GIOVANILI - Andrea Caridi, un sogno chiamato Ferrara

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 361 volte
Fonte: Il Mattino di Padova
GIOVANILI - Andrea Caridi, un sogno chiamato Ferrara

Chiamiamolo pure un campioncino per esportazione. Non è solo la città a sfornare talenti della palla a spicchi. Andrea Caridi arriva infatti da Castelbaldo - profondo sud della provincia patavina - e ha chiuso un'annata eccezionale, davvero da incorniciare per lui: campione d'Italia nell'Under 20 Elite, quarto nell'Under 18 Eccellenza e ora le porte aperte della serie A/2.

Alto quasi due metri (198 centimetri per la precisione) per cento chili, Andrea ha giocato quest'anno nella Vis 2008 Ferrara, squadra collegata alla Pallacanestro Ferrara che ha partecipato nell’ultima stagione anche al campionato di A/2.

Andrea è un centro con "pochi" centimetri ma grande potenza e ha contribuito a portare a casa due importanti risultati: il quarto posto con gli Under 18 Eccellenza, squadra in cui il diciassettenne è una delle colonne portanti, e la vittoria dello scudettino Under 20 Elite. I ferraresi, ai quali Andrea si è aggregato per fare esperienza, hanno dominato in finale i pari età della Grissin Bon Reggio Emilia.

«È stato un anno pieno di soddisfazioni», assicura il giocatore padovano, «e che mi ha messo ancor più la voglia di poter fare del basket una professione. Quest'anno mi trasferirò a Ferrara e spero di poter dire la mia anche in prima squadra. Sto lavorando soprattutto sulla velocità: non essendo molto alto devo poter contare su altre doti per riuscire a ritagliarmi spazio».

In passato Andrea ha giocato alla Tezenis Verona (Under 17 Eccellenza) e ha girovagato per varie realtà locali come Lendinara, Montagnana, Este, Legnago e Badia Polesine. Figlio d'arte (anche il babbo Valerio ha giocato in campionati nel Sud in varie piazze), quest'anno ha frequentato l'Itis a Legnago e dall'anno prossimo studierà in un istituto di Ferrara proprio per poter partecipare con assiduità anche agli allenamenti della squadra di A/2, la Bondi Ferrara.

Nicola Cesaro