ESCLUSIVA PB - Andy Ogide: "San Severo? Avremmo potuto raggiungere i playoff"

12.05.2020 12:08 di Iacopo De Santis Twitter:    Vedi letture
Federico Peretti
Federico Peretti

Andy Ogide ha chiuso la stagione 2019/20 di Serie A2, sospesa e conclusa anticipatamente a causa dell'emergenza Coronavirus, con San Severo. Dopo il suo arrivo a gennaio, San Severo ha perso le prime due gare, per poi vincerne quattro di fila e cinque nelle ultime sette. Striscia positiva che ha permesso al club di uscire dalla zona retrocessione, guidati da un Ogide da 18.7 punti di media a partita e 8.3 rimbalzi. "Credo al 100% che avremmo potuto raggiungere i playoff se la stagione fosse continuata. So che tutte le squadre possono dirlo. Ma stavamo giocando il miglior basket nell'intera lega in quel momento. Avere il vantaggio di giocare in casa ci ha aiutato molto", ha riferito a Pianeta Basket.

La stagione di Ogide, tuttavia, è incominciata a Piacenza. "La stagione è stata "selvaggia" per me. Mi sono infortunato la prima gara dell'annata, ma ho recuperato e sono tornato giocando bene. É stata una strana situazione avere 3 americani in A2. Tutti noi giocavano bene quando eravamo in saluto. Ma avendo mancato parte dell'inizio stagione, non volevo saltare altre partite. Ringrazio il presidente di Piacenza che mi ha permesso di lasciare per una situazione migliore dove giocare in modo costante. A San Severo sono stato molto a mio agio e ho sentito come fossi il pezzo mancante di cui la squadra aveva bisogno per uscire dalla zona retrocessione", prosegue.

Nel 2016, Andy Ogide ha partecipato ai Giochi Olimpici con la Nigeria (vincitrice dell'AfroBasket 2015). Nel girone, insieme alla Nigeria, squadre importanti come Brasile, Argentina, Spagna, Lituania, Croazia. "Le Olimpiadi sono state probabilmente il momento più speciale della mia vita. Poter giocare e vivere come alcuni dei migliori atleti del mondo è stato un sogno diventato realtà", ci racconta Ogide. "Il girone era molto tosto, ma siamo stati in grano di competere e giocarci tutte le partite. Così come battere la Croazia, che poi ha chiuso al primo posto nel gruppo. La cerimonia di apertura, spendere tempo liero con la squadra, vedere e conoscere grandi atleti, il villaggio olimpico, tutti fermi a guardare Usain Bolt correre. Momenti incredibili".

Recentemente la Nigeria ha annunciato che Spencer Dinwiddie, giocatore NBA con i Brooklyn Nets, potrà giocare con la Nazionale. "Negli ultimi anni la Nazionale ha fatto sempre meglio. Non è una sorpresa che giocatori come lui vogliano unirsi alla "fratellanza". Con rispetto per Spencer, ho sentito che suo padre è nigeriano. Quindi sono sicuro che giocherà con lo stesso orgoglio come tutti gli altri prima di lui".

La NBA, in collaborazione con FIBA, ha annunciato la nascita della Basketball Africa League (BAL). L'inizio della lega è stato posticipato a causa dell'emergenza Coronavirus. La Nigeria avrà una franchigia, i Rivers Hoopers, ceh giocano a Port Harcourt. "Penso che la BAL avrà un grande impatto nel basket mondiale. C'è molto potenziale in Africa. Se guardi alla NBA o alla NCAA, ci sono tanti talenti africani. Spero che la lega possa incoraggiare le giovani generazioni a portare il gioco su un altro livello".

Infine un'ultima battuta, tra presente e passato. "Sto bene. Sono in salute e cerco di migliorarmi. Il futuro è molto incerto adesso. Quando e come si potrà giocare la prossima stagione. Provo a preoccuparmi di ciò che posso controllare. Quindi continuo a tenermi in forma e pronto per quando le cose tornerà alla normalità. Sento di poter fare sempre meglio ogni stagione e non vedo l'ora di tornare".

Andy Ogide, classe 1987, è diventato professionista nel 2011 quando ha firmato il suo primo contratto in Spagna con il Breogan. Nella stessa stagione è passato al San Sebastián. Dopo esperienze in Francia (Poitiers), Israele e Giappone, è approdato in Italia nella stagione 2017/18. Da allora ha giocato per Roseto, Piacenza e San Severo.