A1 F - Troppo forte Ragusa, l’Allianz Geas deve cedere

07.01.2019 07:59 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 126 volte
A1 F - Troppo forte Ragusa, l’Allianz Geas deve cedere

Nella prima gara del girone di ritorno l’Allianz Geas perde in casa contro la Passalacqua Ragusa e rimane nona in classifica con 8 punti. Le siciliane si confermano in terza posizione, dietro a Venezia, che perde l’imbattibilità a Broni, e a Schio. Al PalaNat gara equilibrata nella prima frazione, durante la quale entrambe le squadre tengono i ritmi bassi e commettono diversi errori al tiro. A 4’20’’ dalla prima sirena Sesto tocca il massimo vantaggio di 4 punti, ma il trio di straniere Kuster-Harmon-Hamby accorcia fino ad una sola lunghezza di distanza. Nel secondo periodo, equilibrato per 7’, le rossonere risalgono per più di una volta a +3, ma le ragusane rispondono colpo su colpo: arrivano a +6 grazie ad un fulmineo 9-0, ma in breve perdono nuovamente il vantaggio (7-0 Allianz in 2’15’’); poi, nei 3’15’’ precedenti all’intervallo lungo, la Passalacqua produce un 12-2 che vale il +9. Nella ripresa, le ragazze di coach Recupido ingranano e incrementano il distacco, soprattutto grazie alle super Hamby e Harmon, arrivando a fine periodo a +19. Nella prima metà dell’ultima frazione la Virtus Eirene dilaga e tocca il massimo +25; le sestesi però, a giochi ormai conclusi, macinano un break per ridurre lo scarto: 11-2 in 4’50’’ e finale -15.

 

Sesto, priva di Brunner (ancora ferma a causa del problema alla caviglia accusato nella gara contro Venezia del 16 dicembre) e con Ercoli limitata dai falli per buona parte della gara, paga la fisicità delle isolane, e in particolare della lunga Hamby, e subisce 34 punti nel pitturato. Le rossonere tirano col 48% (21/44) da due, col 24% (4/17) dall’arco e fanno 3/3 ai liberi; Ragusa va a segno col 55% (22/40) da due, 55% (6/11) da tre e 71% (10/14) dalla lunetta. A rimbalzo le due formazioni si equivalgono: 30 le ospiti e 29 le padrone di casa. L’Allianz Geas distribuisce 14 assist, mentre le avversarie 11. A tratti l’attacco delle sestesi lavora bene, mostrando una buona circolazione, ma in generale le ragusane alzano un muro invalicabile (4 stoppate a segno).

 

Porta a termine una maestosa prestazione la statunitense Dearica Hamby, con 23 punti (11/14, 79%, da due e 1/2 a gioco fermo), 11 rimbalzi, 2 palle recuperate, 5 falli subìti e 35 di valutazione. Jillian Harmon produce canestri con continuità: per lei 17 punti (56% da due e 88% ai liberi), 5 rimbalzi, 5 falli subìti e 22 di valutazione. Jessica Kuster finisce con 10 punti (3/4 da due, 1/1 da tre, 1/2 dalla lunetta), 4 rimbalzi e 12 di valutazione; Angela Gianolla con 10 punti (2/4 da due, 2/3 da tre), 2 rimbalzi, 3 assist e 11 di valutazione.

Tra le rossonere quattro giocatrici in doppia cifra: Kalis Loyd (12 punti, 3 rimbalzi, 3 recuperate e 12 di valutazione), la capitana Giulia Arturi (11 punti, con soli 6 tiri, un impeccabile 4/4 da due e 1/2 dai 6,75, 1 rimbalzo, 1 assist e 9 di valutazione), Elisa Ercoli (10 punti, 6 rimbalzi e 9 di valutazione) e Brooque Williams (10 punti, 4 rimbalzi, 2 assist, 3 rubate e 8 di valutazione).

 

A questo link il tabellino completo della partita.

 

Ecco i risultati delle altre gare della prima giornata del girone di ritorno: Broni – Venezia 74-68; Empoli – Lucca 62-76; San Martino di Lupari – Napoli 62-70; Battipaglia – Schio 41-84; Vigarano – Torino 83-72.

 

Domenica prossima alle ore 18 Sesto ospiterà Broni, che ha appena interrotto il record sociale storico di vittorie consecutive della capolista Reyer Venezia. Ragusa affronterà invece proprio la trasferta di Venezia, sempre domenica ma alle ore 19.

 

COACH ZANOTTI – “Ragusa è una squadra ben attrezzata e fisicamente imponente. L’assenza di Brunner si è fatta sentire: speriamo che possa riprendersi per la prossima settimana. Ercoli ha poi commesso falli ed è uscita dal campo velocemente. Avremmo forse potuto fare qualche adattamento in più per tenere Hamby, che però fisicamente è devastante. Abbiamo fatto buone azioni in attacco, con buona circolazione di palla. Andiamo in crisi quando teniamo la palla eccessivamente ferma e ci buttiamo subito in area con una penetrazione quando la difesa avversaria è pronta a chiudere. Nei momenti in cui abbiamo lucidità e riusciamo a far circolare la palla arriviamo a buoni tiri. Non dobbiamo dimenticare che il nostro obbiettivo è raggiungere la salvezza: se riusciamo a fare qualcosa in più siamo solo contente. Ripartiamo dalla prossima gara interna contro Broni: in casa loro avevamo perso, anche se non di tanti punti. Cercheremo in tutti i modi di fare una buona partita e di trovare la vittoria”.

 

CRONACA – Dopo 2’15’’ dalla palla a due, Ercoli segna il primo canestro della partita; rispondono Harmon e Kuster con 5 punti. Nicolodi infila un jumper dal limite dell’area da tre e Brooque Williams uno step-back dal gomito. Verona è precisa con un tiro in sospensione dall’angolo dal palleggio e 20’’ dopo serve bene Loyd per un appoggio al vetro: +4 Allianz Geas. I punti combinati di Kuster, Harmon e Hamby riportano Ragusa a -1.

 

Brooque Williams penetra e segna allo scadere dei 24’’; Hamby segna 2. Loyd mette un morbido jumper per il ritrovato +3. Ma in 1’50’’ Ragusa scava un 9-0 che vale il 24-18: Harmon fa 4 punti consecutivi, Kuster segna 2, seguita da Gianolla che fa 3. L’Allianz Geas risponde con colpi altrettanto rapidi: Loyd mette una bomba, Brooque Williams fa 2/2 ai liberi, Arturi è precisa con un tiro dall’angolo: 7-0 e +1. Le ragazze di coach Recupido raccolgono le forze e volano nuovamente in vantaggio (+9) con un break di 12-2 in 3’15’’ (Hamby 6 punti, Cinili 3, Soli 1, Formica 2), cui Sesto non riuscirà più a rispondere.

 

Nel terzo quarto le ospiti, trainate da una Harmon imprendibile da 8 punti nella frazione e dalla sempre pericolosa Hamby (4 punti), incrementano il vantaggio fino al +19. Per Sesto Loyd segna 5 punti, Galbiati 3, Ercoli 2 e Brooque Williams 1.

 

L’ultimo periodo si apre con 6 punti consecutivi di Hamby per il massimo +25 delle siciliane. Arturi risponde con 5 punti di fila: la capitana prima mette un bel tiro “arcobaleno” sfruttando la tabella, poi raggiunge quota 9 punti personali con una bomba. Ragusa riguadagna il massimo distacco con 5 punti di Hamby e Bongiorno, mentre dall’altra parte vanno a segno Ercoli (su assistenza di Arturi) e Brooque Williams. Gianolla fa centro dai 6,75, ma la imita 20’’ dopo Panzera, che apre il break finale di Sesto. Brooque Williams fa altri 2, seguita da Ercoli con un jumper da centro area, da Panzera in penetrazione e da Arturi, che segna i propri personali numero 10 e 11 con un altro “arcobaleno” proprio sulla sirena finale. L’11-2 in 4’50’’ dell’Allianz Geas fa terminare la gara 57-72.