LBA - L'energia dell'Olimpia Milano è fatale alla Dinamo Sassari

14.04.2021 22:30 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
LBA - L'energia dell'Olimpia Milano è fatale alla Dinamo Sassari

Anche se arrivare primi, giocando senza pubblico, conta relativamente poco, l'Olimpia Milano rischia di perdere anche il secondo posto in classifica questa sera a Sassari (palla a due ore 20:45, diretta Raisport ed Eurosport 2). Certo che la Dinamo di Pozzecco è ancora un cantiere in risalita dopo l'esperienza Covid e si è visto a Treviso. Così come mancherà Gigi Datome (24 punti in 23' nell'andata al Forum) tra gli uomini di Messina, alle prese con il turnover tra gli stranieri, ai playoff di EuroLeague che inizieranno tra più o meno una settimana, e italiani che non lo convincono e sono ormai ai margini delle rotazioni.

1Q - Spissu apre il match dall'arco, Shields non sbaglia dopo l'errore sassarese, 3-2 dopo 2' di gioco. Delaney dalla lunetta per il primo vantaggio dell'Olimpia, ma riporta avanti il Banco Miro Bilan, contropiede biancoblu finalizzato da Burnell, 7-4 al 3'. L'ex Brooks si iscrive al tabellino, Gentile viene stoppato da Tarczewski, Shields per il +1 milanese, dopo 4' è 7-8. Shields colpisce dall'arco e si crea uno strappo 7-13 al 6'. L'ex Trento ancora s egno dopo Burnell e mantiene il 9-15. Happ, Kruslin e Katic col minibreak 6-0 ma , Rodriguez segna da 3. 15-19 Olimpia dopo 10'-

2Q - Apre la seconda frazione Happ, poi Cinciarini e Delaney affondano per l'Olimpia, e la bomba di Katic tiene Sassari a galla: 20-23 al 12'. Cinque punti di Leday trovano la risposta di Treier, ma l'Armani allunga 22-28 al 13'. Il momento è tutto per il quattro dell'Olimpia, che rilancia ancora e nonostante la bomba di Spissu al 15' fa 25-33. Sale la difesa milanese: Shields ruba palla e finalizza un contropiede e la bomba di Micov valgono un vantaggio in doppia cifra. Così il primo timeout della serata tocca a Pozzecco, mentre Leday scrive 27-40. Il 4/6 ai liberi di Bilan e Bendzius permette alla Dinamo di recuperare qualche punto, mentre in difesa una infrazione di 24'' dell'Olimpia, e -7 targato Bilan, 33-40, costringe al timeout coach Messina con pochi secondi allo scadere. Ritmo non elevato, ma qualche palla persa di troppo ha fatto volare in contropiede Milano. 

3Q - Burnell apre la terza frazione con tre punti importantissimi, 36-40 e nonostante la pronta reazione di Shields, arrivano il 4° fallo di Tarczewski, e la bomba di Spissu, 39-43 al 22'. A scambiar triple arriva anche Delaney. La gara è calda davvero, Burnell si inventa il canestro più difficile della serata, 41-46 al 23'. Così Delaney e un'altra bomba di Spissu tengono vivo l'incontro. Al 25' è 45-52. Leday rimane un fattore non controllabile per i sardi, poi però due buoni minuti in difesa e le triple di Gentile e Spissu rilanciano il Banco 51-54 con 2'31". Rodriguez cava le castagne dal fuoco a Messina con due assist per Biligha e uno per Micov da tre punti, +10 nell'ultimo minuto. Sassari non trova soddisfazione dal sottomano di Happ allo scadere 51-61.

4Q - Al 31' c'è solo il canestro di Burnell per provare a rientrare da parte della Dinamo. Messina prende tecnico ma non paga dazio, con Kruslin che sbaglia il libero. Delaney termina il 32' con l' 1/2 ai liberi. Un minuto dopo il play dell'Olimpia ritorna in lunetta per il 53-64. La zingarata di Katic affonda finalmente nella difesa milanese, Bilan ne aggiunge due e Spissu piazza la sesta tripla personale 60-64 con 5'34". Timeout Messina. Spissu rientra e spara il -2, 62-64. E' quasi fatta, ma qui Milano tira fuori il parziale assassino: 0-12 iniziato dalla tripla di Leday fino a quella di Rodriguez e una difesa asfissiante. Con 2'38" 62-76, chiuso da Gentile con il Banco a cercare un altro recupero. Al 39' tecnico all'Armani, Spissu mette prima libero poi tripla, e ancora due di Burnell per il -8. Ma ci sono solo 75 secondi alla sirena, e l'Olimpia tiene sotto controllo la situazione. Finisce 73-85.

Troppa olimpia per questo Banco: la squadra di Messina lancia l'allarme nel secondo quarto, andando sul +13, gigioneggia quanto basta fino all'ultimo quarto dove, nel momento migliore dei sardi lancia l'allungo decisivo da togliere il fiato. E a quel punto i difetti affiorano tutti: la brutta serata i tiri liberi, il tiro da tre punti buono ma non adeguato all'avversario, l'energia e le tante piccole cose che l'Armani fa meglio.

Banco di Sardegna Sassari - Olimpia Milano 73-85. Boxscore: 24 Spissu, 14 Burnell, 10 Bilan, 8 Gentile, 7 Katic, 4 Happ, 2 Bendzius, Treier e Kruslin per Sassari; 28 Leday, 19 Shields, 11 Delaney, 8 Biligha, 6p+10as Rodriguez, 6 Micov, 2 Cinciarini, Tarczewski e Brooks, 1 Wojciechowski per Milano.