NBA - Pelicans, per JJ Redick non c'è comfort nell'essere isolato in una "bolla"

05.07.2020 00:01 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Pelicans, per JJ Redick non c'è comfort nell'essere isolato in una "bolla"

I giocatori di 22 squadre della NBA saranno isolati ad Orlando per terminare la stagione, in un mondo che continua a muoversi e in un paese come gli USA profondamente scosso dalla pandemia. Non è l'ideale per giocare a basket, come ha ammesso Adam Silver.

Ma "Dire che c'è un certo livello di comfort sarebbe una bugia", ha detto JJ Redick a ESPN . "Non ce ne sarà. Non saremo con le nostre famiglie, né a casa nostra. Saremo isolati in una sorta di bolla nel bel mezzo della Florida, mentre un movimento sociale attraversa il paese e siamo a tre mesi di distanza, potenzialmente, dalle elezioni più importanti della nostra vita. Nel mezzo di tutto questo casino, devi cercare di essere bravo e giocare a basket." 

Redick è consapevole che in tali condizioni non esisteva davvero una buona soluzione: “Penso che riprendere da dove ci siamo fermati sia la cosa giusta da fare. So che la lega e il sindacato dei giocatori hanno cercato di creare un ambiente sicuro, lo capisco. Tranne il fatto che ci sono così tante cose intorno a noi. Cose importanti."

Non solo magliette. “La cosa più importante è che il campionato, i giocatori, il sindacato stanno cercando di fare la differenza e di investire denaro nelle comunità nere. Questo sarà fatto nei prossimi anni. Il cambiamento avverrà gradualmente. È più importante, penso, che avere parole scritte sulle nostre maglie. È il sistema che deve cambiare e la domanda è come la lega stia aiutando a cambiarlo."