EuroLeague/EuroCup, la stagione è finita: si riprende a ottobre

26.05.2020 00:30 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague/EuroCup, la stagione è finita: si riprende a ottobre

Aggiornamento. Ufficiale la cancellazione della stagione 2019/20. La competizione riprenderà dal 1° ottobre 2020 con le stesse 18 squadre che hanno giocato l'ultima annata. Niente Virtus Bologna.

Secondo quanto riportato da SDNA, Jordi Bertomeu - CEO di EuroLeague Basketball - starebbe spingendo verso la sospensione definitiva della stagione 2019/20 di EuroLeague e EuroCup. Nella mattinata di oggi, i club si sono riuniti per votare l'eventuale ripresa. Alle 16:30 Bertomeu annuncerà la decisione finale in conferenza stampa. Decisione che, adesso, pare scontata.

Aggiornamento. Manca solo l'annuncio ufficiale, ma le stagioni di EuroLeague e EuroCup sono terminate. I giocatori si sono detti contrari alla ripartenza, così come la maggior parte delle squadre.

Dichiarazione di chiusura stagione 2019-20 di Jordi Bertomeu.

Come tutti sapete, oggi (25 maggio 2020, ndr) abbiamo preso una delle decisioni più difficili e tristi della nostra storia e per alcuni di noi nelle nostre carriere professionali. Ma l'abbiamo fatto con la ferma convinzione che sia la decisione migliore per il bene del basket e per il bene dei nostri stakeholder. Abbiamo esaurito ogni opzione e ogni possibilità nel tentativo di riprendere sia EuroLeague di Turkish Airlines che EuroCup 7DAYS.

Avevamo risolto tutti gli aspetti logistici e operativi: protocolli medici, alloggi delle squadre, attrezzature dell'arena, produzione TV, calendari delle competizioni con giochi concreti programmati per entrambe le competizioni. Ma non è stato possibile. La decisione dovrebbe essere presa oggi - dopo la valutazione dei dati e delle informazioni pertinenti disponibili - ma oggi.

Questo era il nostro impegno per evitare di estendere gli effetti e i problemi prodotti dalla pandemia nella prossima stagione. E mi riferisco al riposo dei giocatori, ai campi di allenamento delle squadre, al calendario - che, come sapete, dobbiamo combinare con le leghe nazionali e anche con le attività delle squadre nazionali nell'estate del 2020-21. Quindi dovevamo essere coerenti con il principio che avevamo anticipato un paio di mesi fa.

Come ho già detto più volte, devo ancora dire che la nostra massima priorità è la salute e la sicurezza dei nostri giocatori, allenatori, arbitri, tifosi, partner e comunità locali. E la varia evoluzione della pandemia nei diversi territori EuroLeague ed EuroCup non garantisce che tutte le squadre avranno le stesse condizioni nei loro campi di addestramento e preparativi per riprendere il resto della stagione. Viaggi, quarantene, politiche governative riguardanti le pratiche per gli sport indoor e altri elementi sono diversi nei nostri territori. E come conseguenza di tutti questi fatti, abbiamo due aspetti da considerare.

Dobbiamo considerare il rischio per la salute dei giocatori, inclusi gli infortuni. E dobbiamo considerare che questa preparazione ineguale in termini di tempo e condizioni per tutti i nostri team danneggerà seriamente l'integrità della competizione.

Proteggere l'integrità della lega è stato anche il motivo per cui non abbiamo mai considerato un'opzione per ridurre il numero di squadre o cambiare in modo significativo il format della competizione. Questo tipo di approccio, che riduce il numero di squadre, non rifletterà ciò che è il campionato: un gruppo di club che condividono gli stessi principi e obiettivi, senza distinzioni dall'inizio della competizione fino ad oggi.

Come conseguenza dell'applicazione degli stessi valori di integrità e correttezza dello sport, EuroLeague di Turkish Airlines 2019-2020 non avrà un campione, né EuroCup 7DAYS.

Voglio aggiungere che sono molto orgoglioso di come questa difficile decisione sia stata approvata dai nostri club. Come in altre occasioni in passato, essere uniti è stato fondamentale quando i club hanno accettato la nostra proposta. Sono completamente convinti che l'unità sia il principio d'azione fondamentale per qualsiasi organizzazione che voglia crescere e progredire. E oggi lo hanno dimostrato.

Vorrei anche esprimere la mia gratitudine per le città e le regioni che hanno mostrato il loro interesse ad ospitarci per la fine della stagione. Ci hanno offerto le massime garanzie in termini di salute, sicurezza e aspetti operativi. E in diversi casi, pieno sostegno del governo. Quindi apprezziamo tutti questi sforzi. Questi candidati hanno compiuto uno sforzo enorme e hanno dimostrato una grande determinazione nel garantire che ogni dettaglio fosse in atto per garantire una fine della stagione sicura e di successo. Ma sfortunatamente, come sapete, questo non può essere possibile.

Quindi oggi iniziamo a lavorare per il futuro. Insieme a club, giocatori e allenatori, prepareremo la prossima stagione. Sono sicuro che avremo la complicità e il sostegno di tutti loro. E insieme, torneremo sempre più forti, per offrire ai nostri fan e ai nostri partner ciò che meritano: un'esperienza di basket fantastica e straordinaria. Questo è il nostro scopo e inizieremo a lavorarci a partire da domani.