LIVE LBA Playoff - La Reggiana rimonta 20 punti ma non completa e l'Olimpia vince Gara 1

LIVE LBA Playoff - La Reggiana rimonta 20 punti ma non completa e l'Olimpia vince Gara 1
© foto di SAVINO PAOLELLA

A|X Armani Exchange Milano, testa di serie numero 2, e UNAHOTELS Reggio Emilia, testa di serie numero 7, aprono ufficialmente i quarti di finale dei playoff di LBA 2021-22 alle ore 17:00 al Forum di Assago. Per la formazione di Attilio Caja è un ritorno alla post-season dopo cinque anni e due finali scudetto. In stagione regolare Milano è 2-0 (84-74, 63-67). Tre le assenze su ambo gli schieramenti: Delaney-Melli-Mitoglou per l'Olimpia; Candi-Diouf-Olisevicius per la Reggiana. 

1° quarto - Daniels in campo, Grant in tribuna per Messina. la tripla di Shields apre la serie 3-0. Johnson e Hopkins fanno 3-4. Bentil titolare segna da tre e ribalta 6-4. Bentil e Datome portano Milano sul +10, ma le triple di Cinciarini e Larson valgono la parità al 4'. L'Olimpia scatta con uno strappo 6-0, e Caja prende il timeout con 3'54". Strautins ne esce con una tripla, ma l'inerzia del momento è dell'Armani con la bomba di Bentil 19-13. Thompson fa vedere una Unahotels ancora viva, ma l'uno/due Biligha/Shields da tre è il +9 entrando nell'utlimo minuto. La tripla di Thompson per il 24-18 al 10'.

2° quarto - Biligha e due liberi di Hall confermano la supremazia di Milano +10. La bomba di Thompson trova la replica di Ricci, bravo a prendere lo scarico di Hall. Daniels manda in lunetta Thompson che segna tutti e tre i liberi. Poi tocca a Shields, apparso rigenerato rispetto alle ultime uscite, ma trova la risposta di Cinciarini 32-26 con 7'04". Anche Baldi Rossi concede tre liberi a Datome, che fa percorso netto 3/3. Su due errori di Ricci arrivano due contropiedi reggiani, con Johnson e Thompson 35-31 con 5'48" e Messina chiede il timeout. Rientra in campo Rodriguez che segna una tripla e poi arma la mano di Bentil. Il rapido 6-0 vale un timeout per Caja con 4'19". Thompson si fa vedere con un'altra tripla, Datome in lunetta è una sentenza. Rodriguez conferma Milano con la bomba, Hopkins si fa notare con due liberi, ma la spinta dei leader milanesi è totale. Shields fa +13 con 101 secondi all'intervallo. Ancora Hopkins in lunetta 2/2, rientra Daniels ma è Rodriguez a mettere la tripla. Per Johnson solo un libero su due con 54". Baldi Rossi fa tutto da solo per accorciare, il passaggio dietro schiena di Rodriguez viene intercettato ma Jonhson non riesce a chiudere il contropiede prima della sirena. Al 20' è 51-40. Per la prima volta dopo qualche mese, abbiamo un'Olimpia prolifica in attacco. Boxscore: 13 Bentil 11 Rodriguez, 10 Shields per Milano con il 91% da due e 8/16 da tre; 17 Thompson per Reggio.

3° quarto - Poca pressione in avvio, e Bentil allunga il suo score personale. Ma poi regala la lunetta a Strautins che fa 2/2, poi perde palla e Strautins non lo punisce in contropiede. La cosa riesce a Datome, che piazza la tripla 56-42. Cinciarini e Datome segnano ancora da tre, come Shields da passaggio dietro schiena di Rodriguez 62-45 al 23'. Reggiana in barca, Milano sempre perfetta al tiro: il timeout di Caja arriva con 6'10" ma siamo 67-47 con Bentil che deve ancora tirare un libero... che non entra. Shields da due e Strautins da tre per il 25': Reggio tira bene, ma è insufficiente in difesa. Hines e due liberi di Cinciarini per confermare il +17 Armani al 26'. L'Unahotels avanza a fatica, ma una tripla dall'angolo di Ricci ben costruita, Hall da tre e Biligha restituiscono a Milano il +24 in pochi secondi, timeout Caja con 2'. Reggio ritrova un po' di colore piazzando lo 0-6 che vale 80-62 più una tripla allo scadere fallita da Crawford al 30'.

4° quarto - La Reggiana però non si dà per vinta. Il break infatti prosegue con cinque punti di Crawford e due di Johnson con 8'05" timeout di Messina per recuperare concentrazione, ma al rientro Crawford e la tripla di Cinciarini rimette le squadre a due possessi 80-74. Bomba di Devon Hall per chiudere lo 0-18; Thompson però tiene più vicina la Unahotels, ma abbiamo una gara al 35' aperta. Con 5'15" 1/2 di Bentil in lunetta. Cinciarini per una parabola zero con 4'40" riporta il -6 Reggio; Thompson penetra senza essere stoppato per il -4 con il timeout di un indiavolato Messina. L'olimpia ha segnato appena 4 punti nel quarto. la Reggiana fallisce il -2, e Hall non perdona +6. Manca il fischio per Strautins in penetrazione, arriva per Baldi Rossi sul rimbalzo d'attacco ed è 86-82 con 2'. Shields trova uscendo dal blocco un gioco da tre punti (fallendo il libero), Milano e il suo pubblico respirano. Ogni palla conta adesso: Strautins commette fallo in attacco, Datome lo punisce in difesa mettendo una tripla 91-82 con 77 secondi alla sirena. C'è fretta di giocare gli ultimi palloni ma non succede più nulla e così l'Armani si toglie la paura.

Il commento: la sensazione di aver vinto facile sul +24 fa giocare in apnea tutto il Forum di Assago gli ultimi 12' di gara. Si conferma che in questo quarto il primo nemico dell'Olimpia Milano è sè stessa, la buona volontà e le buone mani di encomabile Reggiana non sono sufficienti a ribaltare il risultato già scritto.

Olimpia Milano - Unahotels Reggiana 91-82. Boxscore: 20 Shields, 18 Bentil, 13 Datome, 11 Rodriguez e Hall, 7 Hines, 6 Biligha, 5 Ricci per l'Olimpia; 21 Thompson, 17p+10as Cinciarini, 11 Johnson, 9 Crawford, 8 Strautins, 6 Baldi Rossi, 5 Hopkins e Larson per la Reggiana.