«Datemi una possibilità», David Hawkins riparte da Reggio Calabria

 di Alessandro Palermo  articolo letto 10305 volte
David Hawkins, il Falco
David Hawkins, il Falco

David Hawkins è molto vicino a firmare per la Viola Reggio Calabria, società di A2 del girone ovest. La notizia l'abbiamo data qualche giorno fa ma la trattativa sta trovando conferma con il passare delle ore. Nel frattempo, i tifosi si interrogano sul mercato e sull'ex Olimpia Milano: nella tifoseria calabrese, infatti, c'è una forte spaccatura al momento (per tale intendiamo come giudizi, nulla di grave). Una metà del tifo orange spera nel colpaccio ed individua in Hawkins proprio l'elemento di qualità ed esperienza. Per altri, invece, il classe '82 di Washington è semplicemente una figurina. Nulla di più. Ai più scettici non convince il passato del giocatore e l'attuale stato di forma, visto che l'atleta - è bene sottolinearlo - non gioca una partita ufficiale da oltre 4 anni.

IL PASSATO DI HAWKINS
Il passato, dicevamo, non rassicura i più pessimisti, i quali dubitano anche sulla professionalità del 34enne. Nel giugno del 2007, dopo Gara3 della semifinale playoff tra Virtus Roma e Montepaschi Siena, viene trovato positivo alla cannabis e, dunque, squalificato per tre mesi. A distanza di anni, Hawkins ci ricasca: nel dicembre del 2012, il "Falco" non passa il test antidoping, venendo trovato positivo alla cocaina. La federazione turca, allora era in forza al Galatasaray (ultima sua squadra), lo condanna a 4 anni di stop.

LE BATTAGLIE IN TRIBUNALE
Il tutto dopo aver firmato il "contratto della vita", un triennale da un milione e mezzo di dollari a stagione. Tanti soldi, meritati, di cui una parte - seppur piccola - è tornata al club di Istanbul per la decisione del BAT. Il tribunale di Ginevra ha obbligato il giocatore a risarcire i danni al Galatasaray che, nell'estate del 2012, pagò un super buyout al Besiktas da 500.000 dollari. Proprio con il Besiktas, "Il Falco", vinse tutto quello che c'era da vincere nella stagione 2011-'12: campionato turco, coppa nazionale ed EuroChallenge.

HAWKINS 2.0, DESTINATION CALABRIA
"Destination Calabria", non è soltanto una hit di Alex Gaudino - ballata migliaia di volte in discoteca circa un decennio fa - ma anche la possibile nuova tappa di Hawkins. A Reggio Calabria, alla Viola, il giocatore potrebbe rinascere. Chiede una possibilità, quella di ricominciare daccapo, a fare quello che più gli piace: giocare a pallacanestro. Il club di A2 ci sta riflettendo, il nodo resta quello legato alle condizioni fisiche della guardia/ala. Nodo che potrà essere sciolto soltanto da venerdì in poi, giorno in cui l'atleta si aggregherà alla squadra di coach Antonio Paternoster. Soltanto da quel momento partiranno le ultime verifiche, il giocatore verrà monitorato per circa due settimane ed, eventualmente, tesserato. Tesseramento che portrà essere ufficializzato dopo il 23 gennaio, data in cui scadrà la lunghissima squalifica. Alla base di tutto, però, c'è il presente-futuro di Alex Legion, conteso da Scafati e Fortitudo Bologna. Ai nostalgici diciamo che un grande ex della nostra Serie A potrebbe presto tornare a giocare in Italia, ai bacchettoni chiediamo di non essere troppo severi con David. Ha già pagato per ciò che ha fatto, con i soldi (tanti) e con il tempo (troppo). Ora tocca a noi perdonarlo, perché il David di ieri non c'è più. Hawkins 2.0, benvenuto.

Focus a cura di Alessandro Palermo,
Riproduzione riservata*