LIVE LBA - L'Olimpia sbatte nella zona di Pesaro, nell'overtime viene punita

LIVE LBA - L'Olimpia sbatte nella zona di Pesaro, nell'overtime viene punita

Dopo i tre anticipi del sabato, i due lunch-match della domenica. Uno dei quali si gioca alla Vitrifrigo Arena (palla a due ore 12:00) tra Carpegna Prosciutto Pesaro e AX Exchange Armani Milano. Nel recupero dei giocatori dal Covid-19 l'Olimpia è avanti, e ha anche nelle gambe un paio di gare oltre ad aver saltato quella di giovedì di coppa. Assente Zanotti nelle file marchigiane. Prima della palla a due si conosceranno i 12 che Milano manderà in campo. Rodriguez, Hines a riposo.

1° quarto - Gioco da tre punti dell'ex Olimpia Davide Moretti in apertura (3-0). Polemico dubito Messina per un fallo non sanzionato a suo avviso con due liberi. Melli, subito dopo impatta con un 2+1. Sanford e Hall riscaldano l'avvio 5-5 dopo 2'. Pesaro esaurisce il bonus, Bentil sorpassa, Jones e la tripla di Delfino ribaltano l'andamento lento. Bentil sfrutta il contropiede della rubata di Melli, Hall lo imita e Camara al 5' fa 12-11. Lo 0/2 di Bentil ai liberi e la persa per Tambone con antisportivo di Ricci significano 2 liberi per la guardia e canestro di Sanford 16-11 con 3'40". Lo stesso Sanford regala tre liberi a Grant 3/3 e possibile fuga rintuzzata. 2/2 di Tambone e Camara valgono il +6, Ricci lo dimezza con la tripla. Tambone e Delaney lo mantengono, entrando nell'ultimo minuto, Lamb li imita però Camara commette il terzo fallo personale su Kell che fa 1/2 con 3,9 secondi. Entra Delfino ma nulla da fare, al 10' è 24-20.

2° quarto - Delaney accorcia con una tripla, Milano fallisce l'aggancio e Tambone la punisce. Ricci tira dopo la sirena dei 24". Tyrique Jones schiaccia con grande forza, l'Olimpia si fa suonare la sirena dei 24" una seconda volta. Messina cerca potenza dai continui cambi, ma Sanford brucia la difesa 30-23 con 6'50". Bentil torna in lunetta, stavolta è 2/2. Melli stavolta segna sulla sirena 30-27 al 15'. Sanford brucia di nuovo la difesa, Pesaro tira 12/15 da due, Banchi vorrebbe l'aggiuntivo che non arriva. Devon Hall mette la bomba dall'angolo con 3'27", e per la Vuelle è il momento del timeout. Invece con 2'56" è la tripla di Kell a rilanciare l'Armani, che sorpassa per poco: ci pensa Delfino. Se Pesaro non segna da tre, ci pensa Ricci per un altro sorpasso. Milano non punge per allungare e Jones pareggia. Poi Delaney e Moretti confermano, ma Delfino commette il suo terzo fallo. Delaney spreca l'ultima occasione per l'Olimpia, e rimangono 3,5 per l'attacco marchigiano (che al momento è 1/7 da tre punti), dal timeout di Banchi. Così Tyrique Jones può deliziare il pubblico con il buzzer beater del 40-38.

3° quarto - 1/2 di Demetrio in apertura secondo tempo, che poi commette il suo terzo fallo. Milano esaurisce il suo bonus in appena 2', dopo aver commesso appena 5 falli nel primo tempo. Sanford e Jones allungano mentre l'Olimpia soffre un intercetto di Moretti e la schiacciata di Bentil sul ferro. Così Messina vuole timeout 45-38 con 6'59". Grant e Delaney rilanciano l'Armani, poi Hall sulla sirena pareggia con una tripla. 45-45. Ritorna Delfino, e va in lunetta per il 2/2, Messina mette dentro Baldasso, e Hall trova l'assist per Ricci, pareggia e il timeout è di Banchi. Moretti realizza la seconda bomba personale e di squadra (2/11) ma Delfino commette la terza palla persa personale di fila. Anche Pesaro esaurisce il bonus con 2'17"; la sua zona frena una Olimpia con poche idee a difesa schierata, così Grant va in lunetta su transizione negata 1/2. Baldasso pareggia con 70 secondi alla sirena. Liberi: 2/2 di Jones, pareggio di Hll. Quarto fallo di Demetrio (blocco irregolare), persa di Hall, persa di Lamb, tripla di Ricci: 52-55 al 30'.

4° quarto - Tarczewski e Kell prolungano lo strappo di Milano 0-7, chiuso al 32' da Sanford 56-59. Larson si iscrive ai marcatori con due liberi, e siamo a +1 Olimpia. Tambone sorpassa con la tripla con 6'39", ma Tarczewski va per il 61-61. Ricci in lunetta da rimbalzo d'attacco 1/2, Tambone fa 2/2 63-62 al 35'. C'è il quinto fallo di Demetrio sul gioco da tre punti di Bentil +2 Milano, Grant piazza la bomba dall'angolo e il +5 fa fermare il gioco a Banchi al 36'. Assist di Moretti per Jones; che poi commette il suo quarto fallo su Melli che realizza 1/2. Mancano 200 secondi alla fine, Sanford arresto e tiro vincente per un altro -2. Melli governa dentro l'area della Vuelle ma la tripla di Tambone ricuce fino a -1. Ancora Melli in schiacciata, mentre un possibile sfondamento di Delaney su Jones non viene chiamato. Si torna nell'area milanese, un altro episodio dubbio (Hall colpisce il braccio di Sanford) non viene punito. L'ira di Banchi gli costa un tecnico che Hall non realizza in lunetta con 1'40". Sanford schiaccia il contropiede (rubata di Moretti su Delaney) con 30 secondi alla fine, Delaney si fa perdonare mettendo la tripla del +4 con 17 secondi. Con 7" Tambone mette la tripla del -1. Hall segna 1/2, Moretti pareggia con 2/2 ai liberi e 1 secondo sul cronometro. Delaney vede rifiutata dal ferro la tripla della vittoria. Overtime.

OT - 2/2 di Hall in apertura. Delfino pareggia con 3'18". Tarczewski schiaccia, ma dopo la sirena dei 24 secondi, d'un pelo. Dall'airball di Sanford arriva il vantaggio di Grant. Pesaro torna in attacco, ma è una persa. Delaney 1/2, ma Delfino appoggia al vetro il -1 con 1'20". Melli sbaglia la tripla, Moretti cincischia con la palla ma Larson provvidenziale guadagna la lunetta con 32 secondi 83-82. Delaney e Grant non segnano, il rimbalzo di Tambone vede la richiesta dell'antisportivo, che non viene accettata ma la guardia della Vuelle va in lunetta con 4,3 secondi 2/2. Timeout Messina, l'azione circola bene ma Delaney stampa sul primo ferro il possibile secondo supplementare. Finisce 85-82, la seconda sconfitta stagionale in campionato per l'Armani arriva all'ora di pranzo, come la prima a Trieste.

Il commento: Milano sbatte sulla zona della Vuelle, che offre anche una prestazione ordinata in campo negando quasi sempre la transizione cara all'Olimpia. Non sono gli ultimi arrivati Baldasso e Kell gli atout vincenti per Messina, visto che soffrono di scarsa chimica con gli altri, né Alviti dimenticato in panchina come Tarczewski. Pesaro prova a frasi male da sola con un pessimo tiro dall'arco, ee stringendo i denti trova le occasioni d'oro per conquistare il supplementare e la vittoria.

Carpegna Prosciutto Pesaro - Olimpia Milano 85-82. Boxscore:  21 Tambone, 16 Sanford, 14p+14r Jones, 10 Moretti per Pesaro; 15 Hall, 13 Delaney, 12 Ricci, 11 Grant, 10 Melli per Milano.