NCAA - Scandalo reclutamento: sanzioni in arrivo per Georgia Tech

26.09.2019 19:27 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NCAA - Scandalo reclutamento: sanzioni in arrivo per Georgia Tech

Dopo che la sua immagine è stata gravemente danneggiata dalle rivelazioni di molti scandali, l'NCAA ha avviato indagini contro diverse università sospettate di usare mezzi illeciti per reclutare giocatori.

Le prime sanzioni sono piovute addosso a Georgia Tech. L'ex college di Chris Bosh e Stephon Marbury non potrà partecipare al March Madness nel 2020 e per quattro stagioni sarà a regime di libertà vigilata. L'università perde anche una borsa di studio all'anno in questo periodo e dovrà pagare una multa di $ 5.000, a cui dovrà essere aggiunto il 2% del budget del settore del basket dell'università. Ancora più grave, molte restrizioni sui mezzi di reclutamento per ogni anno di libertà vigilata.

Nel mirino della commissione è finito l'ex assistente Darryl LaBarrie che aveva usato un ex giocatore (Jarrett Jack) per cercare di reclutare Wendell Carter. L'attuale ala grande/centro dei Bulls era stato invitato in uno strip club, mentre Jack gli pagava il ristorante. Questo ex assistente ha rifiutato di collaborare con l'NCAA e ha chiesto al giocatore di mentire. Alla fine, Carter se ne è andato a Duke ...

Inoltre, un amico dell'allenatore Josh Pastner ha pagato alcuni giocatori alla Georgia Tech oltre a scarpe, abbigliamento, bagagli e altri pasti per un valore di oltre $ 2.000. L'indagine ha dimostrato che l'allenatore non era a conoscenza della cosa perché il suo ex ex amico aveva chiesto ai giocatori di non dire nulla di questi benefici in natura.

I dirigenti della Georgia Tech hanno l'opportunità di presentare ricorso contro tali sanzioni.