A2 Femminile - Autosped Castelnuovo Scrivia: uno, due, Tre...viso

13.10.2019 11:50 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
A2 Femminile - Autosped Castelnuovo Scrivia: uno, due, Tre...viso

Tris dell'Autosped che si impone, alla fine con merito, sul difficile campo di Ponzano Veneto, cittadina dell'hinterland trevigiano; partita che, come previsto, è stata molto equilibrata e lottata ma che le ragazze di Pozzi sono state brave a girare a proprio favore nella seconda metà della sfida. Si parte con qualche sorpresa nei roster visto che, da una parte, manca la leader Bagnara, oltre a Zecchin, mentre tra le giraffe deve marcare visita, oltre a capitan Corradini, anche Pavia, fermata da un problema alla spalla.

È Claudia Colli, in quintetto con Repetto, Bonvecchio, Albano e Podrug, ad aprire le ostilità con una bella penetrazione e con un assist che Podrug recapita a destinazione; un libero di Albano ed una tripla di Repetto sembrano lanciare una mini fuga castelnovese (8-4) ma le ospiti sciupano qualche opportunità di troppo per scappare via e dopo il +5 firmato, dalla lunetta, da Podrug (9-4) arriva la prevedibile reazione delle venete, sospinte da una efficace Leonardi. Claudia Colli, con 4 punti filati, prova a tenere avanti il Bcc ma Ponzano è in fiducia e dopo l'aggancio a quota 13 arriva anche il sorpasso, assorbito però da due liberi di Bernetti per il 15-15 del 10′. La seconda frazione si apre nel segno delle locali anche perché l'Autosped litiga con il canestro e per 5′ buoni non riesce a segnare dal campo, limitandosi solo a due liberi di Bonvecchio e Claudia Colli; al 15′ Ponzano a +6 (23-17) ma è Carolina Colli a dare la scossa alle compagne ed i suoi 8 punti, quasi consecutivi, inframezzati dai viaggi in lunetta di Bonvecchio e Podrug, permettono alle nostre ragazze di ricucire lo strappo e di andare al riposo addirittura sul +2 (28-26).

Anche dopo la pausa giraffe con le polveri bagnate dal campo (il primo canestro su azione arriverà dopo oltre 7′) ma la difesa, in compenso, tiene molto bene e così è sempre il Bcc a condurre grazie ai punti dalla linea della carità di Bonvecchio, Claudia Colli e Podrug; Bonvecchio spezza l' incantesimo siglando da sotto il +5 (35-30) poi sono tre punti di D'Angelo a propiziare il massimo vantaggio esterno (38-32) prima che Albano, con un preziosissimo gioco da tre punti, non lo renda ancora più robusto proprio sulla sirena del 30′ (41-32). Castelnovesi che quindi entrano nei 10′ finali con una buona dote anche se devono affrontare, come era lecito aspettarsi, l'atteso tentativo di recupero delle trevigiana; Bernetti in penetrazione replica alla tripla di Rosini ma il successivo 4-0 interno (39-43) costringe Pozzi al time out. Autosped che esce bene dal minuto grazie a Podrug, che converte un importante rimbalzo offensivo, e Claudia Colli, con jump del +8 (47-39 a 6′ dalla fine). Bonvecchio, in entrata, risponde al siluro di Colombo (49-42) per poi imbeccare Podrug che scrive nuovamente il +9 (51-42) quando mancano poco meno di 4′; Leonardi, dall'arco, e Miccoli suonano l'ultima carica (47-51) delle venete ma il cronometro è alleato delle giraffe che sfruttano il fallo sistematico con Bonvecchio chiudendo poi definitivamente la contesa con Albano.

Arriva così un altro successo, il terzo in altrettante gare, importante non solo per per i due punti ma anche perché giunto ancora una volta in piena emergenza; se è vero che la defezione di Bagnara, per la squadra di casa, è di quelle pesantissime, lo era sicuramente anche non poter disporre di due quinti dello starting five (Corradini e Pavia). Anche stasera non tutto, ovviamente, ha funzionato a dovere (a titolo esemplificativo valga il pessimo 1/17 da tre) ma a turno, ognuna, ha saputo recitare un ruolo da protagonista nel momento in cui più vi era bisogno; Podrug (doppia doppia da 10 punti e ben 21 rimbalzi) è stata trascinante nel duello sotto la plance, nettamente ad appannaggio del Bcc (56-36) ma le varie Claudia Colli, Bonvecchio ed Albano hanno anch'esse contribuito in solido alla causa così come le under, da Repetto a Carolina Colli, da Bernetti a Serpellini fino a D'Angelo. I 6 punti fin qui ottenuti hanno un notevole peso specifico sia perché, guardando all'andamento delle gare, potevano avere anche un esito diverso, sia perché, come già detto, sono giunte in una situazione di oggettiva difficoltà dal punto di vista dell'organico. Emergenza che non sappiamo, peraltro, quando terminerà (non sono ancora noti i tempi di recupero per Corradini e Pavia) per cui aver messo del fieno in cascina in questo frangente poco propizio dal punto di vista della buona sorte è tanta roba: Chapeau Giraffe!