La Reale Mutua Basket Torino presenta il progetto B.A.Sk.E.T

La promozione di uno stile di vita sano attraverso una corretta alimentazione e la pratica di attività sportiva.
14.06.2022 12:15 di Emiliano Latino   vedi letture
Fonte: Pianetabasket
La Reale Mutua Basket Torino presenta il progetto B.A.Sk.E.T
© foto di Basket Torino

Questa mattina, presso la sala del Circolo Ricreativo Assistenziale dei Lavoratori (CRAL) di Reale Mutua, si è svolta la presentazione del progetto “Benessere Attraverso lo Sport e l'Educazione sul Territorio” (B.A.Sk.E.T.), avviato dalla Reale Mutua Basket Torino e promosso dalla Fondazione Compagnia di San Paolo.

L'intervento di David Avino, presidente della Reale Mutua Basket Torino:

"Mi fa piacere vedere in platea i giovani che sono il fulcro di questo progetto: i giovani e il territorio sono un connubio che abbiamo voluto unire e insieme al nostro staff, abbiamo iniziato ad immaginare come focalizzare la nostra attenzione sul tema dell’alimentazione legata al benessere e allo sport. Siamo partiti - continua Avino - dalle scuole e con i ragazzi abbiamo intrapreso questo percorso che punta a sensibilizzare tutti quanti noi, affinché fare sport e mangiare sano vadano di pari passo per la formazione degli atleti e degli uomini del futuro”.

Durante l’occasione, i rappresentanti di Basket Torino e i collaboratori che hanno partecipato al progetto racconteranno il lavoro svolto e i risultati ottenuti da questo importante programma che vede coinvolti gli stakeholder del territorio torinese. Il progetto ha permesso di valutare le abitudini alimentare di un campione di individui di età compresa fra 11 e 19 anni, sia maschi che femmine, agonisti e non agonisti e di determinarne le differenze legate a sesso, età e livello di sport praticato. I dati hanno evidenziato che i soggetti di questa fascia di età hanno delle abitudini alimentari spesso non corrette e sbilanciate. Sia età che sesso e livello di sport praticato hanno un impatto sulle loro abitudini.

Appare chiaro da questi dati preliminari quanto sia importante e necessario lavorare in modo costruttivo su ragazzi di questa fascia di età per sensibilizzarli ad una nutrizione più corretta e consapevole. Il progetto B.A.Sk.E.T. consiste nello sviluppo di un programma che ha la finalità di promuovere uno stile di vita sano attraverso una corretta alimentazione e la pratica di attività sportive trasversali. L'iniziativa proposta segue due diverse fasi di sviluppo, coprendo un periodo di tempo che parte da agosto 2021 e si conclude a Dicembre 2022.

L'attività della prima fase è stata mirata a promuovere il benessere attraverso l'educazione ad una corretta e salutare alimentazione abbinata ad un adeguato livello di esercizio fisico. Ai destinatari del progetto sono stati forniti servizi di educazione alla salute erogati da professionisti e specialisti in ambito alimentare, affiancati a personalità del mondo del basket professionistico e giovanile che hanno avuto il ruolo di ambassador del progetto. Durante una seconda fase del progetto, le medesime attività verranno scalate e applicate in ambiente scolastico per coinvolgere un numero sempre crescente di bambini e ragazzi continuando ad utilizzare il settore giovanile di Basket Torino e le figure degli atleti professionisti appartenenti alla prima squadra come testimonial del progetto.

Questo permetterà di incrementare notevolmente il bacino di utenza del programma e dunque di divulgare ad un pubblico sempre più ampio, che potrà comprendere beneficiari secondari come le famiglie dei ragazzi, i valori della sana nutrizione e L'Italia è 2° in UE per aspettativa di vita alla nascita, ma 7° per aspettativa di vita in condizione di buona salute. Tra i fattori di rischio individuali si annoverano l'eccesso di peso, la sedentarietà e l'inadeguatezza dell'alimentazione. Le persone in sovrappeso o obese sembrano essere poco consapevoli del loro stato di eccesso ponderale e non si percepiscono tali. Fondamentale risulta quindi un cambio di paradigma che va promosso non solo tramite un'educazione capillare nel territorio da parte di enti e organismi specializzati, ma con la diffusione di una cultura che parte dal basso - dunque dalle giovani generazioni - e che mette in primo piano il binomio salute e attività motoria.

L'obiettivo finale e di lungo periodo è quello di promuovere una cultura utilizzando un approccio dal basso, educando le nuove generazioni per creare un circolo virtuoso che si perpetua nel tempo.