Coppe europee - Arrivano le prime sentenze di competitività per le italiane

22.12.2017 10:30 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 658 volte
Coppe europee - Arrivano le prime sentenze di competitività per le italiane

Il punto della situazione delle squadre italiane impegnate nelle coppe europee è giusto farlo adesso i quanto il cmmino dei due calendari qui si divide, con EuroCup che volge al termine della sua regular season. Aver salutato due giorni or sono la qualificazione alla Top 16 di EuroCup Basketball con un turno di anticipo di Torino e Trento, oltre la chances per Reggio Emilia di poterla seguire alla svelta - considerato che queste due dopo partenze di stagione non felici sono in netta ripresa - segna un bilancio favorevole per la pallacanestro italiana. Per la Grissin Bon, oltre la vittoria sul Bayern, c'è la possibilità dell'incontro tra Buducnost e Leitkabelis. Qualificazione certa nel caso di vittoria dei montenegrini, che giocano in casa.  Sarà premiante la differenza canestri con i lituani (+3 a favore degli emiliani) in caso di vittoria degli uomini di Djordjevic, imbattuti fino ad oggi.

Fiat Torino (5-4) è terza dietro Darussafaka (7-2) e Kazan (6-3). Può essere raggiunta dal Cedevita Zagabria (4-5) anche'essa già qualificata, ma non dal Morabanc Andorra (3-6) con una sola gara da disputare.

Dolomiti Energia Trento (5-4), dietro l'Asvel (6-3) è seconda con il gruppone che comprende Gran Canaria e Zenit. Al quinto posto c'è il Tofas Bursa (4-5) ma l'Aquila ha un prezioso +9 (88-91 in Trentino, 79-91 in Turchia) e una serie di vantaggi in tutte le casistiche possibili di arrivo all'ultima giornata che la qualificano insieme all'Herbalife appena sconfitta.

Molto più fluida la situazione in Champions League: con una regular season da 14 gare e non da 10 come l'EuroCup, i giochi sono tutti aperti almeno in teoria, e il cammino delle nostre rappresentanti è spesso alterno.

Gruppo A. Sassari (4-5) è oggi la prima delle escluse. Il Monaco (9-0) è praticamente irraggiungibile, e agli uomini di Pasquini occorre la vittoria al rientro in casa con Murcia il 10 gennaio. Dopo la trasferta a Monaco, infatti, le tre gare rimanenti saranno contro le squadre che sono in fondo classifica e che, nella seconda metà di gennaio, saranno praticamente già fuori dai giochi: Juventus, Holon, Enisey.

Gruppo B. Capo d'Orlando occupa l'ultima posizione (2-7) insieme al Gaziantep. Nelle ultime cinque, solo due in casa contro Tenerife e Ventspils: onestamente la situazione è disperata.

Gruppo C. Dopo un ottimo avvio la Reyer Venezia (5-4) è riuscita a complicarsi la vita da sola andando a giocare tre gare fuori casa e perdendole tutte. Ma il calendario è amico: dal 9 gennaio tre in casa: Rosa Radom (1-8), Olimpia (3-6), Estudiantes (5-4) perciò qualificazione ampiamente a portata di realizzazione. Se poi si trovasse una grande serata a Strasburgo (5-4)...

Gruppo D. La doppia sconfitta interna con Bonn (3-6) e Nanterre (6-3) ha messo la Sidigas Avellino (4-5) in grossa difficoltà. Con tre trasferte nell ultime cinque, diventa urgente un risultato positivo ad Oostende (4-5) il 10 gennaio per difendere concretamente il quarto posto. Poi in casa Stelmet (2-7) e Aris Salonicco (4-5) - nel mezzo Nymburk (6-3) in trasferta - e la possibile necessità di andare a fare risultato a Bonn nell'ultima giornata.