Lega A: Happy Casa Brindisi, contro Varese l'imperativo è vincere!!!

Nella prima partita del nuoovo anno l'Happy Casa Brindisi prova a ritrovare una vittoria scacciacrisi.
01.01.2018 11:46 di Dario Recchia  articolo letto 699 volte
Lega A: Happy Casa Brindisi, contro Varese l'imperativo è vincere!!!

Per il terzultimo turno del girone di andata del campionato di Lega A la Happy Casa Brindisi affronta, nel campo amico del PalaPentassuglia, la Openjobmetis Varese in una sfida che, per i padroni di casa, sa già di ultima spiaggia. La formazione di coach Vitucci, infatti, è “condannata” a vincere per provare a risalire un po’ la classifica che la vede desolatamente all’ultimo posto con 2 vittorie e 10 sconfitte.
Le due ultime trasferte a Capo d’Orlando prima e Cremona poi hanno lasciato tanto amaro in bocca perché la New Basket Brindisi ha buttato alle ortiche due match che, sulla carta, non sembravano affatto proibitivi. E invece, oggi, si continua a cercare una identità di squadra ma soprattutto quella durezza mentale che troppe volte è mancata in questa prima fase del campionato.
La società del Presidente Marino ha provato, nelle scorse settimane, a modificare il roster con l’inserimento del play Nic Moore, già visto lo scorso anno con la canotta biancoazzurra, e l’ala Donta Smith che ha sostituito Brian Randle per le ragioni note a tutti. Infine, dopo l’esonero dell’ 11 dicembre di Sandro Dell’Agnello, è arrivato sulla panca brindisina Frank Vitucci, allenatore di comprovata esperienza con la speranza di ridare alla squadra quella svolta tecnica e di risultati che sino a ora è mancata.
A oggi i risultati non sono arrivati ma la convinzione di tutti è che la gara di domani contro i lombardi non può assolutamente essere sbagliata.
In casa Brindisi, in settimana, c’è stato anche un incontro con i tifosi che hanno ribadito, a tutta la squadra, l’importanza della posta in palio richiamando tutti alla massima concentrazione e impegno.
Ciò che appare evidente, a oggi, è che i nuovi arrivati, nonostante gli sforzi economici della società, piuttosto che rinforzare il roster siano andati a sostituire chi oggi non c’è più.
Moore, pur viaggiando a quasi 14 punti di media, non ha saputo nè contro Capo d’Orlando e né tanto meno contro Cremona, prendere la squadra in mano nei momenti di difficoltà o quando contava metterla dentro. Lo stesso dicasi per Smith la cui condizione fisica risente, probabilmente, dei troppi mesi di inattività dal basket giocato.
Il compito di coach Vitucci è molto difficile perché ha la necessità di ridare fiducia a una squadra in crisi di risultati ma, soprattutto, provare a tirar fuori il meglio da  quei giocatori che non stanno rendendo al meglio delle loro potenzialità.
Il tutto in attesa di capire (sempre che ci siano le condizioni economiche) se e dove si potrà intervenire nel roster pur consapevoli che il non aver più visti disponibili risulta un aggravante nella scelta del giocatore.
Di sicuro la società di contrada Masseriola sta facendo il massimo per recuperare questa situazione di impasse che pesa su staff e ambiente.

Varese arriva a Brindisi dopo la bella prova casalinga contro la Segafredo Bologna nella quale la formazione di Attilio Caja si è arresa solo dopo un supplementare e con un  Alessandro Gentile in grande spolvero (32 punti finali per lui). Una gara con diverse recriminazioni da parte dello staff varesino soprattutto nei confronti della terna arbitrale.
I viaggianti arrivano in puglia con l’assenza della guardia Antabia Waller che rimarrà fuori per tutta la stagione causa infortunio  ma con un buon equilibrio tra guardie e lunghi.. Il bellissimo campionato di Giancarlo Ferrero, con la sua grinta e la sua energia sono la testimonianza dell’ottimo lavoro svolto da Caja che da quest’anno può anche avvalersi dell’esperienza dell’ex Brindisi Massimo Bulleri con il compito di assistente allenatore.
La Openjobmetis è forte dei suoi 8 punti in classifica e farà di tutto per vendere cara la pelle perché, in caso di sconfitta, vedrebbe il sodalizio brindisino avvicinarsi a 2 sole lunghezze.
Un macht quindi di difficile interpretazione nel quale, l’Happy Casa Brindisi, deve partire con il piede sull’acceleratore resettando sin dal principio le opache prestazioni delle scorse settimane. Il tutto con il supporto del pubblico amico che mai, come in questo momento, dovrà spingere e sostenere la squadra.
Palla a due ore 20.45 con la diretta su Eurosport Player per una gara che si preannuncia come una autentica battaglia per tutti e 40 minuti.