Premio Reverberi, tutto il basket che conta si è ritrovato a Quattro Castella

21.02.2012 09:39 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 609 volte
Fonte: www.4minuti.it
Premio Reverberi, tutto il basket che conta si è ritrovato a Quattro Castella

Una giornata di gran lusso per il basket italiano, nella memoria di grandissimi arbitri. Ieri pomeriggio, nonostante la neve, è andata in scena quasi al completo la premiazione per l’annata 2011 dello storico Premio Reverberi di Quattro Castella, una manifestazione di primo piano per la pallacanestro nazionale partito 26 anni fa fa nel nome di un grande arbitro, Pietro Reverberi, e oggi portato avanti dall’amministrazione comunale castellese assieme al padre del premio, un altro grandissimo arbitro e personaggio del basket reggiano e italiano, il “Santone” Gian Matteo Sidoli, come sempre grande mattatore della giornata fra battute e aneddoti di mezzo secolo di sport e vita vissuta.
La neve ha costretto gli organizzatori a spostare la sede delle premiazioni, dallo splendido Castello del Bianello (piuttosto scomodo da raggiungere con strade imbiancate) alla sala del municipio, nel centro di Quattro Castella, ben più agevole. Tutti i premiati hanno fatto il possibile per essere presenti, nonostante la giornata davvero inclemente, e l’unica assente è stata Francesca Modica, miglior giocatrice del 2011, bloccata da un posticipo televisivo che l’ha vista protagonista sul parquet.
Hanno risposto all’appello gli altri indicati dalla giuria del Reverberi: il miglior giocatore del 2011, il pesarese Daniel Hackett, il miglior coach Andrea Trinchieri di Cantù, l’ospite d’onore Sergio Scariolo, premio speciale Champion come personaggio dell’anno 2011, allenatore della Spagna campione d’Europa e dell’Olimpia Milano, il diesse Trenkwalder Alessandro Frosini (premio alla carriera), Settimio Pagnini (premio al personaggio), che ha ricordato come proprio Scariolo sia il coach che l’ha lanciato nel basket di vertice, chiamandolo alla Fortitudo Bologna da Verona dove aveva iniziato la carriera.
Con loro Massimiliano Duranti (miglior arbitro), Giancarlo Cerutti (premio speciale per il contributo fornito al basket italiano) e Andrea Barocci (premio miglior giornalista), Giovanni Lucchesi (premio speciale Fip) Pallacanestro Novellara (premio Piccinini) e Progetto Addiopizzo - Aquila Basket Palermo (premio speciale). Guest star della serata l’allenatore della nazionale spagnola e dell’Olimpia Milano Sergio Scariolo, cui è stato consegnato il premio speciale Champion come personaggio dell’anno 2011.
Molto simpatico e spigliato coach Trinchieri, sconfitto domenica da Siena nelle Final Eight di Coppa Italia, che ha regalato battute e parole di ammirazione per Scariolo.