NBA - Coronavirus: pandemia a Orlando genera paura nei giocatori

13.06.2020 00:01 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Coronavirus: pandemia a Orlando genera paura nei giocatori

Coronavirus. La situazione a Orlando è sempre più preoccupante soprattutto nella Contea di Orange e nella Contea di Seminole. Nella prima, ieri 128 nuovi casi che significana il massimo in un solo giorno e 25 in più rispetto a quelli rilevati il ​​3 aprile, quando si è verificato il picco della prima ondata della pandemia.   

"Sta tornando, e ha assolutamente la possibilità di tornare con una vendetta", ha detto Todd Husty, direttore medico di Seminole . "Questo è un grosso problema, e sta peggiorando. Eravamo così vicini a zero [casi]. Eravamo così vicini. E poi abbiamo iniziato ad aprire ... Questa dannata cosa è opportunistica."

La risalita della curva dei contagi arriva circa un mese dopo che il governatore Ron DeSantis ha iniziato a riaprire la Florida e lo stesso giorno ha affermato che le scuole pubbliche riapriranno in autunno, sebbene i protocolli possano variare da contea a contea.

Ci sono già molti giocatori della NBA che stanno dubitando dell'opportunità di scendere in Florida che sembra diventare epicentro di una nuova ondata di Coronavirus. Questo si aggiunge già alla decisione di Kyrie Irving di radunare 200 giocatori in teleconferenza per discutere se sia il caso, nel pieno di una protesta antirazzista per la morte di George Floyd, di tornare a in campo.