Biella, la nota del CdA: "Budget insufficiente per proporre il proseguimento dell’attività sportiva"

29.05.2020 11:46 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Biella
Biella, la nota del CdA: "Budget insufficiente per proporre il proseguimento dell’attività sportiva"

Nota dal consiglio di amministrazione di Pallacanestro Biella che comunica le difficoltà a seguito della pandemia da Coronavirus.

"Sono passati sette anni, giusto il 27 maggio 2013 i soci di Pallacanestro Biella comunicavano di voler proseguire nel progetto sportivo...per non privare il territorio di una delle sue eccellenze, migliaia di biellesi delle propria passione e centinaia di famiglie dell'occasione di far praticare lo sport ai propri figli. I soci di Pallacanestro Biella si aspettano ora che tutti facciano la propria parte nel sostenerli, i tifosi sottoscrivendo abbonamenti, le aziende attraverso iniziative e pubblicità, le istituzioni appoggiandone lo sforzo...

Son passate sette stagioni da quel 27 maggio, una Coppa Italia vinta, 4 partecipazioni alle fasi finali di Coppa Italia, 1 campionato vinto al termine della stagione regolare, 5 fasi finali Play-off, innumerevoli finali regionali e nazionali disputate dalle nostre squadre giovanili, ma soprattutto tanti bambini formati prima come uomini e poi come giocatori grazie all’instancabile lavoro di tutti gli allenatori del settore giovanile.

Sette anni nei quali abbiamo, insieme a sponsor, tifosi ed istituzioni, gioito per le tante vittorie ed affrontato con dedizione ed attaccamento ai colori rossoblù i momenti di difficoltà.

Poi è arrivato l’inaspettato, una pandemia globale che in poche settimane ha cambiato il nostro stile di vita e le nostre abitudini generando un’emergenza la cui fine ancora oggi non è ipotizzabile e che ci lascerà probabilmente un mondo molto diverso da quello cui eravamo abituati.

Pallacanestro Biella non ha un mecenate, non ha un socio padrone che copre tutte le spese, il budget economico ha quattro “gambe” equamente robuste, i suoi 3.000 tifosi, i 20 soci, la famiglia degli oltre 150 sponsor di media o piccola grandezza, principalmente provenienti dalla piccola industria o dal commercio e le tante persone che hanno messo a disposizione il loro tempo e la loro competenze per amore della nostra società.

Purtroppo, la pandemia, con tutte le sue conseguenze, ha colpito duramente tutte queste “gambe” rendendo oggi difficile prevedere quando i tifosi potranno tornare a seguire le partite dal vivo, quando ed in qual misura le aziende socie e sponsor potranno tornare a sostenere il cuore rossoblù e quando ed in che modo potrà riprendere l’attività delle nostre squadre giovanili.

Tutto questo comporta fortissimi dubbi sulla formazione del nostro budget il cui ridimensionamento non è al momento neppure ipotizzabile e che rischia di diventare assolutamente insufficiente per proporre il proseguimento dell’attività sportiva e poter garantire come in passato il rispetto degli impegni assunti che ci ha sempre contraddistinto e che il mondo del basket ci riconosce.

In questi anni abbiamo impostato un progetto stimolante ed ambizioso di puntare su giovani giocatori italiani, fungendo da trampolino di lancio per la loro carriera, progetto al momento stoppato dalla crisi economica in atto.

Come già avvenne esattamente 7 anni fa stiamo cercando di provare a non privare il territorio di una delle sue eccellenze, migliaia di biellesi della propria passione e centinaia di famiglie dell'occasione di far praticare lo sport ai propri figli.

Vogliamo credere ancora di riuscire a non disperdere tutto il patrimonio di esperienza, di organizzazione e relazioni che ci hanno permesso di crescere ed hanno permesso al movimento sul territorio di crescere in questi lunghi 25 anni.

Facciamo pertanto appello a chi voglia investire nel mondo dello sport e della Pallacanestro augurandoci di trovare nuovi imprenditori disposti ad affiancarci, a sostenerci od anche a sostituirsi a noi proseguendo nel progetto sportivo che abbiamo cercato di costruire con dedizione, sacrificio ed impegno per garantire un futuro all’attività della Società che appartiene a tutto il territorio.

Purtroppo, non siamo più in grado, da soli, di garantire le certezze che il territorio, i nostri giovani ed i nostri
tifosi in questo momento ci chiedono: abbiamo bisogno di aiuto, abbiamo bisogno di tutti voi."