A2 - Scafati vuol finire in bellezza la prima fase battendo Agrigento

 di Carmine Sorrentino  articolo letto 621 volte
Lo scafatese Jackson
Lo scafatese Jackson

Siamo giunti all'ultima gara di questo campionato e ci si prepara per il post season: c'è chi, come la Givova Scafati, cerca di conquistare la salvezza e chi cerca di ottenere un posto nell'Olimpo del basket.

Appena 12 mesi fa la situazione della Givona Scafati era nettamente diversa: il primo posto nel girone era assicurato e si guardava senza patemi d'animo alle avversarie da incontrare.

Questo, invece, è stato un anno anzi, mezzo anno, da dimenticare.

Ad onor del vero, la società ha cercato in tutti i modi di rimediare: sono stati fatti tanti cambi in corsa e, alla fine, i risultati si sono pure visti. A Scafati, da sempre, si mangia pane e basket e ancora oggi, per le strade cittadine i tifosi parlano di questa terribile annata. Si fanno tutte le ipotesi possibili, c'è chi dice che bisognava comprare un quattro americano, c'è chi voleva tenere Portannese, chi invece voleva tenere Spizzichini, qualcuno ha detto che bisognava tesserare Dobbins al posto di Johnson. Ognuno dice la sua ma la riprova non c'è e tutte le ipotesi potrebbero essere valide così come potrebbero essere completamente sbagliate. Oggi bisogna solo pensare a vincere e a tirarsi fuori al più presto da questa scomoda situazione.

L'avversario di sabato è la Moncada Agrigento di coach Ciani, un avversario davvero tosto che punta al quarto posto in classifica, posizione che la Virtus Roma gli insidierà fino alla fine. In questo testa a testa Roma sembra avere la trasferta più facile perchè i senesi hanno perso 4 delle ultime 5 gare disputate e sono ormai fuori da tutte le lotte con i loro 26 punti in classifica.

Veniamo adesso un pò alla gara.

Con molta probabilità Scafati giocherà ancora senza Dobbins e Metreveli quindi Agrigento avrà una supremazia sotto le plance ma non nello spot di guardia ben presidiato da Naimy, Jackson, Santiangeli ed Izzo. Ci sarà da sudare molto ma questo sarebbe successo anche con i due giocatori in piena forma e regolarmente in campo perchè le squadre di Ciani giocano un basket molto ragionato in attacco cercando sempre la soluzione più facile e soprattutto difendono bene infatti, lasciano agli avversari solo tiri a bassa percentuale ( 49% da due e 28% da tre) oltre ad occupare egregiamente il pitturato (catturano ben 793 rimbalzi difensivi).

I numeri dicono Agrigento ma solo il campo ci potrà dare o meno la conferma.

Vediamo come la pensano i tecnici delle due squadre.

Apre l'agrigentino Franco Ciani : < Si affrontano due squadre che affrontano un eccellente momento di forma, non credo che sarà una sfida tra due squadre proiettate già verso la post season. Rispetto all’andata Scafati è più completa, con più qualità e mestiere. Noi abbiamo l’obbligo di pensare a una vittoria per ottenere un piazzamento importante e il nostro miglior record di sempre in regular season. Credo che ci siano tante motivazioni per restare concentrati su questa partita. Come giocano i nostri avversari? È vero che oggi il gioco passa molto di più dalle mani degli esterni, giocatori come Jackson, Naimy e Dobbins hanno sicuramente bisogno di tanti possessi. Questo però obbliga le difese ad aprirsi e questo lascia spazi per i tagli, dove per esempio Ammannato e Fantoni sono bravissimi >.

Queste invece le parole dell'assistent coach scafatese, Umberto De Martino:< C’è un clima positivo nello spogliatoio, veniamo da una buona vittoria a Reggio Calabria, nella quale abbiamo mostrato tanto carattere, che sarà fondamentale in questo finale di stagione, che vogliamo chiudere quanto prima con la salvezza e che servirà anche contro Agrigento, prossimo ed ultimo avversario di stagione regolare. Affrontiamo una squadra a caccia di punti utili in chiave play-off, alla conquista di quel quarto posto che le permetterebbe di avere il vantaggio del fattore campo nel primo turno post season. L’organico è composto da un nucleo di italiani che gioca praticamente a memoria, allenandosi insieme da circa quattro anni, sempre sotto la guida di coach Ciani, con i due americani dei ruoli di ala piccola e centro che sono variati negli anni, ma il sistema di gioco e la struttura di squadra sono rimasti pressoché gli stessi. Il playmaker Piazza è tra i migliori italiani in questo ruolo nell’intera categoria, l’esperienza di Evangelisti si unisce poi all’ottima capacità realizzativa di un tiratore come Bucci, che viene dalla panchina, ma ha numeri importanti. Anche il ricambio del regista, il giovane Zugno, è atleta di buona caratura, molto dinamico. L’anima della squadra è l’ala grande Chiarastella, che insieme a Ferraro e De Laurentiis chiude un pacchetto lunghi di buon livello. Nel complesso Agrigento è un team rodato, che però vogliamo superare, per avere il miglior piazzamento possibile prima di iniziare i play-out, anche rispetto all’altro girone, consapevoli che saranno fondamentali l’apporto, il calore ed il sostegno del nostro pubblico, che chiamiamo a raccolta e che potrà influire in maniera decisiva nella conclusione positiva di questo campionato. Noi ce la metteremo tutta, sfoderemo gran carattere come abbiamo fatto a Reggio Calabria, giocando duri e compatti in difesa, provando a limitare il potenziale offensivo dei loro esterni e controllando i tempi del gioco, che vogliamo impostare su ritmi elevati >.

Infermeria: Dobbins e Metreveli sono ormai abbonati fissi .

Media ed iniziative– La partita sarà trasmessa, oltre che in diretta video streaming dal sito internet della Lega Nazionale Pallacanestro (tramite il servizio “LNP TV Pass”), anche in diretta radiofonica sui 92,50 Mhz di Radio Sant’Anna (media partner della Givova Scafati) e in streaming da Radio Paradiso sul sito internet www.radioparadiso.it.   Inoltre, sarà possibile assistere al video della gara in differita su TV Oggi ( canale 71 del digitale terrestre) nei giorni di martedì (ore 21:00) e, in replica, mercoledì (ore 15:25).

Arbitreranno i signori: Gianfranco Ciaglia di Caserta, Gianluca Gagliardi di Anagni (FR) e Fabio Ferretti di Nereto (TE)

Le formazioni in campo:

GIVOVA SCAFATI BASKET: Dobbins, Di Palma,  Crow, Izzo, Lupusor, Fantoni, Naimy, Ammannato, Jackson, Metreveli, Santiangeli. All. Giovanni Perdichizzi

MONCADA AGRIGENTO : Bucci, Buford,Cuffaro, Zugno, Evangelisti, A.Tartaglia, Ferraro, M.Tartaglia, Chiarastella, De Laurentiis, Piazza, Bell-Holter . All. Franco Ciani