Meo Sacchetti CT Azzurro fino al 2021. Petrucci: “Decisione presa prima della qualificazione mondiale”

23.02.2019 14:33 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Ph. FIP
Ph. FIP

Meo Sacchetti sarà il Commissario Tecnico della Nazionale di basket fino al 2021. Il Presidente Fip Giovanni Petrucci ha prolungato il contratto del CT, in scadenza quest’anno, ancora per due stagioni. Meo sarà dunque in panchina non solo al Mondiale, conquistato proprio ieri sera a Varese, ma anche nel successivo percorso di avvicinamento ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (qualificazioni attraverso Mondiale o torneo pre olimpico) e al campionato europeo del 2021 (l’Italia è in corsa per organizzare un girone della fase finale). 

“La decisione – ha detto Petrucci – è stata presa ben prima della matematica qualificazione mondiale. Ho grande fiducia in Meo e nel lavoro che ha sin qui svolto con la squadra. L’obiettivo più immediato è il Mondiale in Cina ma le nostre attenzioni sono rivolte anche all’Olimpiade e all’EuroBasket 2021 che speriamo di poter co-organizzare”. 

“Inutile dire che sono felice – ha dichiarato Meo – . Come ho avuto già modo di dire in precedenza, in Azzurro si è creato un ambiente piacevole e di reciproca stima con tutti, dai giocatori allo staff, e sono contento di poter proseguire su questa strada. Gli obiettivi che abbiamo davanti sono tanti, a cominciare dal Mondiale, e vogliamo giocarci al meglio tutte le nostre carte”.

Meo, fresco vincitore della Coppa Italia con la Vanoli Cremona, è CT Azzurro dal 2017, anno in cui è iniziato il percorso verso il Mondiale cinese. In Nazionale, finora, ha collezionato 13 panchine (9 vittorie e 4 sconfitte). Da giocatore, ha vestito la maglia Azzurra 132 volte vincendo la medaglia d’Argento ai Giochi di Mosca 1980 e l’Oro all’Europeo di Nantes 1983.

Gli Azzurri intanto, con il morale altissimo, sono arrivati a Klaipeda, dove lunedì 25 febbraio (ore 18.30 in Italia, diretta Sky Sport HD) chiuderanno le qualificazioni al Mondiale affrontando la Lituania in un match di fatto amichevole visto che entrambe le squadre sono già certe di un pass per la Cina. Con la vittoria della Polonia in Croazia, anche le altre sfide del girone J non hanno alcun valore per la classifica. Già fissate anche le prime tre posizioni, con l’Italia dietro i baltici e davanti ai polacchi. Eliminate dalla corsa iridata Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. 

Dopo la festa di Varese (75-41 all’Ungheria) hanno lasciato il raduno Azzurro Jeff Brooks, Andrea Cinciarini e Amedeo Della Valle. Non più in gruppo anche Giancarlo Ferrero e Matteo Tambone, aggregati per gli allenamenti nella settimana di Varese. Il CT Sacchetti avrà dunque a disposizione 13 atleti per la trasferta di Klaipeda. 

Quella in Lituania sarà la dodicesima e ultima gara delle qualificazioni al Mondiale; la sesta trasferta degli Azzurri che fin qui hanno raccolto tre vittorie (contro Croazia, Romania e Ungheria) e due sconfitte (Paesi Bassi e Polonia). Per i baltici, ieri vittoriosi in Olanda, 11 vittorie e un solo ko, quello di Brescia proprio contro l’Italia a novembre. 

Con la partita di ieri sera a Varese, Luca Vitali ha raggiunto le 132 presenze in Nazionale. Proprio come il CT Meo Sacchetti. Quello con l’Ungheria è stato il 33esimo match contro i magiari (20 vittorie e 13 ko). Prima gara ufficiale di sempre giocata a Varese dalla Nazionale: prima solo amichevoli (8).