A2 - S.Bernardo-Cinelandia Park riprende il cammino nel 2022 a Treviglio

A2 - S.Bernardo-Cinelandia Park riprende il cammino nel 2022 a Treviglio
© foto di FRANCESCO IASENZA

Il cammino nel Girone Verde di Serie A2 della S.Bernardo-Cinelandia Park riparte dal “PalaFacchetti” di Treviglio, in trasferta, con palla a due in programma domenica 16 gennaio alle ore 18:00. I biancoblù allenati da coach Marco Sodini inaugureranno il nuovo anno affrontando una rivale ostica, finalista dell’ultima edizione di Supercoppa: la Blu Basket Treviglio, squadra sponsorizzata Gruppo Mascio, marchio legato al numero uno del club, vale a dire il presidente Stefano Mascio.

Il derby lombardo, valido per il tredicesimo turno di stagione regolare, chiuderà il girone d’andata di ambedue le formazioni. I trevigliesi, attualmente in quarta posizione a pari punti in classifica con Monferrato, hanno ottenuto sin qui 16 punti, ovvero quattro in meno di Cantù (20), frutto di otto vittorie e quattro sconfitte.

L’ultimo successo conquistato dalla prossima avversaria dei canturini è arrivato contro una contendente di prestigio come Torino, sconfitta in terra piemontese con 19 punti di scarto; 79-98 l’esito finale, che ha meritatamente premiato la Blu Basket, nonostante, va detto, la Reale Mutua si sia presentata sul parquet in condizioni fisiche non certo ottimali.

In quell’occasione, il principale protagonista della sfida è stato l’americano Giddy Potts, autore di 20 punti, 6 rimbalzi e 4 assist in 25 minuti, il cui contratto, però, è stato recentemente rescisso dalla società trevigliese in seguito a un controllo antidoping che ne ha decretato la sospensione. Cantù e Treviglio si sono già incontrate lo scorso settembre nel precampionato, per la prima giornata di Supercoppa; il match, disputato al “PalaDesio”, ha visto vincere la Blu Basket con il risultato di 81 a 63.

QUI CANTÙ – A presentare l’ultima giornata del girone d’andata l’ala serba, di formazione italiana, Stefan Nikolic, e coach Massimiliano Oldoini. L’assistente allenatore della S.Bernardo-Cinelandia Park ha sostituito in conferenza stampa l’head coach Sodini.

Oldoini: «Data la triste situazione che ha colpito Marco, nel corso della settimana abbiamo cercato, io, Fabrizio Frates e Antonello Sorci, di preparare la partita nel modo più meticoloso possibile, anche perché affrontiamo un’avversaria, Treviglio, che in casa ha sempre vinto. È la prima squadra per punti realizzati: ne segna 83 di media, che diventano 86 quando giocano in casa. È quindi una formazione che vuole correre e che vuole segnare subito nei primi secondi dell’azione. Loro, inoltre, hanno una qualità importante: da tre tirano molto bene, con percentuali che, se in campionato toccano il 36%, nelle gare casalinghe arrivano addirittura al 40%. Parliamo di un gruppo composto da giocatori non solo votati all’attacco ma che hanno anche una buona alchimia difensivamente, frutto di regole difensive molto solide. In più, recentemente hanno inserito un giocatore al posto di Giddy Potts, ovvero Adam Sollazzo, che in passato ha già giocato a Treviglio. È un profilo un po’ differente rispetto a Potts in quanto capace, grazie a una maggiore fisicità, di giocare anche in post basso. Inoltre, è un giocatore meno individualista di Potts ma che, tuttavia, sa prendersi le sue responsabilità. Venendo a noi. Certamente dovremo essere molto attenti e intensi, difendendo soprattutto nei primi otto secondi dell’azione, continuando con le nostre regole. Treviglio, domenica sera, si giocherà l’accesso alla Final Eight di Coppa Italia; noi, di contro, giocheremo per vincere così da chiudere primi alla fine del girone di andata».

Nikolic: «Affrontiamo nuovamente una squadra che a settembre ha saputo infliggerci una bella scossa nel precampionato e ora, a distanza di mesi, vogliamo dimostrare che nel frattempo siamo diventati, e continuiamo a esserlo, certamente più maturi. Oltre a sottoporci a un bell’esame di maturità, questa partita ci mette di fronte l’occasione di chiudere in testa alla fine del girone di andata e di guadagnarci un vantaggio in ottica Coppa Italia».

L’AVVERSARIA – In panchina a guidare la Gruppo Mascio siede un allenatore giovane, 40 anni ancora da compiere, ma che conosce bene la categoria, vale a dire coach Michele Carrea, visto brevemente anche in LBA con i colori di Pistoia. Il suo playmaker di riferimento è l’italo-dominicano Yancarlos Rodriguez, passato anche dalla Brianza nella stagione 2019-’20 in cui collezionò 17 presenze con la maglia canturina; con 4 assist a partita (più 12 punti e 3.5 rimbalzi) è il miglior assist man della Blu Basket. Il posto da guardia titolare lasciato da Potts, che segnava in media 15.5 punti a partita, è stato preso da pochi giorni dallo swingman Adam Sollazzo, 32 anni ad aprile, americano, nato in Florida. Giocatore versatile capace di giocare in tutti i ruoli di esterno, Sollazzo è stato protagonista nell’ultimo biennio di due promozioni consecutive, entrambe ottenute dalla LEB Oro alla Liga ACB, ovvero dalla seconda serie al massimo campionato spagnolo. In quintetto da ala piccola parte il veterano Davide Reati, che va per i 34; mentre il suo cambio naturale è il più giovane Federisco Miaschi, classe 2000, esterno di due metri, uscito dal vivaio della Reyer Venezia. Reati porta alla causa 8.4 punti di media con un eccellente 46% da tre; sono invece 12 i punti a partita prodotti da Miaschi, la passata stagione in mostra con Biella.

L’ala forte titolare è l’esperto Brian Sacchetti, figlio del CT della Nazionale italiana, coach Meo Sacchetti; sin qui sta segnando 8.3 punti di media con il 43% da oltre l’arco. Nato nel 1986, Brian Sacchetti ha alle sue spalle 435 presenze in LBA, in 13 stagioni disputate, cuisi aggiungono anche 2154 punti realizzati, 1230 rimbalzi catturati e 424 assist. Completa lo starting five l’altro USA, il centro Wayne Langston, classe ’93, lo scorso anno in evidenza con l’Urania Milano a oltre 16 punti e 6 rimbalzi di media; adesso in maglia Blu Basket viaggia a 14.3 punti, 7 rimbalzi e 3.6 assist. Dalla panchina coach Carrea può contare su altre figure affidabili come il 36enne regista Marco Venuto (2.8 punti in 15’) e i lunghi Ursolo D’Almeida, in campo 13’, e Ion Lupusor, il cui minutaggio si aggira invece attorno ai 20’ a gara, nei quali produce quasi 8 punti di media. Nonostante la giovane età, entrambe le ali sono pedine molto preziose e che, soprattutto, ben conoscono la categoria.

MEDIA E INFO GENERALI - La partita sarà trasmessa, come di consueto, sulla piattaforma streaming LNP Pass; radiocronaca del match in streaming sul sito radiocantu.com o sulle frequenze FM 89.600 di Radio Cantù, partner di Pallacanestro Cantù. Ad arbitrare l’incontro saranno i signori Daniele Foti, Stefano Wessermann e Antonio Bartolomeo