EuroLeague - Il Real è più forte degli infortuni: espugnato il parquet del Fenerbahce Istanbul

Quarta vittoria consecutiva per gli uomini di coach Pablo Laso
28.12.2017 21:06 di Fabrizio Fasanella Twitter:   articolo letto 520 volte
EuroLeague - Il Real è più forte degli infortuni: espugnato il parquet del Fenerbahce Istanbul

Nonostante un primo quarto negativo (17-10), l’incerottato Real (9-6) cambia faccia nel secondo quarto, muove meglio la palla ed espugna l’ostico parquet dei campioni d’Europa del Fenerbahce (9-6). I turchi pagano un gran numero di disattenzioni offensive e una mancanza di lucidità nei momenti chiave. A sbagliare il tiro del pareggio sulla sirena è Wanamaker, autore di 20 punti e 5 recuperi. Dall’altra parte, il mattatore di quella che è ormai una classica del basket europeo è Luka Doncic. Il baby fenomeno, infatti, sfiora la tripla doppia con 20 punti (11/12 dai liberi), 8 rimbalzi e 10 assist. Bene anche Thompkins con 13 punti e una stoppata importante nel finale. Gara dai due volti per Datome, assente nel primo tempo e dominante nel secondo con 12 punti. È la seconda sconfitta casalinga nel giro di due settimane per la truppa di coach Obradovic.

 

Il Fenerbahce punisce ogni errore del Real e approccia bene la gara dal punto di vista difensivo. Wanamaker e Nunnally, quindi, conducono un parziale di 7-0 che fa volare i turchi a +9 (17-6) a 3 minuti dalla fine del primo periodo. Nel finale della frazione, però, Madrid prende fiducia e accorcia lo svantaggio grazie a Maciulis e Taylor (17-10 il punteggio al decimo). Gli spagnoli proseguono lungo la direzione imboccata nel finale del quarto d’apertura e tornano prepotentemente in partita sfruttando i lampi di Carroll e Taylor. Poi Tavares, a 2 minuti dall’intervallo, commette due falli antisportivi di seguito su Vesely e viene espulso, ma gli ospiti non si fanno abbattere e mettono la testa avanti in seguito al guizzo di Doncic e alla tripla di Taylor. Infine, Wanamaker segna sulla sirena (canestro convalidato nonostante una evidente infrazione di passi) e la truppa di coach Laso è sopra 36-37 alla pausa lunga. Il parziale del secondo periodo è di 19-27 per i madrileni (4 palle perse dei padroni di casa).

Nel terzo quarto si sblocca Datome con un paio di canestri fondamentali, tuttavia il Real risponde ad ogni colpo dei padroni di casa e al trentesimo non c’è ancora nessun padrone: 61-62. Il Fenerbahce, nel quarto periodo, continua a perdere palloni banali e gli ospiti, con Carroll e Thompkins, provano a dare una spallata all’incontro (+4) a poco più di 4 minuti dalla fine. Thompson e Datome accorciano a -1 lo svantaggio, ma Vesely commette un gratuito fallo antisportivo su Doncic, che fa 3/4 dai liberi (aveva subito un altro fallo in precedenza). Madrid, quindi, è sopra 75-79 con 1 minuto rimasto, poi Melli scrive 2 e i turchi hanno la palla in mano a 6 secondi dalla fine: Thompkins stoppa Wanamaker e sempre l’ex giocatore di Pistoia sbaglia il tiro del pareggio sulla sirena. Vincono i Blancos 77-79.