di allenamento, le camere, i viaggi, è tutto migliorato. Poi c’è il campo: anche se sono stato via, in Nazionale ho incontrato molti dei giocatori che incontrerò adesso, non vedo problemi, sono ottimista per natura”.

LE OLIMPIADI – “E’ chiaro che sono state la grande motivazione che mi ha spinto a giocare la Coppa del Mondo. Se non ci fossimo qualificati avrei smesso, ma una volta qualificati è stata mia moglie – e questo mi ha sorpreso – a dirmi che non avrei potuto smettere adesso. Prima della Coppa del Mondo, ed ero sicuro che avremmo fatto bene, non immaginavo che avrei continuato a giocare, anche se con Coach Messina avevo già parlato, ma in quel momento pensavo solo a fare bene in Cina. Una volta qualificati, ho pensato a dove poter giocare, mi attirava anche l’idea di farlo in Argentina, ma Milano era l’opzione migliore. So di essere a fine carriera: nessuno gioca a 45 anni, non posso guardare troppo avanti, solo Felipe Reyes è più anziano di me in EuroLeague, ma il fisico tiene, posso allenarmi e lavorare bene come ho sempre fatto”.

MILANO – “E’ parte del motivo per cui sono qui: l’opportunità di sperimentare un posto nuovo, una squadra nuova, tornare in EuroLeague e anche giocare per Coach Messina. Ci siamo sfiorati spesso, ma non siamo mai stati insieme. Avrei voluto essere allenato da Coach Popovich nella NBA, ma non sempre succede quello che desideri. Questo però sta per succedere. Vedo tanto talento qui, e quando hai talento e buoni allenatori il processo di acclimatamento risulta più veloce. Sono ottimista”.

L’OLIMPIA – “Conosco la storia e la necessità di vincere, ma fa parte del gioco e poi tutto vogliono giocare in posti dove le ambizioni sono alte. Vincere non è mai facile, in EuroLeague, in Italia, in Coppa del Mondo. Ma è tutto molto stimolante e divertente”.

LA CINA – “Non è un cattivo posto per giocare a basket, ci sono tanti giocatori giovani ed era motivante affrontarli. Se guardate agli stranieri, molti sono stati o sono stelle di EuroLeague o magari nella NBA. Certamente, la Coppa del Mondo ha fatto in modo che più gente tornasse a parlare di me”.