A2 - Matteo Mecacci presenta Pasta Cellino Cagliari-Soundreef Mens Sana

23.02.2018 14:11 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 105 volte
A2 - Matteo Mecacci presenta Pasta Cellino Cagliari-Soundreef Mens Sana

Allenamento di rifinitura al PalaEstra e partenza per Cagliari. È questo il programma odierno della Soundreef Mens Sana, che domani alle 20.30 affronterà la Pasta Cellino nell’ottava giornata di ritorno del Campionato di A2. I biancoverdi sono chiamati a vendicare la sconfitta della gara di andata, nella quale i sardi si imposero al PalaEstra con il punteggio di 80-86.

 

Alla vigilia dell’incontro, coach Matteo Mecacci presenta la sfida.

 

“Cagliari ci precede di due punti in classifica ed è reduce da due battute arresto consecutive, ad Agrigento e Treviglio. Una squadra molto talentuosa nel reparto esterni, che occupa la seconda posizione in classifica per punti segnati e fa delle iniziative di Keene e del tiro da fuori di Rullo e di Turel l’arma principale del proprio attacco. Accanto a loro, giocatori in grado di aprire il campo come Ebeling ed Allegretti e giocatori dalla solidità interna come Stephens e Matrone. Hanno avuto una buona prima parte dell’anno, anche se nell’ultimo periodo hanno avuto un po’ di calo e questo ha fatto sì che si trovino nella lotta per evitare playout. Allo stesso tempo sono possono annoverare vittorie su campi difficili come quelle a Legnano, Trapani e Reggio Calabria, a testimonianza che sono una squadra pericolosa, che se si accende può fare molto male e ne noi ne siamo consapevoli, memori anche della partita andata”.

 

Come ha lavorato la squadra in settimana?

“Dopo la vittoria di Biella abbiamo approcciato la settima di allenamenti con il morale alto, lavorando sul mantenimento ed il consolidamento di quanto fatto a larghi tratti con Biella, cercando di replicarlo anche in trasferta”.

 

Come affronteremo la sfida di Cagliari?

“Nelle ultime due trasferte abbiamo giocato a sprazzi e non siamo stati in grado di chiudere la partita. Non sarà una gara facile. Dovremo cercare di non far produrre a Cagliari la propria pallacanestro ed entrare in campo consapevoli che siamo una squadra che se gioca con convinzione 40 minuti può fare risultato anche in trasferta. Dobbiamo crederci e cercare di realizzarlo”.

 

Quale sarà la chiave della partita?

“La difesa sui loro esterni. Cagliari ha esterni di talento, che possono fare la partita in qualsiasi momento anche isolandosi,  prendendo  iniziative fuori dal sistema, e capaci di correre il campo. Stephens sarà un mismatch importante, come lo è stato nella gara di andata, ma hanno bisogno del talento dei loro esterni per aprire la scatola da fuori ed appoggiare la palla dentro l’area. Dovremo essere bravi a non fargli prendere fiducia fin da subito”.