A2 - La Reale Mutua Torino passeggia sui Navigli...battuta Milano 88-70

11.10.2021 07:12 di Emiliano Latino   vedi letture
Fonte: www.pianetabasket.com
Alibegovic festeggia in curva
Alibegovic festeggia in curva
© foto di Emiliano Latino

Troppa Reale Mutua Torino per questa MIlano, arrivata al Pala Gianni Asti con ben altre premesse. Promessa non mantenuta anche perché la truppa guidata da Casalone, ha sfoderato una grande partita, spinta da capitan Alibegovic e da una prestazione di gruppo di altissimo livello.

Lo show time di De Vico e compagni nel 3°quarto, ha spento le velleità di rimonta dell'Urania che ha dovuto fare i conti con l'assenza ingiustificata"dei suoi americani, Walley più di Thomas (12 pt), che non hanno garantito sostanza e punti. Non è bastato l'orgoglio di Bossi e Montano per rimettere in piedi un match chiuso dopo neanche 30' e coach Villa "Il risultato non lascia poco spazio a qualsiasi commento, non siamo riusciti a limitare lo strapotere fisico di Torino. Abbiamo sbagliato troppo da sotto e ogni errore è stato pagato a caro presto. Difensivamente parlando abbiamo concesso troppo e i loro 18 assist lo testimoniano appieno. Dovremo analizzare le volte che non siamo stati in grado di costruire buoni tiri, dobbiamo continuare a lavorare. Perdere a Torino ci sta, gli americani stanno facendo fatica e rispetto alla scorsa settimana, non abbiamo rimediato. Thomas deve togliersi di dosso qualche pressione di troppo e Walley è alla prima esperienza italiana e deve trovare presto l'identità giusta che porta fatturato a referto"-  dovrà quanto prima rimettere in carreggiata i suoi, usciti dal palazzetto sconsolati.

Casalone " Abbiamo fatto il sold out e quasi nessuna squadra fin'ora riesce in questi numeri: la passione di Torino è sotto la cenere e abbiamo il dovere di ravvivare questo palazzetto, oggi molto bello e che ci ha spinto molto in alto. Facco i complimenti a tutti i miei ragazzi che stanno bene insieme, i divertono e hanno creato un gruppo strepitoso. Abbiamo giocato bene e i punti distribuiti e la valutazione complessiva lo testimoniano. Dobbiamo ancora migliorare le percentuali dal perimetro, ma abbiamo ricercato altre soluzioni che ci hanno consentito breack importanti (58 punti dentro l'area). Giocatori come Zugno e Pagani stanno crescendo ogni domenica e sono così intelligenti da capire il momento in cui essere protagonisti durante la partita" - continua nel suo percorso di ricostruzione di un progetto nato da pochi mesi, può ritenersi soddisfatto ed è andato a raccogliere gli applausi della Curva Dido Guerrieri che ha spinto tutti i tifosi del palazzetto durante la partita.

Le parole di capitan Alibegovic in sala stampa :" Un'atmosfera incredibile dopo due anni senza pubblico:voglio ringraziare la Curva Dido Guerrieri che ci ha aiutato nei momenti difficili e il grande spirito di sacrificio della squadra ha portato a questa grande prestazione. Bisogna guardare una partita alla volta senza fare calcoli, l'atmosfera è quella giusta e bisogna continuare così, per renderci migliori ogni giorno. E' il mio quarto anno e anche quest'anno i nuovi arrivati hanno un sogno nel cassetto da esaudire. Anche gli americani si sono calati subito nella parte e le premesse sono molto buone...questo vale per tutti e ogni domenica, possono essere protagonisti. Domenica andiamo a Cantù consapevoli della nostra forza...non abbiamo paura di nessuno!"

Tabellino

Reale Mutua Torino - Urania Milano 88-70 (23-21, 21-17, 27-16, 17-16)

Reale Mutua Torino: Mirza Alibegovic 17 (7/10, 1/3), Trey Davis 16 (8/10, 0/3), Devon Scott 15 (5/11, 0/0), Niccolo De vico 13 (5/6, 1/4), Daniele Toscano 9 (3/5, 1/2), Giordano Pagani 8 (4/7, 0/0), Aristide Landi 7 (2/3, 1/4), Ruben Zugno 3 (0/0, 1/3), Andrea Raviola 0 (0/0, 0/0), Federico Pirani 0 (0/0, 0/0), Francesco Oboe 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 5 / 7 - Rimbalzi: 37 9 + 28 (Devon Scott 10) - Assist: 18 (Devon Scott 6)

Urania Milano: Stefano Bossi 16 (3/6, 3/7), Aaron Thomas 12 (3/12, 0/3), Matteo Montano 12 (3/3, 1/6), Paolo Paci 10 (4/6, 0/0), Giorgio Piunti 7 (2/5, 1/4), Alessandro Cipolla 6 (0/1, 2/4), Tristin Walley 5 (1/3, 0/1), Daniele Pesenato 2 (1/2, 0/0), Francesco Gravaghi 0 (0/0, 0/2), Lionel Abega 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 20 - Rimbalzi: 29 10 + 19 (Aaron Thomas, Paolo Paci 6) - Assist: 9 (Stefano Bossi, Matteo Montano, Tristin Walley 2)

-----

Il 1°quarto (PARZIALE 23-21) parte con la palla a due vinta da Scott su Paci e primo possesso targato Reale Mutua Torino che si conclude con i primi punti di Davis e la risposta di Paci stesso dalla media.
Partita molto fisica, i duelli sotto le plance si sprecano, così come gli spari dal perimetro con percentuali molto basse (Torino parte male...0/5). Milano avanti 6-11 al 5' spinta da Bossi e Thomas; Torino ha bisogno della sveglia in fase d'attacco per riportare la partita sui giusti binari. Prime rotazioni per coach Casalone che manda dentro Toscano al posto di De Vico e Scott comincia il suo duello personale sotto canestro con Paci - Bossi entra nel burro del pitturato, canestro e fallo di Zugno per il supplementare aggiuntivo vincente. 12-19 al 7' e time out richiesto dalla panchina torinese.
Scott si mette sulle spalle la squadra e la tripla di Landi riporta in parità il match; Milano sbanda e il 2°fallo di Thomas può diventare un fattore e il canestro di Toscano da sotto chiude il primo atto prima dell'errore da sotto di Alibegovic.

2°quarto (PARZIALE 21-17)che comincia con il gioco da tre punti di Montano e il doppio play in campo per Torino (Zugno&Davis) - Entrambe cercano di riempire l'area, Torino coinvolgendo i suoi lunghi e gli ospiti con penetrazioni veloci.
Villa è nero con i suoi e dopo la tripla di Toscano li richiama a riordinare le idee nel minuto di sospensione. La musica non cambia: infrazione di passi di Montano e successivo contropiede vincente di Toscano. Casalone mette il carico da 11 e butta dentro Scott al posto di Toscano.
Piunti si iscrive alla partita con due punti d'esperienza da dentro l'area...Milano ha bisogno dei suoi punti perché la coppia di americani latita. 34-28 al 5', poi la tripla di Cipolla e i punti da sotto di Piunti, riportano l'Urania sotto.
Torino quando sente il fiato sul collo mette ordine allo spartito con Landi dalla media e Alibegovic in penetrazione- 3°fallo di Scotti...Casalone gli vuol parlare...in panca. PARZIALE 40-34 (8').

Stoppata di Thomas sulla penetrazione di De Vico, poi l'americano perde una pallaccia. Pagani dimostra ancora una volta la crescita partita dopo partita, facendosi trovare pronto sotto le plance (4 punti consecutivi), nonostante l'opposizione di Piunti. Intervallo lungo, Torino avanti 44-38

Secondo atto di una partita sostanzialmente equilibrata con Torino che riparte dal +6 che non può lasciarla tranquilla...il 2/11 dal perimetro è da registrare e le rotazioni dalla panchina potranno dare quel qualcosa in più per allungare su una Milano che ha bisogno dei suoi americani, finora assenti ingiustificati, soprattutto Walley.

3°quarto (PARZIALE 27-16)che si apre con la tripla sul ferro di Thomas e il mancato canestro da sotto di Walley - Alibegovic non sbaglia prima che Bossi timbri il cartellino dal perimetro. Si segna tanto in questi primi 2' e il + 8 targato Reale Mutua viene siglato dal canestro di Landi che fallisce il supplementare dopo il fallo subito da Walley, 3 falli per lui - De Vico e Alibegovic si divertono dentro l'area, Torino va sul +13 con le sportellate di Scott e coach Villa è costretto al time out sul 54-41 (4') - Applausi a scena aperta per Scott che lascia il posto a Pagani mentre De Vico continua il suo show time. Metà del tempo è passato sul parziale di 58-41, Milano si risveglia dal torpore con il gioco a due Bossi/Thomas culminato con la schiacciata dell'americano.
Alibegovic segna e sforna assist: bene ancora Pagani, ancora pronto ad accarezzare la retina. Bossi e Montano decidono che è arrivato il momento di tornare a giocarsela: tripla per il primo e canestro da sotto per il secondo.

Zugno si iscrive alla partita con una tripla subito doppiata da Alibegovic e triplicata da De Vico, che infiammano la curva torinese, rientrata sugli spalti del Pala Gianni Asti. E' la mazzata di Casalone e suoi...sirena sul 71-54

Ultimo atto di questa sfida che ha visto lo strappo della Reale Mutua Torino avanti + 17 sulla truppa di coach Villa.
Piunti non si arrende e la sua tripla vincente lo certifica - Bossi in contropiede segna ancora e per Casalone è arrivato il momento di rimettere in ordine le idee riportando sulla terra i suoi. Time out sul 71-59 (2').

Tanto per cambiare Toscano si prende l'ennesimo fallo in attacco e Thomas si gratta la testa dopo aver capito di aver fatto una fesseria. Si riprende subito con una palla recuperata e un contropiede...ma la lunetta dice 0/2...non una grande serata per gli americani milanesi. PARZIALE 74-59 (4').

Ultimi 5' di questo match ormai indirizzato dal 3°quarto di grande qualità della squadra guidata da coach Casalone - Servono 3 tiri a Thomas prima di trovare il fallo e i liberi (2/2)...ad Alibegovic uno soltanto. -15 (78-63) meneghino, Villa chiama il minuto di sospensione per dare la spinta in questi ultimi minuti e non abbassare la guardia.

4 punti consecutivi per Davis che trova corridoi liberi in penetrazione e Casalone si coccola in panchina Pagani, protagonista di una grande prestazione. Montano la mette dentro dal perimetro con i piedi per terra...la partita si trascina verso la sirena finale...Landi la riaccende con un assist no look che Scott deve solo appoggiare a canestro.

----------

Il commento pre partita

E' sempre una sfida particolare dal sapore d'altri tempi quella tra due città e due squadre che vogliono essere protagoniste di questo girone verde- Torino contro Milano sul parquet del Pala Gianni Asti, rappresenta due modi di vedere la pallacanestro e due mondi accomunati da una passione incredibile. 

La Reale Mutua di coach Casalone per la prima di campionato davanti al proprio pubblico, vuole bissare il successo di Orzinuovi e il nuovo progetto vuol misurarsi contro una squadra che seppur sottotraccia ha ambizioni importanti. Se per Torino i due americani Davis e Scott rappresentano una novità assoluta, Milano può contare sull'esperienza di Aaron Thomas, ex di Roma, Scafati e Montegranaro, e sull'incognita del giovane Walley, ancora in fase di inserimento negli schemi di coach Villa.

Entrambe con un gruppo di italiani di assoluto valore, si affronteranno davanti ad oltre 1300 tifosi, accorsi al palazzetto anche spinti dalle iniziative della società, t-shirt in regalo ad ognuno di loro e dall'affetto verso i colori gialloblù che ha sempre bisogno di nuova linfa.