Varese spedisce Cremona in A2, finale assurdo a Masnago

 di Alessandro Palermo  articolo letto 4199 volte
Eyenga
Eyenga

Una partita come le altre, per Varese, una finalissima per Cremona. I padroni di casa, ormai salvi e fuori dai playoff, avevano ben poco da chiedere ma la Vanoli no, la Vanoli doveva vincere per restare ancora in vita e sperare. Gli ospiti rincorrevano una salvezza difficile ma non impossibile, l'obiettivo - anzi l'obbligo - era vincere a Masnago, per giocarsi poi tutto all'ultima giornata, forti dello scontro diretto con Pesaro a proprio favore. Ed, invece, niente da fare. La Openjobmetis batte la Vanoli 78 a 75, condannando i "cugini" lombardi alla retrocessione. Verdetto figlio dell'artimetica, dopo la vittoria casalinga della Vuelle contro la capolista Olimpia Milano (90-79), ormai senza stimoli e desiderosa di iniziare i playoff. Successo di Pesaro che, contemporaneamente al ko di Masnago, spedisce la squadra di coach Paolo Lepore nell'inferno dell'A2. Di seguito la cronaca del match:

​(Clicca QUI per leggere le pagelle)

PRIMO TEMPO
Manco a dirlo, a sbloccare il risultato è il neo capitano di Varese, Giancarlo Ferrero, sua la tripla che apre ufficialmente le danze. Primi due minuti tutti di marchio Ferrero: l'idolo di Masnago fa 5-0, meritando ogni singolo applauso alla presentazione delle due squadre. Match poco rilevante per Varese, ormai salva e fuori dalla corsa playoff, diverso invece il discorso per Cremona, che dimostra subito di essere molto nervosa e di sentire particolarmente la partita. Tempo pochi secondi e l'atmosfera del "PalA2A" è già rovente, nervi tesi tra Darius Johnson-Odom e Christian Eyenga, con quest'ultimo che ci rimette. Fallo tecnico fischiato al congolese e primi insulti tra le due tifoserie lombarde. Gli ospiti si affidano ad Elston Turner, mentre coach Paolo Lepore ordina ai suoi di pressare l'avanzata biancorossa. 28-20 al 10', con la Vanoli graziata da una bomba di Jakub Wojciechowski a una dozzina di secondi dalla fine del primo quarto. Nella seconda frazione gli ospiti si avvicinano fino al -6 (31-25) ma Dominique Johnson riporta Varese avanti di tre possessi con un proiettile dall'arco. Al 15' la Openjobmetis è avanti di tredici (38-25), coach Lepore decide dunque di chiamare time out per cercare di svoltare una prima parte di gara in ombra. All'intervallo il tabellone recita 45 a 35 per i padroni di casa.​

SECONDO TEMPO
​Buona partenza della Vanoli che, grazie alla bomba di Johnson-Odom, accorcia subito a sette il distacco con Varese. Lo stesso Johnson-Odom, però, si rende protagonista di due palle perse consecutive, banali quanto evitabili. I locali prendono e ringraziano, Kangur fa +11 al 25' (51-40) con un semplice appoggio al vetro. Altro che squadra in vacanza, i biancorossi non hanno ancora staccato la spina dalla corrente. Eric Maynor ed Eyenga ne sono la prova, con una giocata di classe dietro l'altra. A proposito di classe, anche Aleksa Avramovic si iscrive allo show con un passaggio magico dietro la schiena per Eyenga, il quale segna e subisce il fallo in contropiede. Boato di Masnago, azione da vedere e rivedere. Cremona incassa come un pugile stordito, mentre Varese continua ad incantare: Norvel Pelle - lasciato tutto solo nello smile - schiaccia a canestro il +16. 60-44 a due minuti dalla fine del terzo quarto. I tifosi ospiti chiedono "gentilmente" ai propri giocatori di tirare fuori gli attributi, la reazione della Vanoli non si fa attendere e al 30' lo svantaggio da recuperare per Cremona è soltanto di sette lunghezze (62-55). La squadra di coach Lepore ci crede ancora, partita apertissima. Orgoglio Vanoli: in avvio gli ospiti si portano subito a due soli possessi di distanza, nonostante Varese faccia di tutto per allungare. I biancoblù restano attaccati a -5 fino alla sterzata di Maynor. Il talentuoso play americano alza un cioccolatino per Eyenga, il quale schiaccia e ringrazia. 70-61 al 35'.

FINALE
Proprio quando Cremona sembrava alzare bandiera bianca (sotto di 14 a 3' dalla fine), Carlino e Turner riescono a dare ancora speranza ad una città intera. Quest'ultimo segna due canestri consecutivi, riportando gli ospiti a due soli punti di scarto (76-74). A 30' dalla fine, l'espisodio: Avramovic commette un fallo ingenuo su Johnson-Odom, mandando l'ex Sassari in lunetta con tre pesantissimi liberi. Il bomber con lo zero sul retro della maglietta ha tra le mani i liberi dell'incredibile vantaggio ma il suo 1/3 distrugge il sogno degli ospiti, vicini a compiera un incredibile rimonta nel minuto finale. Un 2/3 di Johnson-Odom sarebbe valso il 76 pari ma i due libiri sbagliati mettono Cremona con le spalle al muro. Finisce 78-75, Vanoli retrocessa in A2. 

L'MVP secondo Pianetabasket.com: Eric Maynor (VARESE)
​Un direttore d'orchestra, elegante ed efficace nel dirigere la manovra offensiva della propria squadra, come forse nessuno sa fare in Serie A. Prestazione notevole, l'ennesima.


VARESE: Johnson 18 (7/20 dal campo), Maynor 16 e 7 assist, Eyenga 12
CREMONA: Johnson-Odom 22, Turner 16 (5 palle perse), Thomas 10 e 9 rimbalzi


Cronaca a cura di Alessandro Palermo,
Inviato a Masnago