Serie B - Teramo cade a Vicenza, Salvemini guarda già a domenica prossima

07.04.2021 19:16 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Serie B - Teramo cade a Vicenza, Salvemini guarda già a domenica prossima

Nella terza trasferta prevista fra le ultime quattro gare giocate la Rennova Teramo rimedia una sconfitta 71-63 contro la Tramarossa Vicenza, in un campo dove la formazione di coach Ciocca (prima a pari punti con la UEB Gesteco Cividale nel girone C1 al termine della prima fase) ha perso solo 1 partita in questa stagione. Unico passo falso, costato il primato in classifica in vista della seconda fase dato che è arrivato proprio contro la squadra di coach Pillastrini, rivale più accreditata (assieme a Fabriano) per la conquista della vetta del girone C. A dimostrazione del fatto che l’impegno della Teramo a Spicchi in terra veneta tutto era meno che agevole o alla portata. A maggior ragione è un merito per la TaSp l’essere stata sempre in partita, dalla palla a due e fino alla tripla di Hidalgo a 34 secondi dal suono della sirena che ha chiuso definitivamente i giochi.

La Rennova Teramo, sempre in rincorsa ma mai doma per tutti i 40 minuti, non ha quindi sfigurato di fronte a una delle prime della classe, come ha confermato coach Giorgio Salvemini al termine del match: “Siamo venuti a Vicenza – questo il commento dell’allenatore della Teramo a Spicchi – per fare una partita importante contro una squadra che per tutta la prima fase ha primeggiato nel gironcino C1, e con obiettivi ambiziosi e ben definiti. Siamo stati sempre a contatto con loro e i ragazzi hanno fatto una buonissima partita. A 4 minuti dalla fine abbiamo avuto l’occasione di girare l’inerzia della partita e preso tiri con i piedi per terra da parte dei nostri tiratori, con le giuste spaziature. Questi tiri non sono entrati però ci devono aiutare ad aumentare consapevolezza della bontà del percorso che stiamo percorrendo. Abbiamo giocato alla pari di una squadra costruita con obiettivi diametralmente opposti ai nostri seppur siamo dispiaciuti perchè la gara avremmo potuto portarla a casa”.

Ora si volta pagina e si guarda all’impegno casalingo di domenica 11 aprile (ore 17:30) contro Mestre. Si torna così al Palasport dell’Acquaviva, dove i biancorossi sono costretti a costruire gran parte del percorso che porta al mantenimento della categoria, obiettivo primario della stagione teramana: “Un’eventuale vittoria a Vicenza avrebbe messo una luce diversa al nostro fianco – conclude il tecnico della TaSp – ma ora la nostra attenzione va spostata completamente alla partita contro Mestre, che diventa determinante per il nostro campionato. Portiamoci quindi a Teramo quanto di buono fatto contro la Tramarossa. La grande determinazione dei ragazzi ci ha ad esempio aiutato ad avere possesso dell’area e dei rimbalzi. E questo è un indicatore importante. La loro concentrazione, la loro voglia continua di crescere e la bella prestazione contro Vicenza ci danno fiducia per la gara di domenica all’Acquaviva, dove dovremo entrare sul parquet con ancora più durezza fisica e mentale rispetto all’ultima gara giocata”.

Tramarossa Vicenza: Cernivani 8, Bastone 19, Corral (c) 8, De Marchi, Sequani ne, Petracca 4, Rigon ne, Piccoli 12, Hidalgo 7, Chiti 5, Zampogna 8, Contino ne. All Cesare Ciocca, ass all Giacomo Statua e Andrea Tona.

Rennova Teramo: Serroni (c) 6, Wiltshire ne, Faragalli F. 3, Guilavogui 2, Faragalli C. ne, Rossi 3, D’Andrea 11, Massotti ne, Esposito 4, Tiberti 18, Molteni 2, Di Bonaventura 14. All Giorgio Salvemini, ass all Massimo Gramenzi e Angelo Vitelli.

Parziali: 20-11, 38-28, 59-51, 71-63