Nazionale U20 femminile, Europeo: anche l'Olanda subisce la forza del'Italia

La qualità media complessiva della nostra squadra è stata superiore è di molto anche all "fisicata" formazione orange che è stata in partita per pochissimo
13.07.2022 00:04 di Eduardo Lubrano Twitter:    vedi letture
Nazionale U20 femminile, Europeo: anche l'Olanda subisce la forza del'Italia

Agli Eruopei Under 20 femminili sono iniziate le partite ad eliminazione diretta con gli ottavi di finale e l'Italia ha fatto la sua parte alla grande. Italia-Olanda 76 a 36 con alcune note statistiche che danno subito l'importanza della nostra partita: abbiamo segnato11 punti in più della media delle prime tre partite, subìto 3 punti in meno sempre della media delle prime tre gare e tenuto l'Olanda al di sotto della sua media realizzativa (45,6 nel groncino, 36 con noi). Insomma tutto molto bene anche perchè il break, nel primo quarto è stato fatto con alcune delle ragazze che partono dalla panchina subito in campo, Guarise, Colognesi - che ha battagliato sotto canestro con le più lunghe e grosse avversarie - sotto la direzione di una super concentrata Gilli.

Appena 2 i punti concessi alle olandesi nei primi dieci minuti a fronte dei 13 italiani perchè abbiamo fatto solamente un pò di fatica ad adattarci alla zona proposta dall'Olanda. Ma quando le nostre tiratrici - Blasigh, Ronchi e Gilli nel secondo quarto - hanno trovato la distanza da tre, quel che rimaneva di una contesa è scomparsa subito. Il 33 a 15 di metà partita era più incoraggiante dei 18 punti di distacco perchè 7 dei 15 punti olandesi sono arrivati su turi liberi, cioè da falli delle nostre, forse un pò troppi, forse un pò troppo fischiati dagli arbitri. Ecco il tabellino

La partita poi è decollata - nel distacco - nel terzo quarto quando Giulia Natali dopo aver difeso e fatto tutto quello che serve per essere a disposizione della squadra si è messa a lavoro anche in chiave offensiva con 7 punti che hanno aiutato Gilli e Panzera a trovare a loro volta la via del canestro ed a chiudere la terza frazione sul 50 a 25.

Ultimi dieci minuti dedicati dalla nostra formazione a trovare altre connessioni, altri assetti nei quali la Pellegrini si è inserita perfettamente col suo tiro da tre, Varaldi ha segnato a ripetizione, Panzera ha spinto sull'acceleratore e Ronchi - sì lo ammetto ho un debole tecnico per questa giocatrice - ha fato un paio di cose davvero notevoli.

Archiviata dunque la questione Olanda ecco che mercoledì 13 13.30 si gioca il quarto di finale  con la Serbia che ha battuto la Lituania 71 a 41. Anche in questo caso è una partita che dovrebbe, ribadiamolo per evitare isterismi e suscettibilità di qualcuno, dovrebbe essere alla nostra portata. Ma l'asticella si alza perchè una vittoria spalanca le porte della zona medaglie, una sconfitta quelle dell'oblio che questa Nazionale in blocco non merita affatto, anzi.