All Star Game: LeBron e Giannis over the top, il riepilogo dei voti fino ad oggi

11.01.2019 15:42 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 560 volte
All Star Game: LeBron e Giannis over the top, il riepilogo dei voti fino ad oggi

LeBron James dei Los Angeles Lakers e Giannis Antetokounmpo dei Milwaukee Bucks hanno ampliato il proprio vantaggio nelle conference nella seconda tornata di voti dell’NBA All-Star Voting 2019 presentato da Google.
 
I voti dei fan contano per il 50% dei voti per determinare i 10 titolari del 68° NBA All-Star Game, organizzato presso lo Spectrum Center di Charlotte, North Carolina, domenica 17 febbraio alle ore 2 a.m. su Sky Sport. Tutti i voti dei giocatori NBA e di un panel di media valgono per il 25% del voto, con i votanti che selezionano due guardie e tre ali da ogni conference. I giocatori possono votare per sé stessi o per i compagni. Le votazione dei fan, dei giocatori e dei media si concludono martedì 22 gennaio alle ore 05:59 a.m.
 
Nel secondo parziale, James guida tutti i giocatori con 2,779,812 voti che lo tengono in testa tra le ali della Western Conference. Il rookie dei Dallas Mavericks Luka Doncic (2,220,077) rimane al secondo tra le ali ad Ovest e si è inoltre issato al secondo posto tra tutti i giocatori della Western Conference. Paul George degli Oklahoma City Thunder (1,859,216) ha raggiunto il terzo posto nella classifica della ali dell’Ovest, seguito da Kevin Durant dei Golden State Warriors (1,717,968) al quarto posto e da Anthony Davis dei New Orleans Pelicans (1,564,347) al quinto.
 
Stephen Curry di Golden State (2,094,158) ha aumentato la propria leadership tra le guardie dell’Ovest, mentre Derrick Rose dei Minnesota Timberwolves (1,986,840) rimane al secondo posto. James Harden degli Houston Rockets (1,674,660) e Russell Westbrook di Oklahoma City (1,494,382) sono ancora, rispettivamente, al terzo e quarto posto.
 
Nella Eastern Conference, Antetokounmpo (2,670,816) ha rinforzato la propria posizione da leader. I top 3 tra gli esterni dell’Est non sono cambiati, con Kawhi Leonard dei Toronto Raptors (2,092,806) al secondo posto e Joel Embiid dei Philadelphia 76ers (1,710,229) al terzo.
 
Il gruppo delle guardie dell’Est è ancora guidato da Kyrie Irving dei Boston Celtics (2,381,901) e da Dwyane Wade dei Miami Heat (1,199,789). Kemba Walker degli Charlotte Hornets (858,798) rimane al terzo posto, mentre Ben Simmons di Philadephia (695,032) rimane al quarto posto.
 
L’NBA All-Star Game 2019 segue il formato dell’anno scorso: i due capitani delle squadre scelgono i roster tra quelli votati come titolari e riserve in ogni conference, senza tenere conto della conference di appartenenza. I capitani delle conference sono i giocatori più votati nelle rispettive conference. I dettagli dell’NBA All-Star Draft saranno annunciati in seguito.  
 
TNT rivelerà i titolari dell’NBA All-Star Game, inclusi i due capitano, giovedì 24 gennaio durante il TNT NBA Tip-Off presentato da Autotrade, con Ernie Johnson, Charles Barkley, Shaquille O’Neal e Kenny Smith. Il network annuncerà le riserve, selezionate dai coach NBA, giovedì 31 gennaio durante il TNT NBA Tip-Off. 
Al termine delle votazioni, tutti i giocatori sono classificati nella rispettiva conferenze per posizioni (guardia e ala) in base ai voti dei tre gruppi – voti dei fan, voti dei giocatori e voti dei giornalisti. Il punteggio di ogni giocatori è calcolato dalla media ponderata dei voti dei fan, dei giocatori e dei giornalisti. Le due guardie e le tre ali con i migliori punteggi di ogni conference vengono nominati titolari dell’NBA All-Star Game. I voti dei fan sono decisivi in caso di parità del punteggio.
 
L’NBA All-Star Voting 2019 presentato da Google è cominciato il 25 dicembre e si conclude il 21 gennaio. Il terzo ed ultimo aggiornamento sui voti dei fan verrà condiviso giovedì 17 gennaio.

Durante le votazioni, cinque giorni di “2-per-1” hanno raddoppiato i voti dei fan. I rimanenti 2-per-1 sono stati programmati per ieri, oggi e per il 21 gennaio su tutte le piattaforme.