A2 - Assigeco: in arrivo l'Aurora Jesi degli ex Fontecchio e Hasbrouck

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 156 volte
A2 - Assigeco: in arrivo l'Aurora Jesi degli ex Fontecchio e Hasbrouck

Dopo la bruciante sconfitta del PalaSavelli contro l’XL Extralight Montegranaro, l’Assigeco Piacenza ospita la rinnovata Termoforgia Jesi degli ex Kenny Hasbrouck e Luca Fontecchio.

La formazione marchigiana ha iniziato alla grande questo campionato con un ruolino di marcia fatto di 6 vittorie nelle prime 8 partite disputate per poi piombare in un periodo nerissimo con sole 2 affermazioni nelle ultime 10 giornate.

Il mercato di gennaio ha portato alla partenza di Ken Brown, rimpiazzato dall’ex Reyer Venezia Marques Green e all’aggiunta nel roster del pivot ex Assigeco Luca Fontecchio, pronto a non far rimpiangere l’infortunato Andrea Quarisa.

L’inserimento di un giocatore esperto e di categoria superiore come Green (9,5 punti e 8,5 assist di media) si è già rivelato fondamentale nell’importante vittoria con la quotata Fortitudo Bologna (84-61) di due settimane fa, seguita poi dalla sconfitta di misura al PalaVerde al cospetto della De’ Longhi Treviso (74-72).

Il pericolo pubblico numero 1 in attacco è facilmente individuabile in Kenny Hasbrouck, giocatore che ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore dei tifosi biancorossoblu e top scorer di Jesi con quasi 17 punti di media.

In ala piccola agirà, invece, Pierpaolo Marini, temibile tiratore da tre punti che viaggia ad una media di 14,1 punti a partita.

Le due torri sotto canestro sono Francesco “Ike” Ihedioha e Tommaso Rinaldi. Il primo, la scorsa stagione a Legnano, fa dell’atletismo e della verticalità le sue armi principali mentre il secondo mette a disposizione dei suoi esperienza, solidità e tecnica sotto canestro.

Dalla panchina escono gli interessanti giovani Federico Massone, play di proprietà di Biella e l’esterno tiratore Matteo Piccoli, cresciuto nel settore giovanile di Varese.

Coach Cagnazzo ha impostato il gioco di Jesi su difesa aggressiva e veloci transizioni offensive. Al PalaBanca si preannuncia, dunque, una partita spettacolare e dal ritmo elevato che dovrebbe soddisfare anche i palati più esigenti.

Una partita che l’Assigeco vuole fare sua per allontanare ulteriormente la zona playout continuando a tenere accesa la tenue fiammella dei playoff.

 

 

 

I ROSTER

Assigeco Piacenza: 1 Guyton, 2 Montanari, 3 Passera, 5 Sanguinetti, 6 Diouf, 9 Formenti, 10 Infante, 13 Seye, 20 Livelli, 21 Arledge, 23 Oxilia, 24 Amoroso, 44 Reati. All: Zanchi.

 

Termoforgia Jesi: 0 Kouyate, 4 Green, 5 Mentonelli, 8 Fontecchio, 11 Quarisa, 13 Marini, 14 Piccoli, 15 Rinaldi, 20 Valentini, 21 Melderis, 22 Massone, 25 Montanari, 34 Mwananzita, 41 Hasbrouck, 51 Ihedioha

 

INFORTUNATI E INDISPONIBILI

Formenti ancora out per infortunio. Il resto del roster, invece, è a completa disposizione di coach Zanchi compreso il nuovo acquisto Ryan Amoroso.

 

LE DICHIARAZIONI DELLA VIGILIA

Coach Andrea Zanchi: “Jesi è una squadra che con l’innesto di Marques Green ha ritrovato l’entusiasmo di inizio campionato. Hanno vinto agevolmente con la Fortitudo e hanno rischiato di fare il colpaccio a Treviso. Dispongono di tante soluzioni offensive, giocando di squadra, anche nei momenti di difficoltà. Noi veniamo da una buona partita, stiamo inserendo Amoroso nei meccanismi di squadra e dovremo approcciare questa partita con grande intensità mentale perché loro hanno due americani che sono due scienziati della pallacanestro per questo livello e dei giocatori molto interessanti che dovranno essere difesi con la giusta concentrazione di squadra ed individuale. Con questa partita inizia per noi un trittico di partite molto importanti quindi dovremo avere una tenuta mentale superiore alle altre partite perché questo è un momento cruciale del campionato”.

 

Carlton Guyton: “Siamo in un buon momento di forma, stiamo giocando bene di squadra in attacco e, soprattutto, in difesa. Sappiamo che quella con Jesi sarà una partita dura perché loro sono una buona squadra ma credo che possiamo puntare a strappare la vittoria. Dovremo andare in campo con il giusto atteggiamento e lottare dall’inizio alla fine”.