LBA - Piero Bucchi:"Alla Virtus vogliamo giocatori che siano persone serie"

Parla il coach della Virtus Roma che sta immaginando e costruendo la rosa della prossima stagione insieme al DS Spinelli
06.08.2020 09:49 di Eduardo Lubrano Twitter:    Vedi letture
LBA - Piero Bucchi:"Alla Virtus vogliamo giocatori che siano persone serie"

Operativo. Piero Bucchi sta lavorando insieme al Direttore Sportivo, Valerio Spinelli, alacremente alla costruzione della nuova Virtus Roma. Perché davvero mai come in questo caso la squadra sarà molto rinnovata: per adesso il solo Tommaso Baldasso (e per fortuna) rimarrà, avendo il contratto anche per la prossima stagione.

“Prima di tutto voglio ringraziare l’ing. Toti per l’ennesimo sforzo fatto con l’iscrizione della squadra – esordisce il coach della Virtus -  e spero che quanto prima arrivino i nuovi soci che hanno detto di volergli dare una mano. Si è esposto in prima persona e se a Roma si farà ancora pallacanestro di serie A lo si deve a lui. La nostra pallacanestro vive un momento di difficoltà anche perché i diritti tv non garantiscono quegli introiti che sarebbero necessari quindi che un imprenditore dopo vent’anni e in un periodo come questo trovi ancora voglia e disponibilità a far fronte a certe spese è molto importante”.

Bucchi che tipo di squadra state cercando di allestire?

“Prima cosa: sarà difficile arrivare alla Supercoppa (27 agosto,ndr) con la squadra al completo perché il tempo è poco, gli americani avranno bisogno dei visti, quindi la Virtus si gioverà di diversi giovani e le partite per noi serviranno a far fare minuti ed esperienza a chi sarà già con noi. Quanto allo specifico del mercato per adesso siamo concentrati sugli italiani anche ce ne sono di meno liberi sul mercato quindi è importante ora cercare quelli che possono fare al caso nostro. La definizione della rosa e gli americani la faremo quando sapremo – il Direttore Sportivo Spinelli, il Direttore operativo Francesco Carotti per la parte che gli compete cioè quella burocratica, ed io – il budget nel dettaglio”.

Ma le caratteristiche dei giocatori che state cercando quali sono?

“Ovviamente buoni giocatori ma anche ed in particolare persone con valori morali molto alti. Giocatori che abbiano quella particolare voglia di giocare, che siano disponibili ad integrarsi nel progetto Virtus e che siano capaci di condividere il momento che tutti stiamo vivendo e quindi abbiano la consapevolezza delle difficoltà che incontreremo lungo la stagione”.

Della scorsa stagione avete in mente qualcuno?

“No. Fatti salvi quelli che hanno già trovato squadra, al momento nessuno della rosa dello scorso anno rientra nei nostri piani”.

Ha parlato di difficoltà, che campionato immagina sarà il prossimo?

“Difficile appunto. Strano. Con i colleghi con i quali ho parlato in questi mesi siamo d’accordo che sarà dura peer tutti ripartire dopo quello che è successo e con quello che abbiamo ancora negli occhi. Il cielo si è un po' rasserenato, va meglio di qualche mese ma qualche nuvola c’è ancora e con queste ci sono diversi punti interrogativi: per esempio se e quando riavremo il pubblico che nello sport è una componente essenziale. Per questo alla Virtus vogliamo giocatori-persone mature”.