EuroLeague - Itoudis "Reagire a una sconfitta è già una vittoria"

15.04.2020 17:24 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague - Itoudis "Reagire a una sconfitta è già una vittoria"

EuroLeague Basketball ha inaugurato una nuova rubrica chiamata "Timeout", e nel primo episodio il giornalista Sotiris Vetakisha intervistato l'allenatore greco del CSKA Mosca Dimitris Itoudis. Ecco alcune sue risposte.

La vita è cambiata. Le persone devono essere disciplinate nei loro consigli e decisioni. Circa la metà della popolazione mondiale è in quarantena. Lo siamo anche noi. La nostra routine è cambiata, cerchiamo di rimanere positivi in ​​una situazione senza precedenti.

Le sue attività quotidiane. Corro molto, sette o otto chilometri ogni giorno. Mi piace fare esercizio, guardare film, leggere. Mi piace cantare, penso persino di poter cantare, ma non è adesso!

Per gli anni dei suoi studi. All'università di Zagabria ho potuto specializzarmi dal secondo anno e ho capito quale fosse la cosa migliore per me. Ho finito con un buon voto, mi è piaciuto. Quasi ogni fine settimana ho viaggiato in auto o in treno per Trikala perché avevamo gare da giocare. Ricordo che all'inizio non riuscivo a segnare perché ero stanco. La partita era domenica alle 12.00 e poi di nuovo via per le lezioni. Tutto è stato fatto per la gioia e l'amore del gioco. Non posso descriverlo esattamente. Abbiamo giocato in campi aperti. È stato puro amore per lo sport ".

Una storia di quei giorni. Ricordo di aver preso un colpo alla caviglia. Il mio allenatore mi ha chiesto se potevo giocare, non ho nemmeno pensato di non poterlo fare. Poi sono finito in ospedale, ma non importava!

Sulla trasformazione in allenatore. Un mio caro amico mi ha chiesto se mi vedevo come un potenziale giocatore professionista. È lì che è cambiato tutto, ho trovato una squadra con bambini piccoli e ho iniziato.

Per quanto riguarda la guerra civile che ha afflitto la Jugoslavia in quegli anni. È stato difficile. Abbiamo perso alcuni amici. L'università stava funzionando normalmente, ma c'erano sirene, rumori e momenti in cui ci dovevamo spostare nel seminterrato. È stato un momento difficile

La sua relazione con Zeljko Obradovic. Il primo match con Zeljko ha suscitato molte emozioni. La nostra amicizia è durata così tanti anni, non è stata influenzata dal nostro lavoro di allenatori. Siamo professionisti e in campo dimentichiamo cosa sta succedendo o cosa sta succedendo al di fuori di esso. Lì provi a fare il meglio per la squadra, vuoi vincere. Sfortunatamente, non possiamo soddisfare quanto vogliamo, a causa degli obblighi e ora a causa della quarantena, ma sicuramente comunichiamo. Devo molto ai giorni in cui abbiamo lavorato insieme. Nel 1999 o 2000 mi disse che avrei potuto allenare qualsiasi squadra in Europa. È fantastico ascoltare qualcosa del genere da Zeljko.

I giorni con il Panathinaikos sono stati meravigliosi. I fan hanno adorato la nostra autenticità. Questo influenza anche i giocatori, l'organizzazione.  Abbiamo vinto l'Eurolega cinque volte, abbiamo avuto un grande successo. Questa squadra stava costruendo qualcosa in generale, insieme alla direzione, allo staff, ai giocatori. Non è così semplice arrivare in cima. Ci vuole tempo, chimica. Ci sono fattori che sono fuori dal tuo controllo. Sono stato molto felice di avere così tanto tempo e spazio in quei giorni.

Sulla gestione della sconfitta e del successo. Sono un po 'influenzato dai libri che ho letto e da alcuni documentari. La reazione dopo la sconfitta è una grande parte del successo. È stato così per noi l'anno scorso. Stiamo parlando di un organismo, che è composto da così tante persone, e quindi molte reazioni diverse. Gestione, giocatori, personale, persone. Ad un certo punto della tua carriera arriva il momento in cui rispondi alle sconfitte e ti rendi conto che un contrattacco è l'unico modo dopo una sconfitta o un fallimento. Quando reagisci in modo maturo e corretto dopo una sconfitta, allora arriva l'occasione. Puoi accettare un pugno, ma sei vivo e puoi combattere di nuovo.

Sono il giudice più severo di me stesso. Voglio migliorare costantemente, ma allo stesso tempo sono un realista. La cosa più importante è l'opportunità e la reazione. Questo è successo al nostro team l'anno scorso. Abbiamo avuto delle brutte sconfitte nella Regular Season e nei playoff. Ci è capitato molte volte anche al Panathinaikos. La crisi genera opportunità e tempo di qualità. Devi solo essere più discriminante con l'aiuto che offri agli altri. Non puoi prevedere o gestire tutto, ma puoi avere la giusta mentalità. Questa è una mia paura, perché noi allenatori vogliamo controllare tutto. Ma non è possibile, devi adattarti a quello che succede.