A2 F - Geas: continua il vento in poppa, Cus Cagliari applaude

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 73 volte
Fonte: Ufficio Stampa Geas
Cinzia Zanotti
Cinzia Zanotti

Termina nel migliore dei modi l’intensissima settimana del Geas: ampia vittoria contro il Cus Cagliari al PalaNat. È il terzo successo in sette giorni, dopo quelli di sabato scorso a Tortona-Castelnuovo e di giovedì nel derby contro il Sanga. Partita chiusa già all’intervallo sul +18 e occasione per dare largo spazio alle giovani, che ricambiano la fiducia di coach Zanotti con prestazioni di tutto rispetto. A 4’ dalla fine il Geas schiera in campo contemporaneamente cinque fresche leve: Panzera, Pusca, Pellegrini, Grassia, Decortes, che tengono il campo egregiamente. Risultato che vale la testa della classifica e il mantenimento dell’imbattibilità, primato ora detenuto in solitaria, dopo la sconfitta di Vicenza a Costamasnaga (74-61). Top scorer ancora una volta Beatrice Barberis: per lei 15 punti (65 nelle ultime tre partite), 7 rimbalzi (di cui 4 offensivi) e 19 di valutazione. Tutta di sostanza la prestazione di Veronica Schieppati: 10 punti, 8 rimbalzi e 18 di valutazione.

La squadra segna tanto e in velocità, anche grazie agli assist sui giochi e ai lanci in contropiede tipicamente geassini di capitan Giulia Arturi e di Francesca Gambarini (9 assist per la prima, 5 per la seconda). Sempre più inserita nei meccanismi del gruppo, Cecilia Zagni esprime tutta la propria efficacia con 8 punti (4/5 da 2) in 15’ e tanta intensità difensiva. Tornando al capitolo “giovani”, ottima prova di Lucia Decortes (doppia doppia con 10 punti, 10 rimbalzi, di cui 7 offensivi, e 17 di valutazione), ben accompagnata da Irene Pusca (9 punti), Camilla Mariani (9 punti, con 3/7 da tre) e Marta Pellegrini (7 punti). Contro la sfortuna, reazione di orgoglio e qualità delle rossonere, per le quali solo due settimane fa, dopo con gli infortuni di Galbiati ed Ercoli, il proseguimento del campionato si prefigurava in ripida salita. Ora quindici giorni di pausa dalle gare, opportunità per recuperare dagli infortuni e dagli acciacchi (in particolare per Arturi, che lamenta noie muscolari e ha giocato tre partite stringendo i denti) e preparare al meglio la seconda parte del girone d’andata.

Coach Cinzia Zanotti in settimana partirà per la Macedonia, dove sabato 11 novembre assisterà coach Marco Crespi sulla panchina della Nazionale A – di cui il vivaio Geas è uno dei maggiori fornitori con Crippa, Kacerik e Zandalasini – nella gara contro le padrone di casa, valevole per la qualificazione ad EuroBasket Women 2019. Impegno che si protrarrà fino a mercoledì 15 novembre, quando le azzurre incontreranno la Croazia a San Martino di Lupari, sempre all’interno dei gironi di qualificazione per l’europeo.

Per le sarde, allenate da coach Federico Xaxa, in doppia cifra Caldaro (11) e Rossi (10). Per Cagliari questa è la quinta sconfitta su sei partite disputate: la situazione infortuni sull’isola ha pesato molto, in particolare sulla forte lunga bosniaca Tomasevic, anche a Sesto costretta in panchina.

COACH ZANOTTI – “Sono molto orgogliosa di queste sette vittorie su sette uscite. Quando si sono infortunate Ercoli e Galbiati ci siamo fatte prendere un po’ dall’ansia, ma le ragazze hanno risposto benissimo. In certi tratti di queste partite siamo riuscite a giocare una buonissima pallacanestro. Contro Castelnuovo è andata al meglio, lo stesso vale per la bella sfida con Sanga: stasera hanno giocato tutte le ragazze e l’affermazione del collettivo è stato un ulteriore segno positivo. Le nostre sono buone giovani e meritano di stare sul campo con i risultati visti questa sera. Decortes farà qualcosa di positivo in futuro, gioca spesso e ha dimostrato di poter stare in campo ad alti livelli. Siamo molto contente del modo in cui Zagni si sta inserendo nel gruppo, stasera è stata super presente. Adesso abbiamo qualche settimana per cercare di arginare i problemi fisici, dobbiamo pensare a riprenderci totalmente”.

COACH XAXA – “Quella di stasera era una partita impossibile per noi. Abbiamo provato nei primi due quarti a lottare, ma il Geas è riuscito ad allungare. Gli infortuni pesano ancora molto sulla nostra condizione generale: Tomasevic è fuori e Rossi è tornata ad allenarsi da una settimana dopo che è stata ferma per due. La nostra condizione non era tale per poter stare dietro alla squadra più forte del campionato. Alla fine abbiamo fatto giocare anche noi le nostre giovani per provare a farle crescere”.

CRONACA – La prima frazione si apre con un parziale 6-0 Geas: Zagni segna dopo 5’’ dall’alzata dell’arbitro, seguita da Gambarini, che si ripete poi con un tiro in sospensione in mezzo all’area. Altri due canestri di una combattiva Zagni e una tripla di Arturi sembrano far allungare le rossonere, ma quattro punti consecutivi in 10’’ firmati Cagliari riportano le isolane a contatto. La difesa Geas qui concede qualcosa di troppo: alla sirena il risultato è 19-17.

Nel secondo quarto il Geas non lascia più libertà alle avversarie. Due punti facili di Barberis, servita dalle sapienti mani di capitan Arturi, aprono la frazione. Lo scarto si allarga sul +9 con un suggestivo assist di “Bea” Barberis per il comodo appoggio di Decortes. In seguito a due rimbalzi offensivi consecutivi di quest’ultima, è soprattutto ancora con la guerriera Barberis che le rossonere scappano definitivamente dal controllo delle sarde. Una sua aggressiva penetrazione con appoggio di mancino sigla il 29-20, immediatamente seguita da un rovesciato sotto il ferro e da un jumper al centro del pitturato. La prima tripla della giovane cecchina Mariani e un semi-gancio dal centro dell’area di Decortes mettono il suggello sull’11-0 Geas. All’intervallo lungo il tabellone segna 38-20.

A neanche un minuto dalla ripresa Schieppati si improvvisa guardia tiratrice con quattro punti di fila con i suoi caratteristici piazzati dalla distanza. A metà tempino le cagliaritane dànno l’ultimo segno di vita con un 6-0 di parziale che le riporta a -13, ma le sestesi rispondono in fretta e bene. Capitan Arturi dirige ex cathedra due magistrali contropiedi per le realizzazioni prima di Schieppati e poi di Pusca. Mariani si riconferma specialista da dietro l’arco chiudendo la frazione con una tripla sulla sirena.

Cagliari apre l’ultimo quarto con un 5-0, ma le rossonere in campo gestiscono bene il notevole vantaggio, anzi riescono ad aumentarlo. Barberis perfeziona le proprie cifre con due canestri di fila da sotto derivati da due rimbalzi offensivi. Rimaste sul parquet solo le “under”, Pellegrini fa 2/2 dalla lunetta e poco dopo segna da tre; quattro punti di Decortes e due di Pusca fanno calare definitivamente il sipario su una partita già scritta a metà della seconda frazione.

GEAS Sesto San Giovanni - C.U.S. Cagliari 77 - 47 (19-17, 38-20, 56-35, 77-47)
GEAS SESTO SAN GIOVANNI: Schieppati* 10 (5/6 da 2), Arturi* 5 (1/2, 1/3), Zagni* 8 (4/5 da 2), Pellegrini 7 (1/3, 1/2), Mariani 9 (3/7 da 3), Decortes 10 (5/8 da 2), Gambarini* 4 (2/4 da 2), Panzera, Barberis* 15 (7/9, 0/1), Grassia, Pusca 9 (3/6, 1/3)
Allenatore: Zanotti C.
Tiri da 2: 28/47 - Tiri da 3: 6/19 - Tiri Liberi: 3/4 - Rimbalzi: 46 15+31 (Decortes 10) - Assist: 20 (Arturi 9) - Palle Recuperate: 4 (Zagni 1) - Palle Perse: 15 (Squadra 2)
C.U.S. CAGLIARI: Ridolfi* 7 (3/11, 0/2), Gaetani 2 (1/3 da 2), Rossi* 10 (4/12 da 2), Sorrentino* 9 (3/3, 1/2), Borsetto NE, Caldaro* 11 (5/15 da 2), Zucca, Zucca, Aielli, Madeddu 6 (3/4 da 2), Niola* 2 (1/3, 0/1), Tomasovic NE
Allenatore: Xaxa F.
Tiri da 2: 20/55 - Tiri da 3: 1/5 - Tiri Liberi: 4/11 - Rimbalzi: 27 11+16 (Ridolfi 6) - Assist: 8 (Niola 3) - Palle Recuperate: 2 (Caldaro 1) - Palle Perse: 11 (Zucca 3)
Arbitri: Castellaneta A., Biondi M.

 

Fabiano Scarani